IL NUOVO PUPILLO DI BERTONE? UN APPRENDISTA “ESORCICCIO” DI BATTIPAGLIA

Il nuovo “protegé” di Bertone sarebbe Gianluca Barile, 37enne di Battipaglia, a capo della fantomatica associazione “Tu es Petrus” - Superfan di Ratzinger, Barile sostiene di essere esperto di demonologia e possessioni - Teenager style: si fa fotografare con Bergoglio e sputtana le foto su twitter…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT
Bertone sta per lasciare le redini della Segreteria di Stato. Anzi, come dagoanticipato, ha già presentato le dimissioni a Papa Francesco (che però prende tempo e nicchia e non sa se accettarle subito o rimandare "per il bene della Chiesa"). In ogni caso, Tarcisione, prima di fare un passo indietro, ha bisogno di consolidare la sua eredità di potere nella Santa Sede.

GIANLUCA BARILE E PAPA BERGOGLIOGIANLUCA BARILE E PAPA BERGOGLIO

E quale miglior modo, appannatasi la stella di Marco Simeon, di lanciare il suo nuovo pupillo, accreditandolo direttamente a Jorge Bergoglio durante alcune udienze private. Si chiama Gianluca Barile ed è un rotondo 37enne campano di Battipaglia, padre ferroviere e mamma casalinga, orgoglioso presidente della Fondazione cattolica "Tu es Petrus", che ha al centro della sua azione la figura del Pontefice.

GIANLUCA BARILE E PAPA BERGOGLIOGIANLUCA BARILE E PAPA BERGOGLIO

Barile, che sul sito dell'associazione si accredita come "vaticanista", ha un passato di collaborazioni giornalistiche con piccoli quotidiani locali e di addetto stampa del senatore ex Ccd Roberto Napoli.

Nel 2000 - si legge nella sua pomposa biografia sul sito di "Tu es Petrus" - "decide di dedicarsi completamente al quotidiano ‘la Città', di cui, ormai da anni, è la prima firma della pagina di Battipaglia e della Piana del Sele. Le sue inchieste giornalistiche sono coraggiose e mirano a denunciare il malaffare a sud della provincia di Salerno".

GIANLUCA BARILE E PAPA BERGOGLIOGIANLUCA BARILE E PAPA BERGOGLIO

Sarà contento Papa Francesco, anche perché il magna-loquente Barile potrà essergli di grande aiuto nei futuri esorcismi. Infatti, il pupillo del Segretario di Stato sostiene di aver maturato "una estesa e riconosciuta competenza nel campo della demonologia". Si apprende che, "da oltre 17 anni", sarebbe "studioso" di possessioni diaboliche, esorcismi e preghiere di liberazione, al punto da diventare "consulente di diversi esorcisti diocesani nella valutazione di casi di possessione".

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”