IL MIRACOLO DEL BUROCRATE. VITO COZZOLI METTE INSIEME LETTA (GIANNI), BOSCHI, LUPI E DI MAIO – LA “TESTA DI BRIOSCHE” (COSI’ DEFINITO NELLE INTERCETTAZIONI SULLA MINISTRA GUIDI) PRESENTA IL LIBRO CON DE GENNARO COME SPONSOR – LA MODESTIA DEL PENTASTELLATO: CON LA MIA PRESENZA HO FATTO VENIRE LE TELECAMERE

Condividi questo articolo

 

Alessandro Trocino per il Corriere della Sera

 

LETTA BOSCHI DI MAIO LETTA BOSCHI DI MAIO

Il miracolo delle larghissime intese riesce, almeno per una sera, a un personaggio ignoto al grande pubblico, ma con un potere solido e trasversale: Vito Cozzoli. Si presenta il suo libro Sviluppo e innovazione e intorno a lui c' è molta parte di quello che una volta si chiamava arco parlamentare: il sottosegretario Maria Elena Boschi (Pd), Maurizio Lupi (Ap), Gianni Letta (Forza Italia) e, a suo agio come in una cristalleria, il 5 Stelle Luigi Di Maio.

 

VITO COZZOLI FEDERICA GUIDI VITO COZZOLI FEDERICA GUIDI

Il vicepresidente della Camera, sollecitato dai fotografi, stringe persino la mano alla Boschi. Ma poi non concede troppi sorrisi alle cortesie di rito. Anzi, esordisce con una frase che raggela i partecipanti: «Diciamo che la mia presenza qui ha contribuito a portare un po' di telecamere». La Boschi fa una vistosa smorfia, mentre la padrona di casa, Maria Latella (in vestito turchese, mentre l' ex ministro è in fucsia), prova a far parlare d' attualità i presenti.

 

VITO COZZOLI VITO COZZOLI

Con scarsi risultati. Gianni Letta replica da par suo: «Mi avvalgo della facoltà di non rispondere». La Boschi, a ruota: «Dal dottor Letta c' è sempre da imparare». Ma poi si lascia andare e parla, senza sbilanciarsi troppo, di legge elettorale. Lupi si dilunga un po' sul «Rosatellum», ma la parentesi è breve e si passa subito a Cozzoli e al suo libro.

 

 

VITO COZZOLI PAOLO MESSA VITO COZZOLI PAOLO MESSA

 Di Maio spiega di essere lì proprio per lui, che chiama amichevolmente e ripetutamente «Vito»: «Ho lavorato bene con Vito, ha contribuito a far partire il nostro fondo per il microcredito». Una volta i 5 Stelle facevano fatica perfino a salutare i rivali degli altri partiti, per non parlare dei cronisti, ma i tempi sono cambiati. Di Maio è in grisaglia istituzionale e il Movimento siede al fianco dei nemici di sempre, dialogando con i poteri forti. È stato così con la Trilateral, già oggetto di pesanti strali, ed è così al libro di Cozzoli.

 

Vito Cozzoli Vito Cozzoli GIANNI DE GENNARO GIANNI DE GENNARO

Già, ma come ha fatto questo brillante burocrate a mettere insieme questo parterre? Con una carriera lunga e importante. Attualmente è capo della sicurezza della Camera, ma è stato per otto anni capo dell' Avvocatura. Ha ottimi rapporti negli States (il libro viene presentato al Centro studi americani e introdotto da Gianni De Gennaro che ne è presidente), è cassazionista, finanziere onorario, presidente della commissione per le licenze Uefa della Fgci.

 

CARLO CALENDA CARLO CALENDA

A seguire, commendatore dell' Ordine Equestre di Sant' Agata di San Marino e gran croce al merito melitense del Sovrano Ordine di Malta. Da capo di gabinetto di Federica Guidi, sopravvive al tritacarne degli scandali (viene chiamato nelle intercettazioni come «testa di brioche»).

 

Il suo potere è talmente grande che il nuovo ministro Carlo Calenda non lo vuole a capo di gabinetto perché troppo «ingombrante». Rumors lo danno vicino al gruppo Benetton e a Opus Dei. Nel circolo degli amici, ora, se ne aggiunge uno nuovo: Luigi Di Maio.

 

 

Condividi questo articolo

politica

TOGA? NO PARTY - RIFORMA DELLA MAGISTRATURA: CARRIERE ''QUASI'' SEPARATE, NIENTE FUNZIONI GIUDICANTI PER CHI HA FATTO POLITICA. CESSATO IL MANDATO, SVOLGERÀ FUNZIONI AMMINISTRATIVE A PARITÀ DI STIPENDIO. CHI SI CANDIDA SENZA ESSERE ELETTO NON POTRÀ PER TRE ANNI LAVORARE NELLO STESSO UFFICIO GIUDIZIARIO DI PRIMA - CAMBIA L'ELEZIONE DEL CSM, CON SPINTA SUL BIPARTITISMO: AREA VS MAGISTRATURA INDIPENDENTE, IN MEZZO QUEL CHE RESTA DI UNICOST, LA CORRENTE CHE FU DI PALAMARA. MENTRE DAVIGO…