“L’ARROGANZA DI QUESTO TIPO RICORDA RENZI QUANDO GLI CHIEDEVANO DI FAR DIMETTERE LA BOSCHI” – DI MAIO CONTINUA A PROVOCARE SALVINI COME SE NON CI GOVERNASSE INSIEME DA UN ANNO: “NON CI STO A RAPPRESENTARE QUESTO GRANDE STRATAGEMMA PER DISTRARRE DALL’EMERGENZA DEL PAESE CHE NON È L’IMMIGRAZIONE MA LA CORRUZIONE” – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

Da www.corriere.it

 

MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO COME BUD SPENCER E TERENCE HILL MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO COME BUD SPENCER E TERENCE HILL

«Non posso commentare la prepotenza e l’arroganza di questo tipo, che ricorda Renzi quando gli chiedevano di far dimettere la Boschi». Di Maio commenta le parole di Salvini sul premier Conte in merito al caso Sea Watch. «Una cosa è certa: questa prepotenza aumenta, soprattutto sull’immigrazione, quando la Lega è in difficoltà con gli scandali di corruzione. Non ci sto a rappresentare questo grande stratagemma per distrarre dall’emergenza del Paese che non è in questo momento l’immigrazione, ma la corruzione».

LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO MATTEO SALVINI luigi di maio in imbarazzo davanti ad alessandro marescotti a taranto 1 luigi di maio in imbarazzo davanti ad alessandro marescotti a taranto 1 LA MASCHERA DI LUIGI DI MAIO PINOCCHIO LA MASCHERA DI LUIGI DI MAIO PINOCCHIO LUIGI DI MAIO AL TELEFONO LUIGI DI MAIO AL TELEFONO CONTE E DI MAIO CONTE E DI MAIO GIUSEPPE CONTE PINOCCHIO IN MEZZO AL GATTO (LUIGI DI MAIO) E LA VOLPE (MATTEO SALVINI) MURALE BY TVBOY GIUSEPPE CONTE PINOCCHIO IN MEZZO AL GATTO (LUIGI DI MAIO) E LA VOLPE (MATTEO SALVINI) MURALE BY TVBOY MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO INNAMORATI MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO INNAMORATI

 

Condividi questo articolo

politica

ZANDA AFFONDA LA ZANNA CONTRO RENZI: “HA SBAGLIATO PIÙ VOLTE ANALISI E CONTINUA A COMPIERE ERRORI CLAMOROSI. L’ITALIA E’ STANCA DI LEADER INVADENTI” - LA MOZIONE DI SFIDUCIA CONTRO BONAFEDE? UNA MOZIONE PROMOSSA DA UN PARTITO DI GOVERNO CONTRO UN MINISTRO È UNA SFIDUCIA AL GOVERNO - IL KING'S MAKERS DI ZINGARETTI, CHE GLI HA DATO IL RUOLO DI TESORIERE PARLA ANCHE DELLE CASSE DEL PARTITO “OBERATE DA SPESE E DA DEBITI” E DEL CASO MORO: “PRIMA DELLA SUA UCCISIONE COSSIGA SCRISSE 3 LETTERE. SPARITE”