MORTO UN FRATI SE NE FA UN ALTRO – ALLA SAPIENZA DIVENTA RETTORE EUGENIO GAUDIO, UOMO DI FIDUCIA DEL MITICO LUIGI FRATI – HA PROMESSO LA PROMOZIONE A TUTTI I DOCENTI ABILITATI

- Rispettati in pieno i pronostici della vigilia, con il preside di Medicina che prende il 60% dei voti e batte il “fisico” Giancarlo Ruocco. Il figlio di Frati, il medico Giacomo, lavora nel dipartimento di Carlo Gaudio, fratello di Eugenio. La Sapienza ha 103mila iscritti, vi lavorano oltre 10mila persone e maneggia oltre un miliardo di euro… -

Condividi questo articolo


di Carlo Di Foggia per “Il Fatto Quotidiano”

 

Università La Sapienza Roma Università La Sapienza Roma

Solo il tempo fugherà la sensazione che ieri aleggiava all’ombra della Minerva: come il Gattopardo, anche Sapienza cambia per non cambiare. Rispettati i pronostici della vigilia, l’Ateneo più grande d’Europa (103 mila iscritti) si affida nuovamente a un esponente dell’area medica: Eugenio Gaudio, preside della facoltà di Medicina, per vent’anni feudo del suo predecessore, il plurindagato (e spesso archiviato) Luigi Frati con cui ha condiviso 9 anni da vice negli uffici della presidenza.

 

La scelta non era ampia. Dopo il ritiro simultaneo di 4 candidati (su sei) già dopo il primo turno, Gaudio ha ottenuto poco meno del 60 per cento dei voti, battendo l’unico sfidante rimasto, il prorettore ed ex capo dipartimento di Fisica Giancarlo Ruocco. Non è un mistero che il preside di Medicina puntasse a un risultato ancora più netto e le 217 schede bianche uscite ieri dalle urne raccontano di un tentativo di prolungare i giochi. Non è servito: toccherà a questo 58 enne medico cosentino vicino all’Opus Dei e con ottimi sponsor nella pastorale universitaria guidata dal vescovo Lorenzo Leuzzi ricevere la pesante eredità dell’era Frati.

 

ANNA MORETTI LUIGI FRATI SIMONETTA MATONE ANNA MORETTI LUIGI FRATI SIMONETTA MATONE

   I legami con quest’ultimo sono noti. Nel 2000 Gaudio fu chiamato a Medicina proprio da Frati. Mentre il magnifico risanava i conti a suon di tagli e accorpamenti di facoltà, medicina è cresciuta: triplicandosi. Tutto, raccontano i maligni, per accontentare i fedeli Gaudio e Adriano Redler, ex assessore e consigliere regionale, poi forzista e candidato alle ultime Europee.

 

   Come spesso accade nel primo ateneo romano, i legami si dispiegano in famiglia. Al dipartimento di Carlo Gaudio, fratello di Eugenio, il magnifico Luigi affidò il figlio Giacomo, cardiochirurgo nella stessa facoltà del padre, dove hanno trovato posto anche la moglie e l’altra figlia, Paola, laureata in giurisprudenza ma ordinario di medicina legale, che invece rientra proprio nel dipartimento di Eugenio.

 

GIACOMO FRATI FIGLIO DEL RETTORE DELLA SAPIENZA LUIGI FRATI GIACOMO FRATI FIGLIO DEL RETTORE DELLA SAPIENZA LUIGI FRATI

A maggio scorso, nella struttura, un concorso è stato annullato dal Tar del Lazio: quello per la cattedra di Medicina legale, affidata a Vittorio Fineschi, ma prima ricoperta da Paolo Arbarello, uno dei luminari della materia in Italia, scalzato dopo 16 anni di servizio per decisione “unilaterale” (si legge nella sentenza) del rettore e del Senato accademico. La causa? “Incompatibilità” con un altro incarico ricoperto dal docente, di cui però erano stati informati sia Frati che Gaudio. Insomma, una figuraccia.

 

Negli ultimi tempi, il preside di medicina ha poi curato per conto del rettore le trattative con la Regione per risolvere la grana del Policlinico. “Gaudio ha preso il massimo dei voti degli studenti (l’80 per cento, ndr): questo è il segnale di un vero rinnovamento”, spiega il magnifico uscente. Vero, due delle più grandi sigle si erano da tempo schierate a favore del rettore di medicina, vuoi perché la più importante, “Vento di cambiamento”, è nata e cresciuta in seno alla facoltà, vuoi perché condivide con i vertici l’origine cosentina. E dalla Calabria proviene una cospicua fetta del personale de La Sapienza.

luigi frati luigi frati

 

   Dal canto suo, il neo rettore ha già fatto sapere di non voler parlare del suo predecessore. Il magnifico ha provato fino all’ultimo a guidare i giochi, cercando di convincere Gaudio ad accettare i voti, e un ruolo in rettorato , di Tiziana Catarci, l’altro candidato (poi ritiratosi). Nei corridoi dell’amministrazione raccontano di una riunione durata un’ora e iniziata poco dopo la chiusura dei seggi al primo turno: nulla da fare, Gaudio ha proseguito da solo.

 

SAPIENZA ROMA SAPIENZA ROMA

“Non farò l’ex, mi dedicherò ad altro” ha tagliato corto ieri Frati. Non è un mistero che l’ormai ex rettore ambisca alla guida della fondazione Sapienza, che incassa gli affitti del gigantesco patrimonio immobiliare dell’Ateneo e gestisce i lasciti testamentari, conservando il ruolo di direttore del prestigioso centro Neuromed del Molise. Più che il passato però, è il presente a porre le sfide più difficili. La cura Frati ha riportato in attivo i conti (da meno 60 a più 8,5 milioni nel 2013) ma in 10 anni Sapienza ha perso circa 40mila iscritti. Nel complesso Sapienza muove un volume di risorse che supera il miliardo di euro e tra docenti e personale amministrativo conta più di diecimila unità

 

   Di certo, l’ambizione non manca. Durante la campagna elettorale Gaudio ha promesso l’impossibile: la promozione di tutti gli abilitati, scatenando in rete la presa in giro degli studenti.

 

Condividi questo articolo

politica