IL NUOVO ORDINE MONDIALE CINESE IN AZIONE – DOPO AVER APPARECCHIATO L'ACCORDO TRA ARABIA SAUDITA, FONDAMENTALE ALLEATO DEGLI STATI UNITI IN MEDIO ORIENTE, E IRAN, STORICO AVVERSARIO DI WASHINGTON, PECHINO NON SI FERMA. IL PRESIDENTE IRANIANO EBRAHIM RAISI HA ACCETTATO L’INVITO A RECARSI IN ARABIA SAUDITA ARRIVATO DAL RE BIN SALMAN – SE TEHERAN NON AVEVA ALTERNATIVE, I PAESI DEL GOLFO (ARABIA SAUDITA ED EMIRATI ARABI IN TESTA) HANNO COMPRESO CHE IL BIPOLARISMO USA-RUSSIA SORTO DOPO LA FINE DELLA GUERRA FREDDA, E' DEFINITIVAMENTE TRAMONTATO. OGGI I DUE NUOVI CONTENDENTI SONO USA E CINA...  

-

Condividi questo articolo


https://www.lapresse.it/esteri/2023/03/19/iran-presidente-raisi-accetta-invito-in-arabia-saudita-2/

Ebrahim Raisi Ebrahim Raisi

 

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha accettato l’invito a recarsi in Arabia Saudita arrivato dal re Mohammad bin Salman Al Sa’ud. Lo conferma la stampa iraniana che cita una nota dell’Assistente per gli Affari Politici dell’Ufficio del presidente iraniano in cui si riporta la soddisfazione del re saudita all’accordo “raggiunto tra i due Paesi fratelli accolto con favore“. ”Il presidente Raisi ha accolto con favore l’invito e ha sottolineato la disponibilità dell’Iran ad ampliare la cooperazione”, sottolinea ancora la nota citata dai media iraniani.

Xi Jinping Bin Salman Xi Jinping Bin Salman EBRAHIM RAISI XI JINPING EBRAHIM RAISI XI JINPING xi jinping mohammed bin salman 2 xi jinping mohammed bin salman 2 XI JINPING BIN SALMAN XI JINPING BIN SALMAN Vladimir Putin Ali Khamenei Ebrahim Raisi Vladimir Putin Ali Khamenei Ebrahim Raisi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)