IL PIANO B DI BONOMI – IL PRESIDENTE-RAGIONIERE DI CONFINDUSTRIA, CHE NON ESSENDO LAUREATO NON PUÒ DIVENTARE PRESIDENTE DEL CDA DELLA LUISS, NON SI ARRENDE E ORA PUNTA ALLA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELL’UNIVERSITÀ – GLI STUDENTI INTANTO SI RIVOLTANO E SCRIVONO UNA LETTERA AL CONSIGLIO D’AMMINISTRAZIONE: “BASTEREBBE IL BUON SENSO, È DIFFICILE TROVARE UN TEAM MANAGER DI FORMULA 1 SENZA PATENTE”

-

Condividi questo articolo


carlo bonomi assemblea di confindustria carlo bonomi assemblea di confindustria

Estratto dell’articolo di Salvatore Cannavò per “il Fatto quotidiano”

 

La telenovela della presidenza Bonomi alla Luiss, cioè di un non laureato a capo di una università, si arricchisce di nuove puntate. Compreso il colpo di scena, possibile, di una nomina a vicepresidente esecutivo se il piano A dovesse saltare.

 

carlo bonomi carlo bonomi

Il 7 ottobre, infatti, si terrà l’assemblea dell’associazione Aluiss, l’ente promotore dell’università Luiss Guido Carli che ne detiene il controllo. Questa assemblea è stata deliberata dal presidente Vincenzo Boccia che sembrava non volesse offrirla a Bonomi, ma che ora vorrebbe non essere additato come parte in causa.

 

carlo bonomi - confindustria carlo bonomi - confindustria

L’assemblea è decisiva perché del consiglio di amministrazione dell’università confindustriale fanno parte di diritto il presidente e il vicepresidente dell’associazione Aluiss e il Cda elegge il proprio presidente e il vicepresidente esecutivo “su designazione dell’aluiss”.

 

Ma chi controlla l’aluiss? Al 60% la Confindustria, che in assemblea sarà rappresentata da... Bonomi. Il quale potrebbe quindi nominarsi da solo nonostante la legge, voluta dall’attuale ministro Anna Maria Bernini, precluda a chi non possieda una laurea di presiedere i Consigli di amministrazione delle università italiane.

logo luiss logo luiss

 

Bonomi non ha ancora deciso se fare marcia indietro tanto che avrebbe chiesto un incontro addirittura a Giorgia Meloni (ma da Palazzo Chigi non rispondono alla richiesta di conferma).

 

In ogni caso, il presidente-ragioniere ha un piano B che probabilmente scatterà il 7 ottobre. Preclusa la strada della presidenza […] la via di fuga potrebbe essere la vicepresidenza esecutiva. Un ruolo operativo e di gestione che in molti ritengono più simile a quello di un amministratore delegato. Comunque un ruolo che gli garantirà una scialuppa di salvataggio quando, a maggio 2024, non sarà più presidente di Confindustria.

 

emma marcegaglia 7 emma marcegaglia 7

A conferma del grande rivolgimento che la vicenda sta provocando, circola una lettera aperta degli studenti Luiss, rivolta al consiglio di amministrazione dell’università, ma anche alla ministra, in cui si sostiene che basterebbe il “buon senso” a interpretare la norma di legge perché è difficile trovare “un team manager della Formula 1 senza patente”.

 

In una ipotesi di Bonomi vicepresidente esecutivo, resta da capire chi ricoprirà l’incarico di presidente della Luiss. […] La tradizione vuole che sia un past president a capo dell’università, ma in tal caso dovrebbe essere qualcuno o qualcuna che coprirà il nuovo ruolo di Bonomi.

 

Un nome possibile è quello di Emma Marcegaglia, ma si tratta di voci senza alcuna conferma. […]

luiss viale romania luiss viale romania luiss viale pola luiss viale pola carlo bonomi 3 carlo bonomi 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…