“L’ESSENZA DELLA VICENDA DI TAIWAN NON È UNA QUESTIONE DEMOCRATICA, MA DI PRINCIPIO SULLA SOVRANITÀ E L'INTEGRITÀ TERRITORIALE” – I CINESI CONTINUANO A TENERE ALTA LA TENSIONE SU TAIPEI, PARLANDO DI COSE A LORO SCONOSCIUTE (LA DEMOCRAZIA): “L’ATTUALE SITUAZIONE È STATA INTERAMENTE CAUSATA DA PELOSI E DAI POLITICI AMERICANI” – ENNESIMO MESSAGGIO DI SOSTEGNO DELLA RUSSIA: “LE PROVOCAZIONI NON AVVENGONO SENZA CONSEGUENZE”

-

Condividi questo articolo


 

CINA, TAIWAN È QUESTIONE DI SOVRANITÀ NON DI DEMOCRAZIA

xi jinping xi jinping

(ANSA) - L'essenza della vicenda di Taiwan "non è una questione democratica, ma una questione di principio importante sulla sovranità e l'integrità territoriale della Cina".

 

E' la risposta della portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying alle critiche di Usa e Paesi occidentali sulla reazione eccessiva di Pechino che ha varato un ciclo di massicce manovre militari intorno all'isola in risposta alla visita a Taipei della speaker della Camera americana Nancy Pelosi. L'attuale situazione "è stata interamente causata da Pelosi e dai politici americani", ha aggiunto Hua nel briefing quotidiano.

 

ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN

La parte americana "dovrebbe pensare in modo diverso. Se un certo stato negli Stati Uniti cerca di separarsi dagli Stati Uniti e di affermarsi come Paese, mentre un altro Paese continua a fornirgli armi e sostegno politico, il governo e il popolo degli Stati Uniti possono permetterlo?", ha aggiunto Hua, omettendo che Taiwan non è mai stata nel controllo della Repubblica popolare cinese.

 

La visita di Pelosi a Taiwan è stata "una seria mossa provocatoria" che viola gravemente il principio della Cina unica, calpestando "le norme fondamentali delle relazioni internazionali e danneggiando pesantemente la sovranità e l'integrità territoriale della Cina".

 

Xi Jinping e Vladimir Putin Xi Jinping e Vladimir Putin

Pechino, ha concluso Hua, "ha compiuto sforzi diplomatici nella massima misura possibile e ha ripetutamente avvertito gli Usa attraverso vari canali che se Pelosi fosse andata a Taiwan avrebbe causato danni molto gravi e che tutte le conseguenze sarebbero poi ricadute unicamente sulla parte statunitense".

 

CREMLINO, DA PECHINO AZIONE LEGITTIMA PER SUA SOVRANITÀ

(ANSA) - "Provocazioni" come la visita di Nancy Pelosi a Taiwan "non avvengono senza conseguenze". Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalle agenzie russe. "La Cina sta adottando legittimamente un'azione per proteggere la sua sovranità", ha aggiunto, riferendosi alle manovre militari di Pechino.

LA STRATEGIA DEL PORCOSPINO - TAIWAN VS CINA LA STRATEGIA DEL PORCOSPINO - TAIWAN VS CINA ESERCITAZIONI CINA TAIWAN ESERCITAZIONI CINA TAIWAN esercitazioni militari cinesi 6 esercitazioni militari cinesi 6 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 3 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 3 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 2 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 2 esercitazioni militari cinesi 1 esercitazioni militari cinesi 1 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 1 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 1 NANCY PELOSI LASCIA TAIWAN NANCY PELOSI LASCIA TAIWAN CINA TAIWAN CINA TAIWAN esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 4 esercitazioni militari cinesi sullo stretto di taiwan 4 USA - CINA - TAIWAN - MEME USA - CINA - TAIWAN - MEME nancy pelosi tsai ing wen nancy pelosi tsai ing wen esercitazioni militari cinesi 5 esercitazioni militari cinesi 5 esercitazioni militari cinesi 4 esercitazioni militari cinesi 4 ESERCITAZIONI MILITARI CINESI A TAIWAN ESERCITAZIONI MILITARI CINESI A TAIWAN ESERCITAZIONI CINA TAIWAN ESERCITAZIONI CINA TAIWAN ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN ESERCITAZIONI CINESI SULLO STRETTO DI TAIWAN XI JINPING VLADIMIR PUTIN - VIGNETTA DI GIANNELLI XI JINPING VLADIMIR PUTIN - VIGNETTA DI GIANNELLI

 

Condividi questo articolo

politica

“SE LETTA VA ALLA SEGRETERIA GENERALE DELLA NATO TEMPO SEI MESI I RUSSI ARRIVANO IN PORTOGALLO” – RENZI, CHE TALENTO SPRECATO: POTEVA FARE IL COMICO, CE LO DOBBIAMO SORBIRE IN POLITICA! MATTEUCCIO SPERNACCHIA ENRICHETTO: “NON HO NESSUN PROBLEMA PERSONALE CON LUI. HA DETTO ‘NON VOGLIO RENZI PERCHÉ MI STA ANTIPATICO. BERLUSCONI INECE HA DETTO 'DEVI VENIRE CON NOI'’” – POI APRE A UN EVENTUALE APPOGGIO A UN GOVERNO DI CENTRODESTRA: “SE CI SARÀ UN PROBLEMA CERCHEREMO DI DARE UNA MANO COME ABBIAMO FATTO CON DRAGHI” – IL DAGO-SCENARIO: COME, INSIEME A UN GRUPPO DI FORZISTI, VUOLE IMPEDIRE A GIORGIA MELONI DI ANDARE A PALAZZO CHIGI…

SCENARI DI FANTA-POLITICA - LA STRATEGIA SOGNATA DA ITALIA VIVA, CON L’APPOGGIO DI UN GRUPPO DI FUTURI EX PARLAMENTARI DI FORZA ITALIA (CAPITANATI DAL SENATORE LUIGI CESARO, AI PIÙ NOTO COME GIGGINO 'A PURPETTA) È QUELLA DI INFILARE “CAVALLI DI TROIA” NELLE LISTE DI FORZA ITALIA, GRAZIE ALLE COPERTURE OFFERTE DAI CONGIURATI AZZURRI - APPENA ELETTI, I NEO-PARLAMENTARI DOVREBBERO PASSARE IN UN NEO GRUPPO DI CENTRO, DA COSTITUIRE APPOSITAMENTE - L’OBIETTIVO E’ AZZOPPARE IL CENTRODESTRA E IMPEDIRE A GIORGIA MELONI DI ANDARE A PALAZZO CHIGI (BERLUSCONI SA DI QUESTO FANTA-PROGETTO?)