PELLICANI IN LAGUNA – PER LA POLTRONA DI SINDACO DI VENEZIA, DOPO LE DIMISSIONI DI ORSONI AFFONDATO DAL MOSE, IN QUOTA PD SI PREPARA UN FIGLIO D’ARTE – È NICOLA PELLICANI, FIGLIO DI GIANNI, CHE FU AMICO DI RE GIORGIO

Un lettore veneziano ci segnala che Nicola Pellicani, capo cronista della “Nuova Venezia” (gruppo De Benedetti) è segretario generale della fondazione intitolata al padre e presieduta da Massimo Cacciari. E Napolitano, nel suo passaggio a Venezia il 28 agosto, ha visitato proprio la fondazione…

Condividi questo articolo


napolitano e baratta napolitano e baratta

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Caro Dago, le cronache veneziane di questi giorni sono piene di resoconti sulla Mostra del Cinema.

Ma altre cose stanno avvenendo in Laguna, nell'imbarazzante silenzio generale.

 

Ad esempio la probabilissima candidatura in quota Pd di Nicola Pellicani a sindaco nell'imminente competizione che deve trovare il successore di Giorgio Orsoni, già sindaco in quota Pd travolto dallo scandalo del Mose.

 

Pellicani, attualmente capo della cronaca al quotidiano "Nuova Venezia" di proprietà della Finegil di Carlo De Benedetti, ha due sponsor autorevoli: l'ex sindaco della città, Massimo Cacciari (Pd), e il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che con il padre di Nicola, Gianni, aveva una lunga amicizia e frequentazione.

 

GIANNI PELLICANI giorgio napolitano GIANNI PELLICANI giorgio napolitano

Proprio a Gianni è intitolata, fra l'altro, la fondazione omonima di cui Pellicani junior è segretario generale e di cui Cacciari è presidente. E Napolitano nell'ultimo suo passaggio in Laguna lo scorso 28 agosto ha visitato proprio la fondazione.

 

Se, oltre ai Leoni cinematografici, c'è da assegnare il "Leone" del conflitto d'interessi, questa vicenda lo vincerebbe a mani basse...

Con simpatia.

 

MASSIMO CACCIARI OSPITE DI SERVIZIO PUBBLICO MASSIMO CACCIARI OSPITE DI SERVIZIO PUBBLICO MUNICIPIO VENEZIA MUNICIPIO VENEZIA

Un veneziano adottivo

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - SOLO CON UN ACCORDO SUL DOPO-DRAGHI A PALAZZO CHIGI, POTRÀ SCATTARE IL SEMAFORO VERDE PER DRAGHI SUL COLLE. ED È L’UNICO MODO PER CONVINCERE SALVINI -  DOPODICHÉ BISOGNA ACCORDARSI CON BERLUSCONI PERCHÉ IL PD NON PUÒ TROVARE UN’INTESA SUL QUIRINALE SOLO CON LA DESTRA DELLA LEGA SENZA IL CENTRO DI FORZA ITALIA - IL PREMIER DEL DOPO-DRAGHI DEVE ESSERE UN POLITICO AL DI SOPRA DELLE PARTI MA UN DRAGHI 2 NON C’È. I COLAO STANNO ALLA POLITICA COME ROCCO SIFFREDI ALLA FILOSOFIA - IL BANANA VUOLE CONTRATTARE CON SALVINI E MELONI LA PERSONA DA PROPORRE. AL MOMENTO, LA PRIMA SCELTA È IL LEGGENDARIO MATTARELLA BIS, A SEGUIRE CASINI CHE È PERÒ MALVISTO DA GIORGIA E MATTEO POICHÉ PIERFURBY È IN PARLAMENTO CON I VOTI DEL PD...

IL VOTO PER IL QUIRINALE È L’ENNESIMA OCCASIONE PERDUTA PER I PARTITI – GALLI DELLA LOGGIA E LE TRAME SOTTOBANCO PER ELEGGERE IL CAPO DELLO STATO: “PUÒ UNA DEMOCRAZIA FUNZIONARE IN QUESTO MODO? PUÒ IN UNO DEI MOMENTI PIÙ CRUCIALI DELLA VITA PUBBLICA SCEGLIERE IL SILENZIO ELUSIVO, LE ALLUSIONI, LE STRIZZATE D'OCCHIO, I MESSAGGI INDIRETTI?” – M. FELTRI: “ALLO STATO ABBIAMO UN PIANO A, ALMENO CINQUE PIANI B, FORSE QUATTRO PIANI C, IN ARRIVO È IL PIANO D E DITEMI VOI SE QUESTO NON È UN FIOR DI RETROSCENA”