“L’ESSENZA DELLA VICENDA DI TAIWAN NON È UNA QUESTIONE DEMOCRATICA, MA DI PRINCIPIO SULLA SOVRANITÀ E L'INTEGRITÀ TERRITORIALE” – I CINESI CONTINUANO A TENERE ALTA LA TENSIONE SU TAIPEI, PARLANDO DI COSE A LORO SCONOSCIUTE (LA DEMOCRAZIA): “L’ATTUALE SITUAZIONE È STATA INTERAMENTE CAUSATA DA PELOSI E DAI POLITICI AMERICANI” – ENNESIMO MESSAGGIO DI SOSTEGNO DELLA RUSSIA: “LE PROVOCAZIONI NON AVVENGONO SENZA CONSEGUENZE”

-

Condividi questo articolo


 

CINA, TAIWAN È QUESTIONE DI SOVRANITÀ NON DI DEMOCRAZIA

xi jinping xi jinping

(ANSA) - L'essenza della vicenda di Taiwan "non è una questione democratica, ma una questione di principio importante sulla sovranità e l'integrità territoriale della Cina".

 

E' la risposta della portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying alle critiche di Usa e Paesi occidentali sulla reazione eccessiva di Pechino che ha varato un ciclo di massicce manovre militari intorno all'isola in risposta alla visita a Taipei della speaker della Camera americana Nancy Pelosi. L'attuale situazione "è stata interamente causata da Pelosi e dai politici americani", ha aggiunto Hua nel briefing quotidiano.

 

ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN

La parte americana "dovrebbe pensare in modo diverso. Se un certo stato negli Stati Uniti cerca di separarsi dagli Stati Uniti e di affermarsi come Paese, mentre un altro Paese continua a fornirgli armi e sostegno politico, il governo e il popolo degli Stati Uniti possono permetterlo?", ha aggiunto Hua, omettendo che Taiwan non è mai stata nel controllo della Repubblica popolare cinese.

 

La visita di Pelosi a Taiwan è stata "una seria mossa provocatoria" che viola gravemente il principio della Cina unica, calpestando "le norme fondamentali delle relazioni internazionali e danneggiando pesantemente la sovranità e l'integrità territoriale della Cina".

 

Xi Jinping e Vladimir Putin Xi Jinping e Vladimir Putin

Pechino, ha concluso Hua, "ha compiuto sforzi diplomatici nella massima misura possibile e ha ripetutamente avvertito gli Usa attraverso vari canali che se Pelosi fosse andata a Taiwan avrebbe causato danni molto gravi e che tutte le conseguenze sarebbero poi ricadute unicamente sulla parte statunitense".

 

CREMLINO, DA PECHINO AZIONE LEGITTIMA PER SUA SOVRANITÀ

(ANSA) - "Provocazioni" come la visita di Nancy Pelosi a Taiwan "non avvengono senza conseguenze". Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalle agenzie russe. "La Cina sta adottando legittimamente un'azione per proteggere la sua sovranità", ha aggiunto, riferendosi alle manovre militari di Pechino.

LA STRATEGIA DEL PORCOSPINO - TAIWAN VS CINA LA STRATEGIA DEL PORCOSPINO - TAIWAN VS CINA ESERCITAZIONI CINA TAIWAN ESERCITAZIONI CINA TAIWAN esercitazioni militari cinesi 6 esercitazioni militari cinesi 6 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 3 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 3 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 2 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 2 esercitazioni militari cinesi 1 esercitazioni militari cinesi 1 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 1 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 1 NANCY PELOSI LASCIA TAIWAN NANCY PELOSI LASCIA TAIWAN CINA TAIWAN CINA TAIWAN esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 4 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 4 USA - CINA - TAIWAN - MEME USA - CINA - TAIWAN - MEME nancy pelosi tsai ing wen nancy pelosi tsai ing wen esercitazioni militari cinesi 5 esercitazioni militari cinesi 5 esercitazioni militari cinesi 4 esercitazioni militari cinesi 4 ESERCITAZIONI MILITARI CINESI A TAIWAN ESERCITAZIONI MILITARI CINESI A TAIWAN ESERCITAZIONI CINA TAIWAN ESERCITAZIONI CINA TAIWAN ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN XI JINPING VLADIMIR PUTIN - VIGNETTA DI GIANNELLI XI JINPING VLADIMIR PUTIN - VIGNETTA DI GIANNELLI

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE