DI MAIO HA TROVATO L’AMERICA – L’EX COMPAGNO DI LICEO DI LUIGINO CARMINE AMERICA OGGI SARÀ NOMINATO NEL CDA DI LEONARDO, NONOSTANTE IL SUOCERO ABBIA UNA SOCIETÀ FORNITRICE DELL'EX FINMECCANICA – PRENDERÀ 80MILA EURO (PIÙ I GETTONI), CHE SI SOMMERANNO ALLO STIPENDIO DA CONSULENTE DEL MINISTERO. MICA MALE, CONSIDERANDO CHE IL SUO MERITO PRINCIPALE È ESSERE NATO A POMIGLIANO…

-

Condividi questo articolo


Paolo Bracalini per “il Giornale”

 

Carmine America Carmine America

Da Pomigliano d'Arco ai vertici di Leonardo Finmeccanica, grazie a quel liceo frequentato insieme a Luigino Di Maio negli anni Duemila. Chissà adesso come ringrazia i genitori per averlo iscritto proprio lì, Carmine America, uno degli ultimi miracolati del premiato poltronificio Cinque Stelle. Proprio oggi l'assemblea degli azionisti di Leonardo confermerà la nomina dei tre candidati proposti dal ministero dell'Economia per il nuovo cda.

 

alessandro profumo alessandro profumo

I primi due sono il riconfermato amministratore delegato Alessandro Profumo e il generale Luciano Carta, ex Aise, neo presidente del colosso aerospaziale controllato dal Tesoro. E il terzo è appunto lui, Carmine America, ex compagno di scuola di Di Maio che già lo aveva premiato con una consulenza al ministero dello Sviluppo economico e poi, dal settembre scorso, al ministero degli Esteri in qualità di «Esperto di questioni internazionali, sicurezza e difesa».

carmine america carmine america

 

generale luciano carta generale luciano carta

Come consigliere di amministrazione di Leonardo incasserà come compenso fisso 80mila euro, ma - calcola Gianni Dragoni nel suo blog Poteri Deboli -, a questi vanno poi aggiunti i «gettoni», cioè compensi ad hoc, per i consigli di amministrazione a cui presenzierà, e che faranno lievitare la remunerazione verso i 100mila euro annui. Non male per un 35enne, con alle spalle poche esperienze al di là di quelle ministeriali ottenute grazie all'amicizia con Di Maio, catapultato nel giro di pochi mesi ai posti di comando dell'industria strategica nazionale.

 

ar.ter. 2 ar.ter. 2

E non solo. L'incarico di America alla Farnesina scade - si legge nel documento del ministero - con il «termine del mandato governativo». Significa quindi che finché il ministro degli Esteri sarà Di Maio, anche l'ex compagno di liceo resterà lì. E per suggerire al ministro fondamentali strategie internazionali, Carmine America prende dallo Stato 80mila euro lordi all'anno.

 

ar.ter. ar.ter.

Che quindi vanno sommati al compenso che riceverà da Leonardo, arrivando quindi a 160mila euro (minimo, senza i gettoni di presenza, con quelli siamo a 180mila euro). Significa che nel giro di un anno il Di Maio boy ha raddoppiato lo stipendio. Non male, mentre la maggioranza degli italiani tira la cinghia o dà fondo ai risparmi per andare avanti.

 

LUIGI DI MAIO LUIGI DI MAIO

C'è poi un altro interrogativo, quello dei rimborsi viaggio che spettano a tutti i consiglieri e che potrebbe far salire ulteriormente il costo aziendale dell'amico di Di Maio. Costi irrisori per un colosso da 14 miliardi di euro di fatturato, certo. Ma per un partito come il M5s che è campato sulla denuncia di privilegi e sprechi pubblici, ritrovarsi nei panni del lottizzatore di poltrone pubbliche è un bel paradosso. Ma neppure sul conflitto di interessi di Carmine America il M5s ha fiatato. Il suo suocero ha infatti una ditta, la ArTer srl di Castello di Cisterna nel napoletano (ovviamente), che è fornitrice proprio di Leonardo, di cui ora America è consigliere. Ci sono conflitti di interesse che minano l'eleggibilità del neoconsigliere. Macché, nessuno, è scritto nero su bianco. Dove? Nell'autocertificazione firmata dallo stesso Carmine America. Uno vale uno, un amico di Di Maio anche due.

ar.ter. 1 ar.ter. 1 ar.ter. referenze ar.ter. referenze LUIGI DI MAIO CON MASCHERINA LUIGI DI MAIO CON MASCHERINA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…