NUOVO ORDINE TRUMPIANO - L'AMBASCIATORE ITALIANO VARRICCHIO IGNORATO DA SCARAMUCCI, SUPER-CONSIGLIERE DI TRUMP: DOPO L'ENDORSEMENT DI RENZI ALLA CLINTON, LO STAFF DEL PRESIDENTE PUNTA SU CASTELLANETA - LA YALTA DI DONALD: A FEBBRAIO SI INCONTRERÀ CON PUTIN PER SPARTIRE IL MONDO IN TRE. USA-RUSSIA-CINA. L'EUROPA NON È CONTEMPLATA - MA I SUOI NEMICI LAVORANO (E PAGANO) PER CREARE ALTRI DOSSIER

Condividi questo articolo


1. L'AMMINISTRAZIONE TRUMP IGNORA L'AMBASCIATORE ITALIANO, DONALD PREPARA LA YALTA CON PUTIN PER SPARTIRE IL MONDO IN TRE (L'UNIONE EUROPEA NON È CONTEMPLATA)

Dagonews

 

armando varricchio e john phillips armando varricchio e john phillips

Gli scriteriati endorsement di Renzi alla Clinton – più d'uno e sempre in momenti inappropriati, unico leader europeo di peso ad aver fatto una mossa simile – portano i primi risultati. Pare che l'ambasciatore italiano a Washington, Armando Varricchio, abbia provato a incontrare Anthony Scaramucci, uno dei principali consiglieri di Donald Trump, ma che lo staff del presidente eletto preferisca tenere i rapporti con Giovanni Castellaneta, che occupò Villa Firenze negli anni di Berlusconi e Bush junior.

 

Tra due giorni ci sarà l'insediamento di Trump, e oltre alle contestazioni all'aria aperta, proseguono senza sosta gli sforzi dei suoi nemici per farlo cadere non solo prima della scadenza del mandato, ma prima possibile. I miliardari di Hollywood e Silicon Valley che non si vogliono arrendere al nuovo inquilino della Casa Bianca (capitanati da Zuckerberg, che ha snobbato il meeting alla Trump Tower), hanno dato mandato a uno studio legale di Chicago, che sta ravanando senza sosta per cercare materiale compromettente.

 

anthony scaramucci anthony scaramucci

Ma Trumpone ha la pellaccia dura, e dopo tre mogli, scandali e scandaletti, crac immobiliari e non, ''pussy'' afferrate e finti dossier, ha di fatto disinnescato i moralisti ''requisiti'' che erano necessari per fare il presidente (che doveva essere sposato, avere figli, e apparire asessuato), che tanti soldi, tempo e insabbiamenti hanno fatto perdere ai vari Kennedy e Clinton.

 

Ora si prepara alla sua personale Yalta: un incontro con Putin a febbraio, dove i due disegneranno il nuovo mondo tripolare: USA-Russia-Cina. L'Unione Europea non è pervenuta: vedere il discorso di Biden a Davos per capire come la nuova amministrazione punti a mettere all'angolo Bruxelles e la prepotenza della Merkel. Trump punta a un accordo con il nuovo Regno Unito de-europeizzato, e a lasciare noialtri a cuocere nel tiepido brodino dei Tajani e degli Juncker.

Giovanni Castellaneta Giovanni Castellaneta

 

Il piano di ''rendere l'America di nuovo grande'' prevede una concentrazione totale sulle faccende nazionali, lasciando a Vladimir la sua influenza in Est Europa e mettendosi d'accordo con la Russia su come risolvere i pasticci in Medioriente.

 

 

2. SCARAMUCCI, IL CONSIGLIERE DI TRUMP: "E' UOMO DI PACE. USA-UE, RELAZIONI PIÙ FORTI CHE MAI"

Tonia Mastrobuoni per ''la Repubblica''

 

Anthony Scaramucci è stato tra i primi ad uscire allo scoperto a favore di Donald Trump: "Nell'ultimo anno abbiamo lavorato insieme molto intensamente", dice a Repubblica a margine del World economic forum di Davos. "Trump è un uomo di pace", aggiunge, "altrimenti non ci lavorerei insieme".

 

Il consigliere del nuovo presidente ed ex golden boy della finanza statunitense conosce il miliardario che fra tre giorni giurerà come presidente "da 21 anni". Ed è convinto che "nei prossimi sei mesi le relazioni tra Usa ed Europa saranno più forti che mai". Al Forum del gotha della finanza e dell'economia globale, Scaramucci è un habitué, da ex Goldman Sachs ed ex gestore di un hedge fund importante.

 

anthony scaramucci alla trump tower anthony scaramucci alla trump tower

Ma quest'anno, dopo essere stato scelto da Trump per il governo ponte, è una delle star annunciate. In questa chiacchierata a margine della kermesse, ci spiega perché è importante "evitare che la classe lavoratrice diventi la nuova classe dei poveri". Il nuovo presidente americano, peraltro, è già ora al centro delle tavole rotonde e sarà prevedibilmente il vero convitato di pietra dei potenti in clausura sulla montagna incantata di Thomas Mann.

 

Scaramucci, Trump ha attaccato Merkel sulle politiche dei profughi e continua ad attaccare la Nato. Sembra considerare apertamente l'Europa come un anello debole da spezzare, nel nuovo ordine mondiale.

anthony scaramucci con bush spacey romney anthony scaramucci con bush spacey romney

"Non so - ognuno interpreta quelle parole come vuole, io ho lavorato con lui molto nell'ultimo anno e lo conosco da 21 anni. Vuole un rapporto molto stretto con Merkel e Putin, con entrambi, ma voi tendete a interpretare male un messaggio di un personaggio molto diretto, molto autentico. Per lui l'Europa non è debole e le assicuro che vuole buoni rapporti con un alleato storico come l'Europa. Ma dice una cosa che dovete ascoltare. Dobbiamo essere pronti al 21esimo e 22esimo secolo e non continuare a stare nel ventesimo. E' molto ragionevole".

 

Che futuro avranno i rapporti commerciali transatlantici e in particolare il Ttip?

"Nei prossimi sei mesi le relazioni tra Usa e Europa saranno più forti che mai".

 

...non lo saranno piuttosto con il Regno Unito?

Anthony Scaramucci Anthony Scaramucci

"Guardate alla storia. Ogni volta che c'è una rottura, succede lo stesso. Quando Reagan arrivò al potere, l'Europa fu molto preoccupata. E invece fu l'uomo della pace, del disarmo nucleare".

 

Che futuro ha la globalizzazione?

"Il futuro della globalizzazione non va bene se pochi governano il mondo e la classe media americana e britannica e francese soffre. E' l'impegno a crescere ma anche a evitare che la classe dei lavoratori diventi la nuova classe dei poveri. Abbiamo otto milioni di persone precipitate nella povertà negli ultimi otto anni. Trump è un uomo di pace, tra otto anni direte 'wow è stato un uomo di pace'. Io non lavorerei con lui se non fosse un uomo di pace. Quanto ai presunti populismi: quando le società si occupano di se stesse non vi dovete preoccupare".

 

E' giusto paragonare Trump a Silvio Berlusconi?

BERLUSCONI TRUMP BERLUSCONI TRUMP

"A me non pare un paragone azzeccato".

HILLARY TRUMP PUTIN HILLARY TRUMP PUTIN

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE