PIÙ CHE UNA VECCHIA ABITUDINE, UNA BELLA TROVATA PUBBLICITARIA - AUTOBUS? FICO FINO A IERI SI FACEVA RIMBORSARE IN MEDIA 200 EURO AL MESE DI TAXI. LO DICONO I RENDICONTI DEL M5S - UN PO’ COME RENZI CON LA BUFALA DEL PRIMO VIAGGIO IN TRENO DIRETTO A ROMA, QUANDO DISSE: ‘NIENTE SCORTA, LA GENTE SARÀ LA MIA SCORTA’ (SEGUIRONO MEGA SCORTA E AEREO DI STATO PURE PER ANDARE A SCIARE)

-

Condividi questo articolo


 

Dalla pagina Facebook dei ‘Socialisti Gaudenti’

 

Oggi il neopresidente della Camera, Roberto Fico, è andato al lavoro in bus. A parte i rischi per la sicurezza non c'è nulla di male, anche se dai dati (se corretti) presi su maquantospendi.it, risulta che l'onorevole Fico, nel 2017, il bus non l'abbia preso quasi mai (preferendo il taxi). Più che una vecchia abitudine è stata una bella trovata pubblicitaria.

roberto fico al lavoro con il bus roberto fico al lavoro con il bus Fico va in autobus a Montecitorio Fico va in autobus a Montecitorio renzi alla stazione con cazzullo renzi alla stazione con cazzullo renzi fa i selfie davanti al treno renzi fa i selfie davanti al treno renzi stazione termini renzi stazione termini Matteo Renzi in treno Matteo Renzi in treno

 

renzi la mia scorta e l agente la mia scorta e l agente renzi la mia scorta e l agente la mia scorta e l agente

 

Condividi questo articolo

politica

DUE RENZI, DUE MISURE – I TABULATI DI SIGFRIDO RANUCCI E GIORGIO MOTTOLA DI “REPORT”, ACQUISITI DALLA PROCURA DI ROMA, FINIRANNO NELLE MANI DEL SENATORE SEMPLICE DI RIGNANO, IN QUANTO PERSONA OFFESA. È LO STESSO CHE FRIGNA PERCHÉ I SUOI MESSAGGI SONO FINITI NEL FASCICOLO DI INDAGINE, A FIRENZE, SULLA FONDAZIONE OPEN? - L’OBIETTIVO DELLA PROCURA ROMANA ERA DARE UN NOME ALLA DONNA CHE AVEVA INVIATO AI CRONISTI IL VIDEO DELL’INCONTRO DI RENZI CON LO SPIONE MANCINI, DOPO LA DENUNCIA DELL'EX PREMIER. PECCATO CHE, INSIEME A QUELLO, I PM (E RENZI) ABBIANO RASTRELLATO TUTTI I CONTATTI DEI DUE GIORNALISTI. E BYE BYE ALLA LIBERTÀ DI STAMPA E ALLA SEGRETEZZA DELLE FONTI…

COME SO STE INTERCETTAZIONI? SO’ GRECHE! – IN GRECIA SI ALLARGA LO SCANDALO SULLA RETE DI SPIONAGGIO DI STATO : IL SETTIMANALE “DOCUMENTO” HA ELENCATO ALTRI NOMI DELLA LUNGA LISTA DI PERSONE SPIATE CON IL SOFTWARE PREDATOR. TRA QUESTI CI SAREBBE ANCHE L’EX CAPO DELLA POLIZIA KARAMALAKIS E LA PROCURATRICE CHE SUPERVISIONA I SERVIZI, VASILIKI VLACHOU – L’OPPOSIZIONE DI SYRIZA AZZANNA IL PREMIER, MITSOTAKIS: “DEVIAZIONE COSTITUZIONALE SENZA PRECEDENTI.SE NON DARÀ RISPOSTE CONVINCENTI SI DIMETTA"