PINOCCHIO MARPIONNE, QUELLO DELLA FATIDICA “FABBRICA ITALIA”, HA TROVATO LA SCUSA: “SE SI ESCE DALL’EURO, INVESTIMENTI RINVIATI” - “L’INCERTEZZA POLITICA CREA INCERTEZZA NEI MERCATI E QUESTO NON AIUTA CHI COME NOI DEVE VENDERE AUTO” (TUTTA COLPA DELLA POLITICA?) - PER IL 2013 LE PREVISIONI SONO DI STALLO: IL MERCATO ITALIANO RESTERA’ AL TRAINO DI QUELLO DEGLI USA - IL CONTRATTO? “LE DIFFICOLTA’ NON SONO INSORMONTABILI…”

Condividi questo articolo


Sergio Rame per IlGiornale.it

SERGIO MARCHIONNESERGIO MARCHIONNE

Quello che l'amministratore delegato del Lingotto Sergio Marchionne lancia dal Salone dell'auto di Ginevra è un netto avvertimento che coinvolge direttamente tutte le forze politiche italiane e che chiama in causa soprattutto Beppe Grillo e la folta schiera di parlamentari che il Movimento 5 Stelle porterà in parlamento nei prossimi giorni.

Beppe GrilloBeppe Grillo

"L'ingovernabilità non porterà al rinvio degli investimenti a meno che non ci sia una decisione drastica come l'uscita dall'euro", ha spiegato l'ad della Fiat replicando indirettamente a chi, nei giorni scorsi, già ipotizzava un referendum sulla moneta unica.

Perché il mercato dell'auto, fortemente penalizzato dalla recessione e dalle scelte sbagliate del governo tecnico, possa riprendersi ha bisogno in primis di un esecutivo stabile e, in secondo luogo, di un piano economico teso a favorire la crescita dell'industria e non a penalizzarla. "L'incertezza politica crea incertezza nei mercati e questo non aiuta chi come noi deve vendere auto", ha spiegato Marchionne facendo notare che, in questo momento storico, il Belpaese non può poggiare su una certezza di governabilità.

nuovo logo fiatnuovo logo fiat

Proprio per questo, stando ai dati in mano al colosso torinese, il 2013 sarà più o meno come il 2012: il mercato italiano sempre al traino di quello statunitense. Tuttavia, riferendosi alla vertenza per il rinnovo del contratto del gruppo, Marchionne si è dimostrato pressoché certo del fatto che il contratto verrà firmato dal momento che"le difficoltà non sono insormontabili".

 

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! IO SO’ GIORGIA E TU NON SEI NESSUNO - TRA INTERVISTE SU CORRIERE E REPUBBLICA E POST SU FACEBOOK, MELONI HA VOLUTO RIBADIRE CHE IL NOMIGNOLO DI DUCETTA SE L’È PROPRIO MERITATO. IN CAMPO CI SONO SOLO IO, IO, IO E IL GOVERNO MIO. TUTTE LE SPARATE DI SALVINI (MAI CITATO NELLE INTERVISTE, AL PARI DI BERLUSCONI) SE LE È INTESTATE (DAL NO-POS FINO A 60 EURO AL TETTO AL CONTANTE) PER RIBADIRE CHE IL SUO GOVERNO È UNITO. E LEI DEVE ESSERE IL CAPO. E LO FA CON IL CIPIGLIO CON CUI WANNA MARCHI DECANTAVA LE SUE "OFFERTE". "D'ACCORDO?!" - MA ANCHE LA DUCETTA HA COMMESSO UN MADORNALE ERRORE POLITICO: L’INCONTRO FACCIA A FACCIA CON CICCIO CALENDA…