È LEI O NON È LEI? CERTO CHE NON È LEI! - ''L'UNITÀ'' ULTRA-RENZIANA SI CHIEDE SE FOSSE VIRGINIA RAGGI LA RAGAZZA MORA NEL VIDEO ''MENO MALE CHE SILVIO C'È'', INNO BERLUSCONIANO DEL 2008, QUANDO LAVORAVA ALLO STUDIO PREVITI - LEI: 'GRAZIE PER LA PUBBLICITÀ GRATUITA, MA NON SONO IO' - ORGASMO D'ANGELIS: 'UN GIOCHINO DA WEB' - VIDEO

Il presunto scoop dell'Unità che ripropone quel video con tanto di domanda allusiva («Secondo voi quella ragazza bruna che si sistema i capelli è un' allora 29enne Virginia Raggi? Difficile dirlo. A ognuno la sua risposta»), si trasforma in un boomerang per il giornale del Pd...

Condividi questo articolo


 

1.VIDEO - ''MENO MALE CHE SILVIO C'È'' (2008)

 

 

 

2.SARÀ VIRGINIA RAGGI NEL VIDEO DI BERLUSCONI?

http://www.unita.tv/

LA NON VIRGINIA RAGGI NEL VIDEO MENO MALE CHE SILVIO C E LA NON VIRGINIA RAGGI NEL VIDEO MENO MALE CHE SILVIO C E

 

Ricordate il video elettorale del 2008 “Meno male che Silvio c’è”? Alcuni utenti hanno sollevato il dubbio su Twitter: anche la candidata grillina a Roma tra i protagonisti del video?

 

Alcuni tweet di utenti in rete avevano sollevato la questione, facendo venire il sospetto che la ragazza che (come potete vedere al minuto 1,01) si sistema i capelli fosse proprio la candidata del M5S alla carica di sindaco di Roma.

 

 

3.IL CASO «RAGGI NEL CORO DI BERLUSCONI» LEI SMENTISCE L' ATTACCO DELL' UNITÀ

Ernesto Menicucci per il ''Corriere della Sera''

 

È lei o non è lei? No, quella ragazza bruna, coi capelli lisci, le dita affusolate, che compare a fianco di Francesca Pascale nel video-tormentone della campagna elettorale berlusconiana del 2008 scandita dal ritornello «Meno male che Silvio c' è», non è Virginia Raggi, candidata sindaco di Roma del Movimento Cinque Stelle.

virginia raggi con bruno vespa a porta a porta virginia raggi con bruno vespa a porta a porta

 

E il presunto scoop dell' Unità.tv che ripropone quel video con tanto di domanda allusiva («Secondo voi quella ragazza bruna che si sistema i capelli è un' allora 29enne Virginia Raggi? Difficile dirlo. A ognuno la sua risposta»), si trasforma in un boomerang per il giornale del Pd.

 

In serata la Raggi twitta: «Ringrazio l' Unità per la pubblicità gratuita e per il buon giornalismo, anche se la ragazza del video non sono io». Una punta di ironia per chi ha pubblicato una notizia (seppure in forma dubitativa) senza verificarla. Ma, prima di rispondere, nello staff di M5S ci hanno pensato a lungo. Temeva, la Raggi, che fosse una sorta di «trappola»: o per montare un caso ad uso e consumo di tutti gli organi di informazione; o per farle prendere nettamente le distanze da Forza Italia e dal centrodestra (quei voti, al ballottaggio, fanno gola a tutti); oppure, ancora, per farla uscire allo scoperto, colpendola poi con altre «rivelazioni».

RAGGI RAGGI

 

Fantasmi, forse. Ma da tempo, dentro i Cinque Stelle, circola la voce che i dem stiano lavorando a un «dossier su Virginia» e il suo passato. È anche il segno di come vanno le cose nella corsa al Campidoglio: la sfida vera, con il centrodestra ancora diviso, è tra Pd e M5S. E vale tutto, anche i colpi bassi.

 

Alessandro Di Battista e la Raggi, qualche giorno fa, hanno chiamato in causa il candidato Pd Roberto Giachetti «che era al fianco di Luigi Lusi (il tesoriere della Margherita condannato a sette anni per aver distratto circa 25 milioni dalle casse del partito, ndr ) senza vedere niente». E il vicepresidente della Camera aveva replicato: «La Raggi ha un' etica disgustosa».

 

RAGGI RAGGI

Ora la nuova puntata, al termine della quale - però - a l' Unità non resta che «prendere atto: ma non ci dobbiamo scusare», spiega il direttore del sito Mario Lavia, ex vicedirettore di Europa . Via Twitter, la risposta diretta alla Raggi: «Grazie del chiarimento. Come ha capito la nostra non era una tesi, ma una domanda».

 

Ma perché allora pubblicare quel video? «Si sa - dice Lavia - che la candidata di M5S ha frequentato, per motivi professionali, gli ambienti della destra romana, avendo fatto il praticantato da Cesare Previti e lavorando nello studio Sammarco, che difende lo stesso Previti». E questo basta a pubblicare una notizia non sicura?

VIRGINIA RAGGI VIRGINIA RAGGI

 

«Ci sembrava comunque curioso e interessante. E lo avremmo fatto per qualunque altro candidato, Giachetti compreso. La ragazza del video è molto somigliante e, visti i trascorsi della Raggi, non mi meraviglierebbe se fosse capitata in qualche manifestazione a sostegno di Berlusconi». Non è che l' Unità ha altro nel cassetto? «Se avessimo delle informazioni sulla Raggi, le pubblicheremmo», dice ancora Lavia. Per ora niente, neppure un rigo: «La storia del video non la mettiamo sul giornale. Era un giochino da web», dice il direttore De Angelis.

ALBERTO IRACE ERASMO D ANGELIS MATTEO RENZI ALBERTO IRACE ERASMO D ANGELIS MATTEO RENZI

 

Eppure, per sapere che la ragazza che canta non fosse la Raggi, bastava un piccolo controllo. Nel video compare Giancarlo Miele, ex consigliere regionale del Lazio con la giunta Polverini, all' epoca coordinatore dei giovani. Contattato dal Corriere , anche Miele smentisce: «Ma no, ne sono sicuro al 99,9%. Quel video, con le riprese al Palazzo della civiltà e del lavoro dell' Eur, l' ho organizzato io. C' erano tutti i nostri ragazzi, li conosco uno a uno. Ora, comunque, me lo riguardo».

 

ERASMO D'ANGELIS ERASMO D'ANGELIS

Cinque minuti dopo, richiama: «Confermo. Non è lei. Poi questa ragazza ha gli occhi verdi, la Raggi mi pare li abbia scuri». E chi è allora, quella del video? «Una studentessa della Luiss, mi pare. Ma sono anche passati 8 anni...».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?