MONTI ASSUME BONDI CHE AVEVA ASSUNTO SUO FIGLIO! - NEANCHE IL TEMPO DI METTERE MANO ALLA SPENDING REVIEW E SPUNTA FUORI LA SUPERCONSULENZA CHE IL NUOVO MEGACOMMISSARIO AFFIDO’ A "MONTINO" NEL 2009 - GIOVANNINO, 38 ANNI, SI E’ DIMESSO (O E’ STATO DIMISSIONATO?) PRIMA DI NATALE DALLA CARICA DI RESPONSABILE DEL BUSINESS DEVELOPMENT DI PARMALAT DOVE ERA STATO CHIAMATO PROPRIO DA ENRICO BONDI…

Condividi questo articolo


Le palle di Mario MontiLe palle di Mario Monti

Carlo Tarallo per Dagospia

Padri e figli, tecnici e consulenti, spending review e i soliti incroci delle famiglie che contano (i miliardi di euro): nemmeno il tempo di sedersi sulla nuova poltrona di commissario per i tagli agli acquisti di beni e servizi nella Pubblica amministrazione ed ecco che arriva il primo spiffero maligno su Enrico Bondi.

Enrico BondiEnrico Bondi

Fu proprio il neocommissario, infatti, ad assumere nel 2009 (quando era all'opera in Parmalat) il figlio di Mario Monti, Giovanni, in azienda. Montino, all'epoca, era intristito: a 38 anni, con una laurea alla Bocconi e un Master in Business administration alla prestigiosa Columbia University di New York si era annoiato della vitaccia che conduceva tra lavoretti da precario qualunque.

Qualche esperienza in investimenti bancari alla banca d'affari Goldman Sachs, poi un posto in Citigroup e il passaggio alla Morgan & Stanley, alle prese con le transazioni economico-finanziarie sui mercati di Europa, Medio Oriente e Africa, in collegamento diretto con gli uffici centrali di New York. Nel 2009 la chiamata di Bondi: Giovannino arriva a Parmalat come top manager, per volontà dell'amico (di famiglia) Enrico, e si stabilisce in città con moglie e figlio.

Giovanni Monti - figlio di Mario MontiGiovanni Monti - figlio di Mario MontiParmalatParmalat

Pochi mesi fa la doccia fredda: con l'ingresso di Lactalis viene sostituito quasi tutto il management "bondiano" e Giovannino Monti perde la sua scrivania. Dimissioni? Licenziamento? Non si sa e non si è mai saputo ufficialmente. E oggi? E oggi babbo Mario chi sceglie per tagliare le spese della pubblica amministrazione? Ma Enrico Bondi, naturalmente, e i conti tornano. A chi? A loro naturalmente...

 

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

VAI AVANTI TU CHE A ME VIENE DA RIDERE – MENTRE PER GLI ITALIANI È IN ARRIVO UNA MAXI-STANGATA SULLE BOLLETTE DA 2.942 EURO SU BASE ANNUA A FAMIGLIA, LA MELONI PREFERISCE MANDARE DRAGHI A TRATTARE A BRUXELLES SUL GAS - LA "DRAGHETTA" GIURERÀ DOPO IL CONSIGLIO EUROPEO DEL 20-21 OTTOBRE SULL'ENERGIA (L'ITALIA SARÀ RAPPRESENTATA DAL PREMIER USCENTE). AL COLLE NON DISPIACE QUESTA SOLUZIONE. MA PER LA MELONI IL PROBLEMA E’ L'ASSE GERMANIA-FRANCIA CHE TAGLIA FUORI L'ITALIA MALDESTRA

ECCO COSA C’E’ DIETRO IL NO DELLA MELONI A LICIA RONZULLI MINISTRO – CECCARELLI SCODELLA UN SAPIDO RITRATTONE DELL’INFERMIERA DEL BANANA CANDIDATA A GUIDARE IL MINISTERO DELLA SANITA’ (MA LEI SMENTISCE): DALLA FOTO IN CUI ALLATTAVA A STRASBURGO ALLA TESTIMONIANZA A PROPOSITO DI IDOLETTI DELLA FERTILITÀ ACCOLTI A GIROTAVOLA DURANTE LE CENE A VILLA SAN MARTINO - “NEI GIORNI CONCITATI DEL QUIRINALE TRA RONZULLI E MELONI QUALCOSA DI STORTO DEVE ESSERSI VERIFICATO. E UN NO PRIMA ANCORA DI COMINCIARE È GIÀ UN NO CHE VALE PER IL FUTURO”