“L’ESSENZA DELLA VICENDA DI TAIWAN NON È UNA QUESTIONE DEMOCRATICA, MA DI PRINCIPIO SULLA SOVRANITÀ E L'INTEGRITÀ TERRITORIALE” – I CINESI CONTINUANO A TENERE ALTA LA TENSIONE SU TAIPEI, PARLANDO DI COSE A LORO SCONOSCIUTE (LA DEMOCRAZIA): “L’ATTUALE SITUAZIONE È STATA INTERAMENTE CAUSATA DA PELOSI E DAI POLITICI AMERICANI” – ENNESIMO MESSAGGIO DI SOSTEGNO DELLA RUSSIA: “LE PROVOCAZIONI NON AVVENGONO SENZA CONSEGUENZE”

-

Condividi questo articolo


 

CINA, TAIWAN È QUESTIONE DI SOVRANITÀ NON DI DEMOCRAZIA

xi jinping xi jinping

(ANSA) - L'essenza della vicenda di Taiwan "non è una questione democratica, ma una questione di principio importante sulla sovranità e l'integrità territoriale della Cina".

 

E' la risposta della portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying alle critiche di Usa e Paesi occidentali sulla reazione eccessiva di Pechino che ha varato un ciclo di massicce manovre militari intorno all'isola in risposta alla visita a Taipei della speaker della Camera americana Nancy Pelosi. L'attuale situazione "è stata interamente causata da Pelosi e dai politici americani", ha aggiunto Hua nel briefing quotidiano.

 

ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN

La parte americana "dovrebbe pensare in modo diverso. Se un certo stato negli Stati Uniti cerca di separarsi dagli Stati Uniti e di affermarsi come Paese, mentre un altro Paese continua a fornirgli armi e sostegno politico, il governo e il popolo degli Stati Uniti possono permetterlo?", ha aggiunto Hua, omettendo che Taiwan non è mai stata nel controllo della Repubblica popolare cinese.

 

La visita di Pelosi a Taiwan è stata "una seria mossa provocatoria" che viola gravemente il principio della Cina unica, calpestando "le norme fondamentali delle relazioni internazionali e danneggiando pesantemente la sovranità e l'integrità territoriale della Cina".

 

Xi Jinping e Vladimir Putin Xi Jinping e Vladimir Putin

Pechino, ha concluso Hua, "ha compiuto sforzi diplomatici nella massima misura possibile e ha ripetutamente avvertito gli Usa attraverso vari canali che se Pelosi fosse andata a Taiwan avrebbe causato danni molto gravi e che tutte le conseguenze sarebbero poi ricadute unicamente sulla parte statunitense".

 

CREMLINO, DA PECHINO AZIONE LEGITTIMA PER SUA SOVRANITÀ

(ANSA) - "Provocazioni" come la visita di Nancy Pelosi a Taiwan "non avvengono senza conseguenze". Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalle agenzie russe. "La Cina sta adottando legittimamente un'azione per proteggere la sua sovranità", ha aggiunto, riferendosi alle manovre militari di Pechino.

LA STRATEGIA DEL PORCOSPINO - TAIWAN VS CINA LA STRATEGIA DEL PORCOSPINO - TAIWAN VS CINA ESERCITAZIONI CINA TAIWAN ESERCITAZIONI CINA TAIWAN esercitazioni militari cinesi 6 esercitazioni militari cinesi 6 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 3 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 3 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 2 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 2 esercitazioni militari cinesi 1 esercitazioni militari cinesi 1 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 1 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 1 NANCY PELOSI LASCIA TAIWAN NANCY PELOSI LASCIA TAIWAN CINA TAIWAN CINA TAIWAN esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 4 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 4 USA - CINA - TAIWAN - MEME USA - CINA - TAIWAN - MEME nancy pelosi tsai ing wen nancy pelosi tsai ing wen esercitazioni militari cinesi 5 esercitazioni militari cinesi 5 esercitazioni militari cinesi 4 esercitazioni militari cinesi 4 ESERCITAZIONI MILITARI CINESI A TAIWAN ESERCITAZIONI MILITARI CINESI A TAIWAN ESERCITAZIONI CINA TAIWAN ESERCITAZIONI CINA TAIWAN ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN XI JINPING VLADIMIR PUTIN - VIGNETTA DI GIANNELLI XI JINPING VLADIMIR PUTIN - VIGNETTA DI GIANNELLI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE