MACRON, VAI IN PENSION! MOZIONE DI CENSURA TRASVERSALE PER FAR CADERE IL GOVERNO DOPO LA RIFORMA DELLE PENSIONI VOLUTA DA "MONSIEUR LE PRESIDENT" - BLOCCATA PER PROTESTA LA TANGENZIALE DI PARIGI - PER ORA I MANIFESTANTI SONO 200 MA SONO RIUSCITI A STOPPARE IL TRAFFICO. SE IL PARLAMENTO FRANCESE VOTERÀ LA SFIDUCIA, MACRON AVRÀ DUE POSSIBILITÀ: NOMINARE UN NUOVO PRIMO MINISTRO O INDIRE NUOVE ELEZIONI. SE INVECE LA MOZIONE DI SFIDUCIA NON RAGGIUNGERÀ LA MAGGIORANZA ASSOLUTA…

-

Condividi questo articolo


Da la Stampa

francia proteste contro riforma pensioni di macron francia proteste contro riforma pensioni di macron

Sulla riforma delle pensioni il governo francese dovrà affrontare il voto di sfiducia all'inizio della prossima settimana. Un gruppo di parlamentari centristi (Liberte's, Inde'pendants Outre-mer et Territoires, Liot) e il partito di Marine Le Pen (Rassemblement National) ha presentato due diverse mozioni di sfiducia contro il governo. La doppia iniziativa è arrivata meno di 24 ore dopo che il governo di Macron ha invocato poteri costituzionali speciali - ossia il ricorso all'articolo 49 - per approvare l'aumento dell'età pensionabile, senza l'approvazione da parte dell'assemblea nazionale.

 

Il voto di sfiducia ha ottenuto il sostegno di NUPES, la coalizione di sinistra di socialisti, comunisti e verdi. Il leader di estrema sinistra, Jean-Luc Melenchon, ha spiegato che non ha presentato una propria mozione per avere più possibilità che sia approvato il voto di sfiducia presentato da Liot.

 

francia proteste contro riforma pensioni di macron francia proteste contro riforma pensioni di macron

Marine Le Pen, leader del più grande partito di opposizione all'assemblea nazionale, in un primo tempo aveva detto che il suo partito avrebbe a favore di qualsiasi voto di sfiducia contro il governo Macron, ma alla fine ha depositato una propria mozione di sfiducia separata. A questo punto la sopravvivenza del governo Macron pare essere legata ai Repubblicani, il partito conservatore dell'establishment francese.

 

«No comment» dell’Eliseo

L'ufficio stampa dell'Eliseo non commenta. Se il parlamento francese voterà la sfiducia, Macron avrà due possibilità: nominare un nuovo primo ministro e quindi un nuovo governo o indire nuove elezioni. Se invece la mozione di sfiducia non raggiungerà la maggioranza assoluta, passerà la riforma delle pensioni annunciata ieri.

 

 

francia proteste contro riforma pensioni di macron francia proteste contro riforma pensioni di macron

 

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...