PIÙ CHE DIPLOMATICI SEMBRANO SCAPPATI DI CASA - L'ASSURDO RITORNO IN PATRIA DEI DIPENDENTI DELL'AMBASCIATA RUSSA IN COREA DEL NORD, COSTRETTI A UTILIZZARE UN CARRELLO FERROVIARIO MANUALE PER OLTREPASSARE IL CONFINE, VISTO CHE LE FRONTIERE DEL PAESE SONO CHIUSE DA UN ANNO PER TENERE FUORI IL COVID - PRIMA 32 ORE DI TRENO DA PYONGYANG VERSO NORD, POI ALTRE DUE ORE DI AUTOBUS, INFINE L’ATTRAVERSAMENTO INGEGNOSO... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Guido Santevecchi per www.corriere.it

 

il ritorno a casa dei diplomatici russi dalla corea del nord il ritorno a casa dei diplomatici russi dalla corea del nord

Le frontiere della Nord Corea sono chiuse da un anno: per tenere fuori la pandemia, il Regno Eremita della Dinastia Kim ha bloccato anche i collegamenti ferroviari e aerei con Cina e Russia, i due Paesi confinanti con i quali ha più rapporti.

 

il ritorno a casa dei diplomatici russi dalla corea del nord 2 il ritorno a casa dei diplomatici russi dalla corea del nord 2

Non si fanno eccezioni nemmeno per i diplomatici e così, per rimpatriare, un gruppetto di familiari del personale dell’ambasciata russa si è dovuto industriare con un antiquato carrello ferroviario attivato a braccia, di quelli che ormai si vedono solo nei vecchi film western. La notizia dell’impresa è stata data su Facebook dal Ministero degli Esteri russo.

 

il ritorno a casa dei diplomatici russi dalla corea del nord 1 il ritorno a casa dei diplomatici russi dalla corea del nord 1

Il post in cirillico spiega: «Il 25 febbraio 8 dipendenti dell’Ambasciata russa nella Rpdc (sigla ufficiale della Repubblica popolare democratica di Corea, ndr) e i loro familiari sono tornati in patria. Dato che le frontiere sono chiuse da oltre un anno e che il traffico passeggeri è stato fermato, hanno dovuto affrontare un lungo e difficile viaggio per tornare a casa. Prima 32 ore di treno da Pyongyang verso Nord, poi altre due ore di autobus fino al confine e finalmente, l’attraversamento verso il versante russo. Per farlo, hanno dovuto preparare un carrello, metterlo sui binari, caricarci sopra bagagli e bambini e andare. L’unico uomo del veicolo non semovente, Vladislav Sorokin, ha fatto da motore, cioè ha dovuto spingere a braccia il carrello lungo i binari per più di un chilometro. La parte più difficile è stata il ponte sul fiume Tumannaya. E finalmente a casa, la stazione di confine russa Hasan, dove la nostra gente è stata accolta dal personale del ministero nella regione Primorsky e portata in autobus all’aeroporto di Vladivostok».

 

il ritorno a casa dei diplomatici russi dalla corea del nord il ritorno a casa dei diplomatici russi dalla corea del nord

L’impresa è stata filmata: le ultime centinaia di metri sul ponte sono state accompagnate dalle urla di incitamento dei compagni del motore umano Vladislav Sorokin.

ri sol ju e kim jong un 1 ri sol ju e kim jong un 1 KIM JONG UN KIM JONG UN kim jong un kim jong un kim jong un kim jong un

 

Condividi questo articolo

politica

FIATO ALLE TOMBE! L’ITALIA RIAPRE! – TUTTO QUELLO CHE DOVETE SAPERE PER RICOMINCIARE A VIVERE DAL 26 APRILE: VIA LIBERA AGLI SPOSTAMENTI TRA REGIONI DELLO STESSO COLORE, MENTRE CI VORRÀ UN PASS PER ANDARE IN AREE DI COLORE DIVERSO – TORNA IL GIALLO RINFORZATO. IL COPRIFUOCO RIMANE ALLE 22, MA BAR E RISTORANTI CON TAVOLI ALL'APERTO RIMANGONO APERTI PURE LA SERA. PER GLI ALTRI LOCALI LA DATA DELLA LIBERAZIONE SCATTERÀ IL 1 GIUGNO. COME PER LE PALESTRE - CINEMA, TEATRI E I MUSEI AL 50% DELLA CAPIENZA E…

SOTTO LA MASCHERINA, C'E' “BAFFINO” - D'ALEMA VERRÀ SENTITO DAI PM COME PERSONA INFORMATA SUI FATTI PER L'INCHIESTA SULLA VENDITA A LAZIO E SICILIA, PER 22 MILIONI DI EURO, DI 5 MILIONI DI MASCHERINE E MEZZO MILIONE DI CAMICI CINESI NON CONFORMI, OLTRE A CERCARE ABBOCCAMENTI CON ARCURI PER PROVARE A PIAZZARE ALTRE PARTITE DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE – E SUI VENTILATORI RIVENDICA DI “AVER DATO UNA MANO A RECUPERARLI”, ANTICIPANDO I SOLDI PER LO STATO CON L'ASSOCIAZIONE DI CUI FA PARTE – IL RUOLO DEL LÌDER MAXIMO NEL CONTE BIS…

“ABBIAMO DELLE PSICOPATOLOGIE, CI VORREBBE UN NEUROLOGO” – GRILLO SPEDISCE I GRILLINI DALLO STRIZZACERVELLI PARLANDO IN MEMORIA DI GIANROBERTO CASALEGGIO: “FACCIAMO CAMBIAMENTI. GENTE CHE SE NE VA, GENTE CHE TORNA, GENTE CHE VA NEI GRUPPI MISTI, STRA-MISTI, GENTE CHE HA DELLE RIVOLUZIONI CULTURALI, DEI MANCAMENTI DI INTELLIGENZA” – L’ELEVATO STOPPA L'IDEA DI UN CAMBIO DI SIMBOLO VOLUTA DA CONTE CHE VIENE ASPETTATO AL VARCO DELLE COMUNALI DI OTTOBRE DA RAGGI E DI BATTISTA…