“L’OMOSESSUALITÀ NON È UN CRIMINE MA UN PECCATO” – LA PRIMA INTERVISTA DI PAPA FRANCESCO DOPO LA MORTE DI BENEDETTO XVI: “CON RATZINGER HO PERSO UN PADRE" - SULLE SUE CONDIZIONI DI SALUTA SCHERZA: "POTREI MORIRE DOMANI, MA È TUTTO SOTTO CONTROLLO, SONO IN BUONA SALUTE” – IL MESSAGGIO A PADRE GEORG E ALL’ALA CONSERVATRICE DELLA CHIESA: “LE CONTESTAZIONI DEGLI OPPOSITORI? SGRADEVOLI COME UN’ERUZIONE CUTANEA CHE DÀ UN PO’ FASTIDIO”

-

Condividi questo articolo


Gian Guido Vecchi per www.corriere.it

 

PADRE GEORG GAENSWEIN E PAPA FRANCESCO PADRE GEORG GAENSWEIN E PAPA FRANCESCO

«Ho perso un padre», dice della morte di Benedetto XVI, spiega ironico di stare tutto sommato bene, «potrei morire domani, ma è tutto sotto controllo, sono in buona salute», e spiega di non aver nemmeno preso in considerazione l’idea di emanare norme per regolare le future dimissioni papali e di voler continuare il più a lungo possibile «ad essere vescovo, vescovo di Roma in comunione con tutti i vescovi del mondo».

 

PAPA FRANCESCO EPIFANIA PAPA FRANCESCO EPIFANIA

Papa Francesco parla all’Associated Press e nella prima sintesi dell’agenzia americana, che riporta solo alcuni stralci della conversazione, definisce «sgradevoli come un’eruzione cutanea che dà un po’ fastidio» le contestazioni degli oppositori , «ma io preferisco che lo facciano perché così c’è libertà di parola», e critica tra l’altro come «ingiuste» le leggi che criminalizzano l’omosessualità, «essere omosessuali non è un crimine», anche se la qualifica come un «peccato» - in contraddizione apparente con quanto disse nel 2013, «chi sono io per giudicare?» - e dice, secondo l’Ap: «Non è un crimine. “Sì, ma è un peccato” (dice, riferendo una immaginaria replica, ndr). Bene, ma prima distinguiamo tra un peccato e un crimine».

PAPA FRANCESCO E L ULTIMO SALUTO AL FERETRO DI RATZINGER PAPA FRANCESCO E L ULTIMO SALUTO AL FERETRO DI RATZINGER bergoglio funerali di ratzinger bergoglio funerali di ratzinger

 

Condividi questo articolo

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

“PENSO CHE UN COLPO DI STATO MILITARE POSSA ESSERE POSSIBILE” – PUTIN È ALLE BATTUTE FINALI? SECONDO ABBAS GALLYAMOV, EX SPEECHWRITER DEL PRESIDENTE RUSSO, SÌ: “L’ECONOMIA STA PEGGIORANDO E LA GUERRA È PERSA. I RUSSI CERCHERANNO DI TROVARE UNA SPIEGAZIONE DEL PERCHÉ TUTTO QUESTO STA ACCADENDO. SI RISPONDERANNO DA SOLI. TEMPO UN ANNO, UN COLPO DI STATO DIVENTA REALE. SENZA VITTORIA SULL'UCRAINA, DOVRÀ AFFRONTARE I RUSSI IN DIFFICOLTÀ. I RUSSI NON HANNO BISOGNO DI LUI SE NON È FORTE. POTREBBE…”

“FACCETTA ROSSA” – ALDO GRASSO IRONIZZA SU GUIDO CROSETTO CHE HA CEDUTO ALLE INSISTENZE DI FIORELLO E HA INTONATO “BELLA CIAO”  - ALDO CAZZULLO SPIEGA PERCHE’ IL MINISTRO DELLA DIFESA HA CANTATO IL BRANO SIMBOLO DELLA RESISTENZA: "LO HA FATTO PER NON DARE UN DISPIACERE A FIORELLO E POI PERCHE’ E’ DI MARENE, IN PIEMONTE. DALLE SUE PARTI, CHE POI SONO LE MIE, QUANDO INTONAVAMO ‘BELLA CIAO’ DA RAGAZZI NON ERAVAMO NEPPURE SFIORATI DALL’IDEA DI FARE UNA COSA DI SINISTRA. PERALTRO QUEL BRANO I PARTIGIANI NON L'AVEVANO MAI CANTATO…" - VIDEO