1. LONTANO DALLE TELECAMERE E DAI TACCUINI DEI GIORNALISTI, ECCO COME SPARLA RENZI 2. DIMISSIONI DI FASSINA?: “CHE PROBLEMA C’È? UN INCOMPETENTE IN MENO AL GOVERNO” 3. ANCORA! ‘’LE DIMISSIONI IRREVOCABILI DI FASSINA? C’È UN DISEGNO DEI BERSANIANI DI FARSI UN PROPRIO PARTITO… I SOLDI POTREBBERO ESSERCI, CE LI HA UGO SPOSETTI...” 4. ‘’VOGLIONO RIMANERE ATTACCATI ALLE POLTRONE FINO AL 2018? BENE, IO LI POSSO ANCHE SEGUIRE. A PATTO CHE NON MI ROMPANO LE SCATOLE SE IO MI CONFONDO CON LA TARES, L’IMU, LA TIC E LA TOC. NON MI ROMPANO I COJONI...IO POSSO ARRIVARE ALLA FINE DELLA LEGISLATURA: AVRÒ 43 ANNI, MOLTI MENO DI QUELLI CHE HA LETTA ADESSO” 5. ‘’IO FLIRTO CON BERLUSCONI PER AVERE UNA LEGGE ELETTORALE CHE NON PIACE AD ALFANO? MA DI CHE STIAMO PARLANDO? TRA UN PO’ CI SONO LE AMMINISTRATIVE E IN ALMENO 4 MILA COMUNI IL NCD DI ALFANO SI PRESENTA CON BERLUSCONI. È SOLO UN’AMMUINA”

Condividi questo articolo


Maria Teresa Meli per il "Corriere della Sera"

Enrico Letta incontra Stefania Giannini per capire quello che vuole fare Scelta civica. Matteo Renzi nello stesso giorno, all'ora di pranzo, vede Mario Monti. Consultazioni parallele? O di più? Il segretario del Partito democratico rifiuta le buone creanze della politica italiana, perché sa che «alla gente non frega niente». E quindi va avanti, Letta, o non Letta, Alfano o non Alfano.

Il partito in quanto ditta si preoccupa e il capogruppo dei deputati Roberto Speranza incontra il presidente dell'Assemblea nazionale Gianni Cuperlo nel Transatlantico di Montecitorio. L'interrogativo è sempre lo stesso: che vuole fare il sindaco di Firenze? «Esattamente quello che dico non da ora», è la risposta di chi la ditta la disconosce, o, forse, nemmeno la conosce. Il retropensiero è un altro: «Capiscono che se infiliamo la legge elettorale poi infiliamo tutto e hanno paura di non toccare più la palla».

MATTEO RENZI E LA BOMBA A ENRICO LETTAMATTEO RENZI E LA BOMBA A ENRICO LETTA

Perciò il segretario del Pd è convinto che Fassina abbia cambiato idea. E che «nel giro di poco più di un mese le sue dimissioni irrevocabili, siano diventate revocabili, e poi, di nuovo, irrevocabili». Questa volta per sempre, perché «c'è un disegno dei bersaniani di farsi un proprio partito». Tutti negano, ovviamente, ma tutti, sotto lo schermo dell'anonimato, assicurano: «I soldi potrebbero esserci, ce li ha Sposetti...».

La prima reazione di Renzi di fronte alle dimissioni di Fassina è stata spontanea, com'è lui: «Che problema c'è? Un incompetente in meno al governo», ha detto a botta calda agli amici. Poi si è reso conto che questa risposta poteva darla solo ai fedelissimi. E si è ributtato nella dialettica con gli altri partiti. Con Sel il rapporto è consolidato. Con Scelta civica è stato rafforzato ieri, da un ex presidente del Consiglio, che con Letta ha dei rapporti complicati e che, non a caso, si è ritrovato a Firenze con il sindaco di quella città, che ha avviato le sue trattative sulla riforma elettorale, Letta e non Letta, Alfano e non Alfano (o, come lo chiama il segretario del Pd, Alfin).

Il sindaco di Firenze vuole mandare in porto la legge elettorale il prima possibile. Perché sa che su quello si misurerà. Con i suoi, ragionando a briglia sciolta, parla così: «Sul doppio turno abbiamo il partito, Scelta civica e anche Alfano. Sullo spagnolo, che ammazza i partitini, ovviamente ci siamo solo noi e Forza Italia...era un accordo già fatto all'epoca di Bersani, ma poi Migliavacca ha avuto paura, Verdini ha fatto il furbo, e l'intesa è saltata. Resta il Mattarellum, che piace a Sel, non dispiace a una parte del Partito democratico e di FI...».

LETTA-RENZILETTA-RENZI

Renzi è stufo di sentirsi dire che flirta con Berlusconi per avere una legge elettorale che non piace ad Alfano: «Ma di che stiamo parlando? Tra un po' ci sono le amministrative e in almeno 4 mila Comuni il Ncd di Alfano si presenta con Berlusconi. È un'ammuina che non posso seguire».

passaggio di consegne enrico letta mario montipassaggio di consegne enrico letta mario monti

No, non ce la fa, il sindaco di Firenze a seguire i normali binari di un normale partito del centrosinistra a egemonia ex Ds, se non altro perché ha rottamato tutto ciò. Per questa ragione adesso spiega ai fedelissimi: «Vogliono rimanere attaccati alle poltrone fino al 2018? È questo che in realtà vogliono? Bene, io li posso anche seguire. A patto che non mi rompano le scatole se io mi confondo con la Tares, l'Imu, la Tic e la Toc. Non mi rompano i co...Io posso arrivare alla fine della legislatura: avrò 43 anni, molti meno di quelli che ha Letta adesso».

IL BIGLIETTO DI ENRICO LETTA A MARIO MONTIIL BIGLIETTO DI ENRICO LETTA A MARIO MONTI

Dopodiché? Dopodiché, giura e rigiura il segretario, «non avrò mai l'interesse di sciogliere i nodi con cui vi siete attaccati alle vostre poltrone». Renzi, però, non vuole mostrare la faccia feroce, di chi va in battaglia sapendo che il conflitto sarà aspro: «I parlamentari del Pd preferiscono rimanere nella melma in cui siamo? Che ci rimangano, per carità».

«Ma - aggiunge Renzi con fare sicuro - questo immobilismo non possiamo permettercelo. O il governo ha un colpo d'ala, una sterzata, oppure...oppure ci ritroviamo nell'immobilismo più bieco, e a quel punto se si riesce a fare la riforma con Berlusconi va bene, qualsiasi cosa è meglio dell'immobilismo, nessuno può dire niente di fronte a un accordo del genere. Neanche se si va votare...A meno che Alfano non dica subito che il sistema a doppio turno va bene, che è disposto a farlo in due settimane. Allora lo facciamo subito».

LETTA ALFANO FRANCESCHINILETTA ALFANO FRANCESCHINI GIANNI CUPERLOGIANNI CUPERLO

 

ENRICO LETTA E ALFANO NEL GIORNO DELLA FIDUCIA AL GOVERNO FOTO LAPRESSEENRICO LETTA E ALFANO NEL GIORNO DELLA FIDUCIA AL GOVERNO FOTO LAPRESSE

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...