IL PIANO DI TAJANI (E DELLA MERKEL) PER SEPARARE BERLUSCONI DA SALVINI - MAI COME ORA FORZA ITALIA E LEGA SONO AI FERRI CORTI, LA BOCCIATURA DI FOA IN RAI È SOLO IL GRIMALDELLO PER PROVARE A INDEBOLIRE IL LEGHISTA FELPATO. A BRUXELLES COME A BERLINO C'È MOLTA PREOCCUPAZIONE PER UN SUO EXPLOIT ELETTORALE: "POTREBBE AVERE UN INCREDIBILE EFFETTO TRASCINAMENTO SU MOLTE ALTRE NAZIONI"

-

Condividi questo articolo


 

Marco Antonellis per Dagospia

 

È scattato l'allarme rosso nel centro-destra italiano: chi vuole dividere Matteo Salvini da Silvio Berlusconi? L'allarme è scattato nei giorni scorsi sulla questione del Presidente della Rai Marcello Foa. Possibile tutto questo casino solo per una Presidenza Rai, si sono chiesti in molti? Non è che c'è dell'altro? Bingo! Il numero uno leghista, Matteo Salvini si è chiesto più volte se tutto questo trambusto politico e mediatico fosse dovuto solamente alla questione Rai.

BERLUSCONI ED IL SUDORE DI SALVINI BERLUSCONI ED IL SUDORE DI SALVINI

 

Ed è proprio per snidare i nemici che ha insistito forte nel ribadire fiducia a Marcello Foa, per vedere fino a che punto avranno coraggio di venire allo scoperto, di tirare la corda: "Se Silvio Berlusconi ha deciso di fare un partito con Matteo Renzi o tentare la strada delle larghe intese faccia pure, ma sappia che noi non ci fermeremo e puntiamo a fare bottino pieno anche in Europa l'anno prossimo" ha spiegato più volte ai fedelissimi il leader leghista.

 

Perchè su una cosa sono tutti d'accordo: a che pro mettere in piedi l'Altra Italia se non per un nuovo Nazareno? Silvio Berlusconi, invece, va ripetendo come un mantra che lui all'interno di Forza Italia non decide più niente ma in realtà si tratta solo di un gioco delle parti tra lui e Antonio Tajani: alla fine, ripetono dall'interno del partito, chi ha l'ultima parola è sempre e soltanto Silvio Berlusconi.

thug life berlusconi merkel thug life berlusconi merkel

 

Ma ciò che teme di più Matteo Salvini in questa fase non è Silvio Berlusconi, alle prese con un partito politicamente innocuo e con sondaggi da prefisso telefonico, ma Angela Merkel: ed è dagli europarlamentari di Bruxelles che è arrivata ai vertici del partito di Via Bellerio un clamoroso retroscena sugli eventi, apparentemente inspiegabili, di questi giorni: "È la Merkel che sta facendo di tutto per isolare Matteo Salvini e separarlo da Silvio Berlusconi; si vuole impedire a tutti i costi che l'Italia faccia da apripista per le altre nazioni europee, che il virus sovranista possa con le prossime elezioni infettare tutta l'Europa".

 

tajani merkel tajani merkel

E l’unico modo è tentare di indebolire il leader del Carroccio. Come confermano fonti diplomatiche di alto rango, a Bruxelles come a Berlino c'è molta preoccupazione per un eventuale explolit di Matteo Salvini: "Potrebbe avere un incredibile effetto trascinamento su molte altre nazioni", spiegano. Angela Merkel sa benissimo che i sovranisti una volta conquistata Bruxelles non avranno pietà per gli interessi tedeschi e le relative rendite di posizione. Anche perché subito dopo le elezioni bisognerà scegliere i membri della nuova Commissione, ovvero del nuovo governo dell'Europa.

 

Insomma, si muovono ben altri interessi dietro la questione della Presidenza della Rai; dietro i fatti politici degli ultimi giorni si scorge finemente la sagoma di Angela Merkel, la 'regina' europea degli antisovranisti, il cui pupillo, Antonio Tajani (Presidente del Parlamento Europeo ed amatissimo da tutta l’Europa che conta) è stato il più strenuo oppositore della nomina di Marcello Foa voluta da Matteo Salvini alla Presidenza Rai, più dello stesso Silvio Berlusconi. Solo un caso? O è già cominciata la grande battaglia di Bruxelles tra sovranisti e antisovranisti?

tajani salvini tajani salvini

 

Condividi questo articolo

politica

“BISOGNA PRENDERSI CURA DEI POVERI, CHE OGGI SONO MILIONI” – L’AD DI BANCA INTESA, CARLO MESSINA: “HO SEMPRE SOSTENUTO IL REDDITO DI CITTADINANZA, PERCHÉ C'È UN TEMA DI EQUILIBRIO SOCIALE DA TUTELARE. DOBBIAMO PORRE ATTENZIONE ALLA DEFINIZIONE DI "OCCUPABILI": SE POI NON LO SONO DAVVERO E NON POSSONO AVERE ALTRE FONTI DI SOSTENTAMENTO SI RISCHIANO DAVVERO FORTI TENSIONI SOCIALI - LA MANOVRA? IL 60% DEL NOSTRO DEBITO PUBBLICO È IN MANO A INVESTITORI STRANIERI E BCE: NON C'È SPAZIO PER FARE ALTRO DEBITO - L'ENERGIA CONTINUERÀ AD ESSERE PIÙ CARA: NON SI TORNERÀ AI VALORI PRE-GUERRA. PRODURRE COSTERÀ DI PIÙ E BISOGNA PREPARARSI - IL FUTURO È IL DIGITALE, NON IL CONTANTE. BISOGNEREBBE RAGIONARE BENE SUI CAPITALI ALL'ESTERO…”

C’E’ POSTO PER TE (E SE NON C’E’ METTETECI UNA PANCA!) – QUEST’ANNO ALLA SCALA OCCHIO ALL’ASSEMBRAMENTO! CONTRAVVENENDO AL RITUALE, PER IL “BORIS GODUNOV” DEL PROSSIMO 7 DICEMBRE, CI SARANNO SUL PALCO REALE SIA SERGIO MATTARELLA, SIA GIORGIA MELONI. A LORO SI AGGIUNGERÀ ANCHE LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA, URSULA VON DER LEYEN. MA SI ACCOMODERANNO ANCHE ATTILIO FONTANA E IL MINISTRO DELLA CULTURA, GENNARO SANGIULIANO – GLI ALTRI MEMBRI DEL GOVERNO INVECE ANDRANNO IN PLATEA, DOVE, AI TEMPI DI NAPOLEONE, CI STAVA IL POPOLINO. E IL TANTO CARO AMBASCIATORE RUSSO IN ITALIA, SERGEY RAZOV?

“SPIATI A NOSTRA INSAPUTA DALLA PROCURA, CHE HA VIOLATO LA LEGGE” – SIGFRIDO RANUCCI A “DIMARTEDÌ” È TORNATO A PARLARE DELLA DECISIONE DELLA PROCURA DI ROMA DI ACQUISIRE I TABULATI SUOI E DEL COLLEGA DI “REPORT”, GIORGIO MOTTOLA (ALLA FACCIA DELLA SEGRETEZZA DELLE FONTI – E “IL GIORNALE” SVELENA: "NON CITA L'INDAGINE DELLA PROCURA DI RAVENNA PER DIFFAMAZIONE E RIVELAZIONE DI SEGRETO DI STATO, DOVE È STATO INTERROGATO ASSIEME A MOTTOLA E ALLA PAPESSA DI VATI LEAKS 2 FRANCESCA CHAOUQUI, NÉ IL CONDUTTORE GIOVANNI FLORIS GLIELO RICORDA. DOVERE D'OSPITALITÀ, FORSE..."