LA LEGGE NON E’ UGUALE PER TUTTI: ALLEGGERITA LA WEB-TAX PER L’’’IRLANDESE’’ GOOGLE - VIA L’OBBLIGO DI APRIRE LA PARTITA IVA PER QUALUNQUE IMPRESA STRANIERA

Per capirsi: fino ad oggi la società di Brin e Page ha potuto pagare imposte solo sulla base del numero di dipendenti che ha nella sua sussidiaria italiana e non, come pretenderebbe il Fisco, sulla base del presunto fatturato raccolto in Italia e che invece la società fattura in Irlanda…

Condividi questo articolo

Alessandro Barbera per ‘La Stampa'

Via l'obbligo di aprire la partita Iva per qualunque impresa straniera, la contestata tassa anti-Google assume sempre più i contorni di un provvedimento ad aziendam. Per capire con esattezza cosa sarà la webtax all'italiana bisognerà però attendere il testo che il governo presenterà oggi nel maxiemendamento in aula, quello sul quale ci sarà il voto di fiducia.

GoogleGoogle

Fra pasticci, dietrofront e nella fretta di chiudere la seduta notturna, martedì la maggioranza è infatti riuscita ad approvare due testi parzialmente sovrapponibili: la rappresentazione plastica di un governo che non è stato in grado di governare il lavoro in Commissione.

In ogni caso non si tratterà della prima bozza liberticida, quella che obbligava all'apertura di una partita Iva in Italia qualunque impresa che volesse vendere prodotti via internet nel Belpaese. Si è fatto sentire il niet di Matteo Renzi, che per ben due volte si è dichiarato contrario all'emendamento di alcuni deputati della sua stessa area e del presidente della Bilancio, Francesco Boccia.

Una cosa è certa: d'ora in poi Google dovrà aumentare la quantità di fatturato dichiarato in Italia, e per questo pagherà più tasse. Vediamo perché. Dopo una lunga trattativa fra favorevoli e contrari, la maggioranza ha trovato un compromesso restringendo l'obbligo di possedere partita Iva in Italia solo per i soggetti che vendono «pubblicità on line» direttamente o indirettamente. Non solo Google, ma è evidente che oggi, fra i soggetti che operano sulla rete, il gigante di Mountain View la fa da padrone.

STEFANO FASSINA E FRANCESCO BOCCIASTEFANO FASSINA E FRANCESCO BOCCIA

Chi avrà a che fare con Google dovrà pagare i servizi con strumenti tracciabili, ovvero bonifico bancario, in Posta (ebbene sì, c'è anche la Posta) o tramite carta di credito. Il pasticcio tuttora irrisolto sta nel fatto che i due emendamenti non coincidono nella definizione di partita Iva: l'emendamento Fanucci la cita in senso generico, senza specificare quindi se italiana od europea. Il secondo, a firma Covello, parla esplicitamente di partita Iva «italiana».

Se il governo farà propria questa seconda formulazione il rischio di procedura di infrazione da parte dell'Unione europea resta in piedi, visto che il commissario lituano per la fiscalità Algirdas Semeta ha pronta una lettera di richiamo per violazione dei principi comunitari. «La norma deve rispettare il principio della non-discriminazione fiscale e della libera circolazione di merci e capitali», spiegavano ieri all'Ansa fonti comunitarie.

Francesco BocciaFrancesco Boccia

Il passaggio decisivo che costringerà Google e le altre multinazionali dei servizi on line a pagare più tasse in Italia è però un altro, ed è la parte in cui l'emendamento Covello obbliga Google a introdurre «indicatori di profitto diversi» per il calcolo dell'attività svolta in Italia.

Per capirsi: fino ad oggi la società di Brin e Page ha potuto pagare imposte solo sulla base del numero di dipendenti che ha nella sua sussidiaria italiana e non, come pretenderebbe l'Amministrazione fiscale, sulla base del presunto fatturato raccolto in Italia e che invece la società fattura in Irlanda. La norma ora li costringerà a fare i conti con «le funzioni effettivamente svolte», un concetto non troppo lontano da quello del fatturato.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

L’INFORMAZIONE È SFATTA - URBANO CAIRO SI PORTA AVANTI COL LAVORO E PRENDE LA TESSERA NUMERO UNO DEL FUTURO PARTITO DI CONTE: “LA CRISI NON CI VOLEVA E CONTE FA BENE A CERCARE I RESPONSABILI. IO ANDREI AVANTI FINO A FINE LEGISLATURA” – VI SEMBRA NORMALE CHE L’EDITORE DEL PRIMO QUOTIDIANO ITALIANO E DELL’EMITTENTE LA7 SI SCHIERI IN MANIERA COSÌ SFACCIATA VERSO IL CAZZARO CON LA POCHETTE? IMMAGINATE ORA I NOTISTI DI POLITICA DI VIA SOLFERINO E I CONDUTTORE DE LA7 QUANDO DOVRANNO SPARARE CRITICHE A CONTE…

SE ZINGA VIENE INDAGATO, NON VALE - NELLE STESSE ORE IN CUI DI MAIO DICHIARAVA LA ROTTURA DEI RAPPORTI CON L'UDC PER L'AVVISO DI GARANZIA AL SEGRETARIO (DIMISSIONARIO), LORENZO CESA, ANCHE ZINGARETTI FINIVA IN UNA INCHIESTA GIUDIZIARIA - SULLA GRATICOLA PER LE NOMINE ASL, ANCHE L'ASSESSORE ALLA SALUTE DEL LAZIO, ALESSIO D'AMATO E ALMENO ALTRI SETTE BIG DELLA SANITÀ LAZIALE - SALVINI: “I GUAI DEL LEADER PD COMPLICANO IL RECLUTAMENTO DI VOLTAGABBANA O PER IL MOVIMENTO 5 STELLE I POLITICI INDAGATI NON SONO PIÙ UN PROBLEMA?”

MENTRE CONTE VA A CACCIA DI SCILIPOTI E RAZZI, L’ITALIA VA A PUTTANE - SEBBENE LA PROSPETTIVA DI ELEZIONI SIA “IMPROBABILE”, IL GOVERNO “INDEBOLITO DALLA RECENTE CRISI” HA DI FRONTE A SÉ ‘’SFIDE POLITICHE SPAVENTOSE’’, SENTENZIA MOODY'S - E SULL'ITALIA SI RIAFFACCIA COSÌ LO SPETTRO DEL DECLASSAMENTO E I MERCATI ACCUSANO SUBITO IL COLPO CON LO SPREAD CHE TOCCA QUOTA 126 PUNTI (AI MASSIMI DA NOVEMBRE), IL RENDIMENTO DEI BTP DECENNALI CHE TOCCA LO 0,75% E LA BORSA DI MILANO CHE PERDE L' 1,52%

UN GOVERNO APPESO A UN UOMO DI BONAFEDE - LA RESA DEL CONTE È RINVIATA A MERCOLEDÌ QUANDO SI VOTA SULLA RELAZIONE DELLO STATO DELLA GIUSTIZIA DI BONAFEDE: IL GUARDASIGILLI INCARNA IL GIUSTIZIALISMO DEI 5 STELLE CHE STA SUL GROPPONE A METÀ PARLAMENTO E ORA PROPRIO LUI CHE HA PORTATO LA VOLPE CON LA POCHETTE AI PENTASTELLATI RISCHIA DI AFFOSSARLO – SUL GUARDASIGILLI IL GOVERNO AVEVA GIÀ VACILLATO A FEBBRAIO, MA ADESSO AVERLO TRA LE BALLE DIVENTA UN OSTACOLO ALLA RICERCA DEI RESPONSABILI…