IL MOVIMENTO LENTO DI DIBBA – IL “CHE GUEVARA DI ROMA NORD” SCARICA CONTE: “HO RISPETTO TOTALE PER LUI, L’HO SOSTENUTO MA PER ME CONTANO LE LINEE POLITICHE. NON HO NULLA A CHE VEDERE CON UN MOVIMENTO CHE FA PARTE DEL GOVERNO DELL’ASSEMBRAMENTO PERICOLOSO” - I DEPUTATI ESPULSI RIFIUTANO L’OFFERTA DI RIENTRARE NEL M5S: “NASCIAMO COME OPPOSIZIONE APERTA A CHI NON VUOLE MORIRE MODERATI. DI BATTISTA? NON CI SERVONO LEADER”

-

Condividi questo articolo


DAVIDE CASALEGGIO ALESSANDRO DI BATTISTA DAVIDE CASALEGGIO ALESSANDRO DI BATTISTA

1 – Di Battista, tornare con Conte? Non entro in M5S a governo

 (ANSA) - ROMA, 02 MAR - "Rispetto totale per Conte. Ma io ho lasciato il M5S non per l'assenza di Conte. Ma per la presenza al governo con Draghi, Pd, Berlusconi, Salvini, Bonino, Brunetta, Gelmini etc, etc. Conte sapete bene che l'ho sostenuto eccome (il mio No totale e mai cambiato al governo era il miglior modo di sostenere Conte) ma per me contano le linee politiche.

 

Io, lo dico con la massima serenità, non ho nulla a che vedere con un Movimento che fa parte del governo dell'assembramento pericoloso". Lo scrive Alessandro Di Battista su Instragam rispondendo ad un utente che gli chiedeva di tornare nel M5S ora che c'è anche l'ex premier.

ANDREA COLETTI ANDREA COLETTI

 

2 – M5s: L'Alternativa c'è, noi opposizione dentro e fuori Aule

 (ANSA) - ROMA, 02 MAR - "Siamo 13 deputati espulsi dal M5s per la loro posizione sul governo Draghi. Noi nasciamo come opposizione di questo governo e in opposizione ai principi fondanti di un governo tecnico ma siamo una componente inclusiva, aperta ai chi non vuole morire moderato: siamo moderati nei modi e nei termini ma radicali nelle idee". Lo dice il deputato ex M5s Andrea Colletti presentando alla Camera la nuova componete L'Alternativa c'è e il suo manifesto "di principi ed obiettivi che vogliamo perseguire dentro e fuori il Parlamento, con le realtà sociali che vorranno fare questo percorso al nostro fianco".

 

3 – M5s: L'Alternativa c'è, Di Battista? Non ci servono leader

DAVIDE CASALEGGIO E ALESSANDRO DI BATTISTA DAVIDE CASALEGGIO E ALESSANDRO DI BATTISTA

 (ANSA) - ROMA, 02 MAR - "Noi non abbiamo bisogno di leader: Di Battista è una persona che si dà molto da fare e noi siamo aperti a tutti quelli che si ritrovano nel manifesto, si chiamino Di Battista o in un altro modo". Lo ha detto il deputato Andrea Colletti presentando alla Camera la nuova componente formata da ex M5s, L'Alterntiva c'è. "Io mi prefiguro una forza politiche che non abbia bisogno di leader, figure che in società fluida cambiano in continuazione" aggiunge il deputato.

 

3 – M5s: L'Alternativa c'è, non ci interessa un reintegro

BEPPE GRILLO E GIUSEPPE #CONTE BEPPE GRILLO E GIUSEPPE #CONTE

(ANSA) - ROMA, 02 MAR - "Un reintegro da espulsi? Il problema non si pone: fino a che il M5s si pone come maggioranza del governo Draghi, rientrare per noi sarebbe una contraddizione in termini". Lo ribadisce uno dei componenti de L'Aternativa c'è, la componente formata dagli espulsi dal M5s per aver votato contro la fiducia a Draghi, Andrea Colletti. "Il sostegno di questo governo è uno dei motivi per i quali non mi sono neppure lamentato per l'espulsione. Ovviamente io spero che il gruppo dirigente del M5s capisca quanto sia necessario invece che stare nella maggioranza , stare all'opposizione di questo governo. Me lo auguro, fermo restando che dovremo anche capire quale sarà il gruppo dirigente visto che al momento al vertice c'è un avvocato del foro di Cagliari" che ha dovuto sostituire Crimi, aggiunge Colletti.

giuseppe conte beppe grillo luigi di maio 1 giuseppe conte beppe grillo luigi di maio 1

 

Condividi questo articolo

politica

IL CASO SALVINI - PERCHÉ LA PROCURA DI CATANIA CHIEDE L'ARCHIVIAZIONE, MENTRE QUELLA DI PALERMO LO RINVIA A PROCESSO, SU CASI CHE MAGARI NON SONO MA APPAIONO SIMILI? IL CASO OPEN ARMS NON SI PUÒ ADDEBITARE SOLO AL TRUCE, VISTO CHE È STATO DECISO ANCHE DA CONTE E TONTINELLI - PER SALVINI IL PROCESSO SARÀ UN PROBLEMA PERSONALE E INSIEME UN'OPPORTUNITÀ POLITICA PER TENERE A BADA L’EMERGEMTE MELONI: QUELLA DI ERGERSI A DIFENSORE UNICO DELL'ITALIA CONTRO L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

IL RECOVERY PLAN È PRONTO DA GIORNI. COME MAI DRAGHI LO PRESENTERÀ A BRUXELLES L’ULTIMO GIORNO POSSIBILE? PERCHÉ E’ L’UNICO MODO PER FAR INGOIARE AI PARTITI IL SUO “PIANO NAZIONALE DI RILANCIO E RESILIENZA". ILLUSTRARLO OGGI AVREBBE INNESCATO L’ASSALTO AL BUFFET DEI POLITICI. QUANDO VERRÀ INVECE PORTATO ALLE CAMERE IL 26 E 27 APRILE, I PARTITI SI TROVERANNO CON LE SPALLE AL MURO: O LO ACCETTERANNO COSÌ COME VUOLE DRAGHI O SI ASSUMERANNO LA RESPONSABILITÀ DI FAR PERDERE AL PAESE 209 MILIARDI - PER DRAGHI, CHE CI HA PRESO GUSTO DI STARE A PALAZZO CHIGI, ''TUTTO DEVE CAMBIARE'' ANCHE SOTTO IL PROFILO ISTITUZIONALE, PERSINO COSTITUZIONALE (RIFORMA DELLA GIUSTIZIA)