PAGHI 3 (PER CENTO), PRENDI NULLA! ANCHE SQUINZI SI ACCORGE CHE I GOVERNINI DI NAPOLITANO AFFONDANO L’ECONOMIA: “IL TETTO DEL 3% IMPEDISCE LA CRESCITA”

Il presidente di Confindustria impallina Monti&Letta: “Il 3% congela la ripresa, serve una decisione politica, ma Monti e Letta hanno detto che possono fare nulla” - I renziani in scia preparano il terreno della campagna di Renzi: “Bravo Squinzi, servono un governo e un parlamento in grado di decidere”…

Condividi questo articolo


GIORGIO SQUINZIGIORGIO SQUINZI


1. DEFICIT: SQUINZI, IL TETTO DEL 3% CONGELA LE POSSIBILITÀ DI CRESCITA
(Il Sole 24 Ore Radiocor) - "L'obiettivo del 3% e impegnativo per l'Italia, congela le possibilità di crescita". Lo ha detto il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi. "Mi lascia perplesso che poi sotto il 3% ci sono solo Italia e Germania, molti paesi sono oltre e alcuni anche molto oltre". In merito alle possibilità di ottenere maggiore flessibilità rispetto al limite del 3% di deficit/pil, Squinzi ha detto: "Si tratta di una decisione politica, avevo segnalato tale necessità sia a Monti che a Letta e la risposta è stata che in sede Ue non è possibile, non sono io che vado a Bruxelles a negoziare".

2. SQUINZI, PER UE FLESSIBILITA' DEFICIT NON E' POSSIBILE
(ANSA) - La richiesta di maggiore flessibilita' sul tetto del 3% del deficit per l'Italia ''e' una decisione molto politica'' ma ''la risposta in sede europea sembra che questo non sia possibile''. Cosi' il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi al comitato di presidenza a Bruxelles, ricordando di ''aver gia' segnalato'' la questione sia al governo Monti che al governo Letta. ''Certamente lascia perplesso che solo la Germania e l'Italia ci stiano dentro'' al tetto del 3%, ha aggiunto Squinzi.

MONTI NAPOLITANOMONTI NAPOLITANO

3. UE: DEPUTATI RENZIANI, SQUINZI HA RAGIONE, SUPERARE TETTO 3%
(ANSA) - "Ha ragione il presidente di Confindustria: sul tetto del 3% nel rapporto deficit/pil serve un intervento politico altrimenti la crescita economica rimarra' un miraggio. Governo e parlamento devono raccogliere l'appello degli imprenditori e dare risposte prima che tutto il sistema produttivo collassi definitivamente". E' quanto dichiarano i deputati del partito democratico Lorenza Bonaccorsi, Federico Gelli ed Ernesto Magorno, considerati vicini al sindaco Matteo Renzi.

"Il 3% e' un parametro anacronistico - spiegano i deputati - che di fatto impedisce la ripresa economica al nostro Paese. Sarebbe opportuno verificare a fondo le parole del presidente di Confindustria a proposito del rispetto di questo tetto: perche' solo alcuni paesi, come l'Italia, sono tenuti a garantirlo in maniera ferrea mentre altri possono restarne anche molto sopra, come detto da Squinzi? Senza far tornare a crescere il pil non sara' mai possibile rendere sostenibile il debito pubblico. Su questo il nuovo Partito democratico che verra' fuori dalle primarie dell'8 dicembre dovra' farsi sentire".

LETTA E RENZILETTA E RENZI Giorgio Napolitano e Enrico LettaGiorgio Napolitano e Enrico Letta

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)