PD IN BRACHE: VINCE UNICAMENTE A VICENZA, IN CASA DELLA LEGA, CON LA LISTA CIVICA DI POSSAMAI CHE, GUARDA CASO, NON HA VOLUTO L’APPOGGIO DI ELLY SCHLEIN. COME E’ GIA’ ACCADUTO A VERONA CON IL CIVICO TOMMASI, I VENETI NON SI LASCIANO ABBINDOLARE DALLE SUPERCAZZOLE ARCOBALENO, IUS SOLI E UTERO IN AFFITTO: PUNTANO ALLE COSE CONCRETE - SCONFITTA PER BOCCIA E FRANCESCHINI CHE HANNO ISSATO LA SVALVOLATA ELLY ALLA SEGRETERIA ILLUSI DI POTERLA COMANDARE A LORO PIACIMENTO. E ADESSO SI RITROVANO I RIFORMISTI DEL PD SUL PIEDE DI GUERRA…

Condividi questo articolo


Estratto da ilmessaggero.it

 

FRANCESCO BOCCIA ELLY SCHLEIN - MEME BY DE MARCO FRANCESCO BOCCIA ELLY SCHLEIN - MEME BY DE MARCO

«Disfatta totale». A poche ore dalla chiusura delle urne, quando gli esiti delle sfide nelle città cominciano ad affluire a largo del Nazareno, non è facile trovare qualcuno dello stato maggiore del Pd che commenti i risultati dei ballottaggi. Chi lo fa, rigorosamente a taccuino chiuso, usa toni netti: una «tranvata». Un colpo che Elly Schlein non si aspettava. Non in questie proporzioni, almeno.

 

Perché la storica conquista di Vicenza (seppur per un margine abbastanza risicato) non basta a lenire la ferita del 6 a 1. Che si aggiunge allo svantaggio incassato al primo turno, quando però la batosta era stata un po' meno dolorosa (finita 4 a 2 per il centrodestra). Una sconfitta che ora rischia di far "ballare" la segretaria del Pd fino alle europee dell'anno prossimo. 

 

ELLY SCHLEIN AL FESTIVAL DELL ECONOMIA DI TRENTO ELLY SCHLEIN AL FESTIVAL DELL ECONOMIA DI TRENTO

La sconfitta in Toscana

(...) Le città toscane un tempo fortini rossi, Siena, Pisa e - in misura minore - Massa, passate a destra cinque anni fa, sono ben lontane dall'essere riconquistate. Nonostente l'impegno in prima persona della segretaria, che proprio sulla Toscana aveva deciso di puntare per mostrare la risalita del Pd.

 

Ancor più male fa la scoppola di Ancona. Dove la sinistra governava da più di tre decenni. E dove la leader dem aveva provato a tirare la volata alla candidata sindaca, Ida Simonella, nel comizio finale di pochi giorni fa. Non è servito: il capoluogo marchigiano passa al centrodestra. Seguendo le orme della Regione tre anni fa. 

 

 

ELLY SCHLEIN AL FESTIVAL DELL ECONOMIA DI TRENTO ELLY SCHLEIN AL FESTIVAL DELL ECONOMIA DI TRENTO

L'unica soddisfazione, si diceva, arriva da Vicenza, dove il giovane candidato dem Giacomo Possamai riesce a fare il "miracolo". Ma è una consolazione magra, fanno notare a mezza voce dal Pd. Un po' perché il neo-sindaco è un "Letta-boy" (l'ex segretario gli aveva perfino proposto di correre per il Parlamento, lo scorso settembre). Un po' perché Possamai aveva espressamente chiesto ai big del Pd di non farsi vedere in campagna elettorale, preferendo fare tutto da sé.

 

Schlein, insomma, si è ben guardata dall'andare a sostenerlo. E la scelta del neo eletto primo cittadino sembra aver pagato. Ora l'attenzione si sposta sulla Sicilia. Dove i primi dati delle proiezioni, però, non sono incoraggianti. Qualcuno già guarda al prossimo appuntamento: le Europee del 2024. E commenta: «Certo che arrivarci così, per Elly, sarà dura...». 

DARIO FRANCESCHINI ELLY SCHLEIN GATTOPARDO MEME BY SARX88 DARIO FRANCESCHINI ELLY SCHLEIN GATTOPARDO MEME BY SARX88

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH - FUNERALI DI NAPOLITANO. LA PRESENZA DEL PRESIDENTE FRANCESE MACRON E DEL PRESIDENTE TEDESCO STEINMEIER, OSSEQUIO ALL’EUROPEISMO INDISCUSSO E IRREMOVIBILE DI “RE GIORGIO”, NON È CASUALE: C’È LO ZAMPINO DIPLOMATICO DEL QUIRINALE. ALL’EPOCA, INFATTI, AL PATTO ITALIA-FRANCIA DOVEVA POI ASSOCIARSI LA GERMANIA, INIZIATIVA CHE SALTÒ A CAUSA DELLA CADUTA DEL GOVERNO DRAGHI. CON IL DIPLOMATICO INVITO AL CAPO DI STATO TEDESCO, MATTARELLA HA VOLUTO RINSALDARE IL PATTO ITALIA-FRANCIA APRENDO LE PORTE ALLA GERMANIA…

DAGOREPORT – FU ENRICO LETTA A CONSIGLIARE GIORGIO NAPOLITANO DI NOMINARE MARIO MONTI A CAPO DEL GOVERNO, METTENDO ALLA PORTA SILVIO BERLUSCONI. QUANDO LA SITUAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEL PAESE PRECIPITÒ, IL COLLE AVREBBE PREFERITO UN PASSO INDIETRO DEL SATRAPO DI ARCORE A FAVORE DEL SUO MINISTRO DEL TESORO, GIULIO TREMONTI - MA IL DECISIONISMO DI RE GIORGIO NON AVEVA FATTO I CONTI CON L’EGO ESPANSO DI RE SILVIO, INCAPACE DI CEDERE LA SCENA - “BRUCIATA” L’IPOTESI TREMONTI PREMIER, CHE FARE? SCIOGLIERE LE CAMERE E ANDARE AL VOTO, SAREBBERO PASSATI ALMENO SEI MESI E CON LO SPREAD ARRIVATO A 550, L’ITALIA RISCHIAVA LA BANCAROTTA. A QUEL PUNTO…

25 ANNI FA SPUNTÒ A ROMA UN CLUB IN MODALITÀ DARK-ROOM: AL "DEGRADO" SI FACEVA SESSO SENZA REMORE, IN MEZZO A TUTTI. UNO ‘’SBORRIFICIO” CHE NON HA AVUTO EGUALI E CHE DEMOLÌ I MURI DIVISORI TRA I GENERI SESSUALI: ETERO-BI-GAY-LESBO-TRANS-VATTELAPESCA - PER 9 ANNI, “CARNE ALLEGRA” PER TUTTI. OGNUNO VENIVA E SI FACEVA I CAZZI SUOI, E QUELLI DEGLI ALTRI. IL "DEGRADO'' POTEVA ESSERE RIASSUNTO IN UNA DOMANDA: CHI È NORMALE? - DAGO-INTERVISTA ALL’ARTEFICE DEL BORDELLO: “SCORTATA DA MATTEO GARRONE, UNA NOTTE È APPARSA PINA BAUSCH IMPEGNATA IN UNO SPETTACOLO AL TEATRO ARGENTINA. SI ACCENDONO LE LUCI E UNA TRAVESTITA URLA: “AO' SPEGNETELE!”. E IO: “MA SEI MATTO, C'È PINA BAUSCH...”. E LEI: “MA IO STAVO A FA’ UN BOCCHINO. NUN ME NE FREGA ‘N CAZZO DE 'STA PINA!”