NON DITE A BETTINI CHE IL CATTOLICONE FIORONI STRONCA QUALSIASI IPOTESI DI CAMPO LARGO CON IL M5S - "NON ABBIAMO CHIUSO MARGHERITA E DS PER FARE I GREGARI DI CONTE" – LE BORDATE DI UNO DEI FONDATORI DEL PD: “MI SEMBRA DI AVER SPRECATO 20 ANNI DELLA MIA VITA, SONO DELUSO. FONDERSI CON I 5 STELLE, VUOL DIRE CHE IL PD NON C'È PIÙ. VERREBBE TRAPIANTATO IN ITALIA L’ESPERIMENTO DI MÉLENCHON IN FRANCIA…”

-

Condividi questo articolo


Da adnkronos.com

 

giuseppe fioroni giuseppe fioroni

"Non abbiamo chiuso la Margherita noi, e loro i Ds, per arrivare a questo. Mi sembra di aver sprecato 20 anni della mia vita. Alla Direzione giovedì mi collegherò ma sono deluso". Beppe Fioroni è uno di quelli che il Pd lo ha 'fatto'. Da responsabile Organizzazione della Margherita era nel gruppo dirigente che la sciolse nel 2007. Come membro del 'Comitato dei 45' è stato tra i costituenti del Pd. "Quel 14 ottobre 2008, come dimenticarlo... Fa impressione che di quei 45, specie quelli che venivano dalla Margherita, non c'è rimasto più nessuno. Solo io, in una posizione critica".

 

Fioroni, perché è così deluso? "Ma perché -dice all'Adnkronos- non abbiamo fatto tutto quello che abbiamo fatto per ritrovarci alleati di Fratoianni e Bonelli, esattamente espressione di quelle aree che ci portarono a fare il Pd per dire 'mai più governi contro' dopo essere usciti a pezzi dall'esperienza dell'Unione".

 

 

giuseppe fioroni lorenzo guerini giuseppe fioroni lorenzo guerini

"E poi questa parabola del 'campo largo': se vuol dire congiungersi, fondersi e candidarsi ad essere gregari dei 5 Stelle, vuol dire che il Pd non c'è più. Verrebbe trapiantato in Italia l’esperimento di Mélenchon in Francia. Tutto il contrario, insomma, di quello che fu lo scenario che portò alla nascita del 'partito unico dei riformisti'... Io su questo ho investito tanta parte della mia vita e provo a fare l'ultimo sforzo, ma sto già vedendo che i miei amici stanno andando a rapidi verso il Terzo Polo. E' una dolorosa presa d'atto".

 

o ci sciogliamo in calderone populista grillino o ci rinsaldiamo nel riformismo

Il Pd si 'salva' se dice addio ai 5 Stelle e guarda al Terzo Polo? "La missione diretta a 'salvare il Pd' è destinata a giocarsi sul terreno di una dialettica positiva con il Terzo Polo. Queste sono le alternative: o sciogliersi nel calderone del populismo, sia pure ingentilito dall’eleganza di Conte, o rinsaldarsi nel riformismo attraverso un chiarimento di fondo con Calenda e Renzi. Immaginare che esista una terza via, e cioè un percorso che ridisegni il cosiddetto campo largo dove ripristinare la perduta centralità del Pd, è come sognare una fuga dalla realtà".

giuseppe fioroni giuseppe fioroni

 

 

L'idea di tenere insieme Terzo Polo e 5 Stelle, non ha più possibilità? "È un’illusione. La novità che serve al Pd deve essere risolutiva: chiara nelle forme e precisa nei contenuti. Decidere di non decidere diventa la copertura all’istinto di autoconservazione di un gruppo dirigente. Non è un dibattito per tirare a campare, ma per tirare le cuoia".

 

Fioroni, fa il rottamatore? "Io dico solo che qui si tratta di un intero gruppo dirigente, è riduttivo dire Letta, che confonde i propri bisogni e aspettative con quelli del Paese... Onore a chi, negli anni, ha saputo fare un passo indietro o di lato". E come va a finire la storia? Alla fine della storia ci sarà ancora il Pd? "Serve chiarezza. La mia amica Bindi dice con chiarezza che il Pd va sciolto per far nascere un nuovo partito della sinistra. Bene, è legittimo. Allora è bene che altri prendano un'altra strada: quella del rilancio dell’autentica politica riformatrice che fu quindici anni orsono alla base della bella avventura di Veltroni".

GIUSEPPE CONTE E GOFFREDO BETTINI ALLA CAMERA ARDENTE DI DAVID SASSOLI GIUSEPPE CONTE E GOFFREDO BETTINI ALLA CAMERA ARDENTE DI DAVID SASSOLI GOFFREDO BETTINI GIUSEPPE CONTE ARRIVANO ALLA CAMERA ARDENTE DI SASSOLI GOFFREDO BETTINI GIUSEPPE CONTE ARRIVANO ALLA CAMERA ARDENTE DI SASSOLI BEPPE FIORONI BEPPE FIORONI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…