MOVIMENTO 5 SERPI, L’AFFARE SI INGROSSA - CASALEGGIO CONTROLLA LE MAIL DEI GRILLINI? LA DEPUTATA M5S TERZONI ACCUSA LA COLLEGA CARINELLI: “HAI DATO LE PASSWORD DEL SERVER A UN PERFETTO SCONOSCIUTO SEGNALATO DA CASALEGGIO. HA AVUTO ACCESSO A TUTTE LE NOSTRE MAIL” -

Posta elettronica “controllata”, cellulari che spariscono in aula, accuse e veleni: nel M5S infuria la spy story. Terzoni attack: “Paola, perché non dici la verità? Abbiamo chiesto che fossi sollevata dal ruolo di capogruppo dopo tutto questo”. L’ex grillino Artini racconta tutto sul suo sito…

Condividi questo articolo


Paolo Bracalini per “il Giornale

 

PATRIZIA TERZONI M5S PATRIZIA TERZONI M5S

La linea ufficiale è smentire tutto: la Casaleggio non spia le mail dei parlamentari M5S, è una polemica «creata ad arte» per danneggiare il Movimento che è trasparente, assicura il senatore grillino Vito Crimi che per essere più credibile rende pubblico il suo numero di cellulare in diretta radio.

 

Difesa d' ufficio, cui però si aggiungono nuovi elementi di dubbio sulla spy story Cinque Stelle. E arrivano dall' interno del M5S, con uno sfogo su Facebook della deputata Patrizia Terzoni, che accusa apertamente una collega parlamentare M5S, la bresciana Paola Carinelli, di aver dato le chiavi di accesso delle mail alla Casaleggio Associati:

 

«Paola, perché non dici la verità? - scrive la Terzoni in un post rilanciato dal settimanale Oggi - Hai dato tu le password di modifica del server a un perfetto sconosciuto segnalato da Casaleggio, andando contro le decisioni del direttivo. Lo avevamo assunto noi, come gruppo parlamentare della Camera per cinque giorni, con clausole di riservatezza.

 

PAOLA CARINELLI M5S PAOLA CARINELLI M5S

Quindi non doveva rispondere allo staff (di Casaleggio, ndr) ma solo a noi, e così non è stato. A causa di questo un perfetto sconosciuto ha avuto accesso a tutte le nostre mail. Abbiamo chiesto che fossi immediatamente sollevata dal ruolo di capogruppo dopo tutto questo».

 

L' accusa alla grillina Carinelli sarebbe condivisa anche da altre parlamentari M5S, Tiziana Ciprini e Tatiana Basilio. L' ex deputato M5S Massimo Artini, ora al Misto dopo essere stato espulso, si occupava delle questioni informatiche per il gruppo e conosce molto bene la vicenda del server parlamentari5stelle.it.

 

PAOLA CARINELLI PAOLA CARINELLI

In un lungo post sul suo sito Artini ricostruisce la storia. E racconta che nell' ottobre 2014 «si viene a scoprire che il direttivo del gruppo Camera del Movimento 5 Stelle, su richiesta espressa da parte della Casaleggio Associati, per il tramite del capogruppo Paola Carinelli, aveva contrattualizzato con la WR Networks un controllo sul sistema, indicando il nome di un tecnico di fiducia della Casaleggio Associati, come riportato da Paola Carinelli durante la riunione del gruppo Camera del 6 ottobre 2014).

MASSIMO ARTINI M5S MASSIMO ARTINI M5S

 

Tale tecnico, su spunto della Casaleggio, aveva richiesto pieno accesso al sistema informatico». Dunque, conclude Artini, «è plausibile che possa esserci stata una violazione delle caselle di posta dei singoli parlamentari». Di più: «I rapporti del registro Windows evidenziavano accessi mirati alle caselle di posta elettronica».

 

La senatrice Serenella Fucksia, anche lei ex M5S, racconta di peggio: «Il controllo c' è sempre stato. A me, per spiare sms e conversazioni, hanno persino rubato il cellulare in aula. Ho fatto una denuncia, mai ritrovato. È stato un Cinque stelle del Senato, non ho dubbi. Casaleggio non si fida di nessuno».

 

E per la prima volta il «guru» M5S potrebbe parlare in Parlamento, dov' è stato chiamato per un' audizione (ma può non accettare) sulla riforma dei partiti.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)