1. ORA È PIÙ CHIARO L’ALLARME ROSSO PER IL CASO CIPRO NEI PALAZZI DEL POTERE DI ANGELA MERKEL: LE BANCHE TEDESCHE SONO ESPOSTE A NICOSIA PER 5,9 MILIARDI DI EURO - 2. SEMBRA RIPETERSI LA SITUAZIONE DI QUANDO, COL RISCHIO DEFAULT GRECO, GLI ISTITUTI DI CREDITO GERMANICI E IN QUEL CASO ANCOR PIÙ FRANCESI PREMEVANO IN SILENZIO PER IMPORRE RICETTE DURE AL GOVERNO DI ATENE, PER SALVARE I LORO CONTI -

Condividi questo articolo


Andrea Tarquini per "la Repubblica"

Allarme rosso per il caso Cipro nei palazzi del potere tedeschi: quelli del governo qui a Berlino, e i grattacieli delle grandi banche a Francoforte. Il ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble, alza la voce e avverte che Nicosia deve fare la sua parte, contribuire di tasca sua al salvataggio dell'isola, o non avrà aiuti.

merkel-mangiamerkel-mangia

Ma mentre, come si è visto non ha convinto il parlamento cipriota, una notizia divulgata da Spiegel online) ha messo in grave imbarazzo la leadership politica federale: le banche tedesche sono esposte a Cipro per 5,9 miliardi di euro. Sembra ripetersi la situazione di quando, col rischio default greco, gli istituti di credito germanici e in quel caso ancor più francesi premevano in silenzio per imporre ricette dure al paese, per salvare i loro conti.

I dati citati da Spiegel online sono attendibilissimi: vengono dalla Bank for international settlements, l'istituto che controlla e aiuta a organizzare i pagamenti internazionali. Stato cipriota, aziende dell'isola e privati cittadini si sono pesantemente indebitati con gli istituti tedeschi. In altre parole, peraltro senza contare l'altissima esposizione della Russia, la Germania si trova nella scomodissima posizione di essere il secondo creditore di Cipro dopo la Grecia.

wolfgang schaeuble e angela merkelwolfgang schaeuble e angela merkel

Quindi il timore che l'isola fallisca, proprio nell'anno elettorale tedesco, sembra portare il nervosismo dell'establishment tedesco al calor bianco. Dei 33 miliardi di dollari di debito cipriota con banche straniere, ben 31 miliardi sono crediti ad aziende o privati. Solo 2 miliardi sono stati concessi allo Stato cipriota. Ma l'insieme della somma è a rischio in caso di default di Nicosia, e in queste ore il rischio per le banche tedesche è ritenuto altissimo. Tanto da minacciare a medio termine sia il loro rating sia quello della Repubblica federale.

GIU' LE MANI DA CIPROGIU' LE MANI DA CIPRO

Su questo sfondo, Schaeuble ha parlato con il suo duro tono, rivelatosi poi inutile a convincere i legislatori ciprioti. «Governo e parlamento di Cipro devono prendersi le loro responsabilità, la necessità di un salvataggio non è né del governo tedesco né di altri Stati europei».

E poi: «Il modello di business e sviluppo economico scelto da Cipro ha portato il paese a non essere più solvente, ed è chiarissimo che questo non può essere pagato soltanto dai contribuenti degli altri paesi membri della Ue, e come Cipro debba fare spetta a Cipro deciderlo, non all'eurozona». Poco dopo appunto è arrivato il no del Parlamento cipriota, e la linea dura di Berlino si è rivelata simile a un bluff che mal cela una fortissima vulnerabilità della prima potenza europea.

PROTESTE A CIPRO jpegPROTESTE A CIPRO jpeg

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA