NELL’URNA L’HACKER TI VEDE, DIO NO - L'FBI LANCIA L'ALLARME: I PIRATI INFORMATICI RUSSI POTREBBERO ALTERARE IL VOTO ELETTRONICO ALLE PROSSIME PRESIDENZIALI AMERICANE - DOPO LE INTRUSIONI INFORMATICHE IN ARIZONA E ILLINOIS, I SERVIZI AMERICANI TEMONO CHE PUTIN DIA UNA MANONA A TRUMP

Condividi questo articolo


Serena Danna per il “Corriere della Sera”

 

bill clinton hillary e donald trump bill clinton hillary e donald trump

Se è vero che i brogli elettorali sono antichi quasi quanto la democrazia, la possibilità di sabotare un' elezione senza che nessuno se ne accorga è un prodotto della rivoluzione digitale. Mentre Hillary Clinton e Donald Trump si scontrano su chi sia più ipocrita, bigotto o corrotto, gli esperti di sicurezza nazionale e informatica provano a richiamare l'attenzione su un problema sempre più pressante: affidare la scelta del prossimo presidente al voto elettronico è un rischio enorme.

 

Un pericolo lamentato da anni dagli esperti - al punto che è nata anche una categoria di cyber-accademici che, scrive Politico , «hanno passato l' ultima decade servendo il loro Paese attraverso il tentativo continuo di hackerarlo» - che ha avuto recentemente il sigillo dell' Fbi. È dei giorni scorsi la notizia che hacker probabilmente russi hanno attaccato i sistemi di registrazione del voto degli elettori in Arizona e Illinois.

HILLARY TRUMP PUTIN HILLARY TRUMP PUTIN

 

L' operazione arriva un mese dopo la divulgazione da parte di Wikileaks delle mail interne del partito democratico che ha portato alle dimissioni di Debbie Wassermann Schultz. «Se la National Security può essere attaccata - spiega l' esperto di cultura digitale Clay Shirky al Corriere della Sera - allora ogni device collegato a internet può esserlo, comprese le macchine elettorali».

 

HACKERS HACKERS

Il docente della New York University non può dire con certezza che dietro i recenti episodi ci sia la Russia, ma ricorda che «molti leak provengono da un hacker chiamato Guccifer, orchestrato dalla Russia, che come molti Stati autoritari non vorrebbe Hillary Clinton presidente».

 

Tra coloro che provano a sensibilizzare l' opinione pubblica sulla vulnerabilità del voto elettronico c' è il guru della crittografia Bruce Scheiner, che ha invocato un ritorno del voto di carta per elezioni di novembre: «Tutti ignorano le minacce informatiche fino a quando è troppo tardi per rimediare - spiega al Corriere -. Ed è tardi per aggiustare i catorci elettronici sparsi per gli Usa». Al momento sono cinque gli Stati in cui è in funzione il voto esclusivamente elettronico, - ma quelli in cui è possibile intrufolarsi tramite internet nel sistema sono 13.

 

stemma fbi stemma fbi

Il paradosso, come fa notare Zeynep Tufekci sul New York Times , è che sono gli swing states , gli Stati in bilico, a utilizzare il vulnerabile sistema elettronico. Altri, come Maryland e Virginia, hanno deciso in autonomia di tornare al voto di carta. Come ricorda al Corriere la docente Biella Coleman, «non c' è un sistema unico, nessuno può hackerare l' intero Paese». Peccato che spesso si diventa presidenti per poche centinaia di voti.

 

HACKER HACKER

Per correre ai ripari, già nel 2002 il Congresso ha votato l' Help America Vote Act e stanziato 4 miliardi di dollari per nuove macchine elettorali. Tutti gli Stati si sono precipitati sui soldi, peccato che 4 anni dopo avevano speso solo 250 milioni in tecnologia elettorale. «La legge è una parte del problema - continua Scheiner -. Negli anni in cui gli Stati volevano comprare nuove macchine, le compagnie insistevano per vendere quelle già in commercio». Il mercato era dominato fino a pochi anni fa da 2 aziende, Diebold e ES&S, abituate a trattare il codice come un segreto da proprietà intellettuale. Come per la tipologia di voto, anche i parametri di sicurezza informatica sono decisi Stato per Stato: non esiste una griglia unica di valutazione. Resta un' unica certezza: la carta è l' unico modo per non correre rischi.

 

Condividi questo articolo

politica

“SE LETTA VA ALLA SEGRETERIA GENERALE DELLA NATO TEMPO SEI MESI I RUSSI ARRIVANO IN PORTOGALLO” – RENZI, CHE TALENTO SPRECATO: POTEVA FARE IL COMICO, CE LO DOBBIAMO SORBIRE IN POLITICA! MATTEUCCIO SPERNACCHIA ENRICHETTO: “NON HO NESSUN PROBLEMA PERSONALE CON LUI. HA DETTO ‘NON VOGLIO RENZI PERCHÉ MI STA ANTIPATICO. BERLUSCONI INECE HA DETTO 'DEVI VENIRE CON NOI'’” – POI APRE A UN EVENTUALE APPOGGIO A UN GOVERNO DI CENTRODESTRA: “SE CI SARÀ UN PROBLEMA CERCHEREMO DI DARE UNA MANO COME ABBIAMO FATTO CON DRAGHI” – IL DAGO-SCENARIO: COME, INSIEME A UN GRUPPO DI FORZISTI, VUOLE IMPEDIRE A GIORGIA MELONI DI ANDARE A PALAZZO CHIGI…

SCENARI DI FANTA-POLITICA - LA STRATEGIA SOGNATA DA ITALIA VIVA, CON L’APPOGGIO DI UN GRUPPO DI FUTURI EX PARLAMENTARI DI FORZA ITALIA (CAPITANATI DAL SENATORE LUIGI CESARO, AI PIÙ NOTO COME GIGGINO 'A PURPETTA) È QUELLA DI INFILARE “CAVALLI DI TROIA” NELLE LISTE DI FORZA ITALIA, GRAZIE ALLE COPERTURE OFFERTE DAI CONGIURATI AZZURRI - APPENA ELETTI, I NEO-PARLAMENTARI DOVREBBERO PASSARE IN UN NEO GRUPPO DI CENTRO, DA COSTITUIRE APPOSITAMENTE - L’OBIETTIVO E’ AZZOPPARE IL CENTRODESTRA E IMPEDIRE A GIORGIA MELONI DI ANDARE A PALAZZO CHIGI (BERLUSCONI SA DI QUESTO FANTA-PROGETTO?)