NEVE ANTI-TEDESCA - DOPO SCHUMI, RUZZOLA ANCHE LA MERKEL: MENTRE SCIAVA SBATTE IL CULONE E PER TRE SETTIMANE DEVE RESTARE SDRAIATA

La cancelliera si è fatta male mentre faceva sci di fondo e procedeva "lentamente". Nella caduta si è provocata una contusione alla parte sinistra della schiena. I medici hanno specificato che si tratta in realtà di una "infrazione" termine tecnico che ha spiegato con una "frattura meno grave"…

Condividi questo articolo


Ansa.it

La cancelliera Angela Merkel si è fatta male, in modo non grave, mentre sciava durante le vacanze di Natale in Engadina ed i medici le hanno consigliato tre settimane di riposo. Lo ha reso noto il portavoce del governo, Steffen Seibert.

MERKEL IN VACANZA IN ALTO ADIGE jpegMERKEL IN VACANZA IN ALTO ADIGE jpeg

La cancelliera si è fatta male mentre faceva sci di fondo e procedeva "lentamente". Nella caduta si è provocata una contusione alla parte sinistra della schiena. Successivamente, ha precisato, i medici hanno specificato che si tratta in realtà di una "infrazione" termine tecnico che ha spiegato con una "frattura meno grave".

ANGELA MERKEL IN VACANZA IN ALTO ADIGE CON IL MARITOANGELA MERKEL IN VACANZA IN ALTO ADIGE CON IL MARITO

I medici le hanno pertanto, questo scorso venerdì, suggerito di stare il più possibile sdraiata per tre settimane, ciò non vuol dire comunque, ha sottolineato, che la cancelliera non espleterà le sue funzioni di capo del governo.

ANGELA MERKEL IN VACANZA CON IL MARITO JOACHIM SAUERANGELA MERKEL IN VACANZA CON IL MARITO JOACHIM SAUER

Infatti sarà lei a presiedere il prossimo Consiglio dei ministri, ha precisato. L'incidente è avvenuto "durante le ferie di Natale", ha aggiunto Seibert precisando che la cancelliera è rientrata dalle vacanze il 30 dicembre. Rispondendo ad un domanda Seibert ha detto che l'incidente non è stato provocato da persone terze e nessun altro vi è rimasto coinvolto. Tra gli impegni della cancelliera che salteranno una visita mercoledì a Varsavia e un colloquio con il premier del Lussemburgo.

 

 

Condividi questo articolo

politica

“NON È SOLO PER BISOGNO CHE SI STA IN EUROPA, MA PERCHÉ SI CONDIVIDONO GLI IDEALI” - MARIO DRAGHI SCEGLIE LA LINEA DURA NELLO SCONTRO TRA L'UE E I POLACCHI: “FERMISSIMO SOSTEGNO ALLA COMMISSIONE" – LA VON DER LEYEN TENTENNA, ED È FINITA SOTTO IL TIRO DELL’EUROPARLAMENTO. SASSOLI HA AVVIATO LA CAUSA CONTRO L’ESECUTIVO UE PER DRAMMATIZZARE LA SFIDA E PIEGARE VARSAVIA A VENIRE A PIÙ MITI CONSIGLI. I POLACCHI SI IMPUNTERANNO O AL SOLITO RINCULERANNO PUR DI NON RINUNCIARE AL "BANCOMAT" EUROPEO?