PRENDILA IN CULO, HACKER! LE SPIE RUSSE MOLLANO IL PC E TORNANO ALLE MACCHINE DA SCRIVERE

Il Datagate ha fatto capire a Putin che, con gli americani a spasso nel web, Internet non è sicuro - Allora meglio tornare al passato: riesumate migliaia di macchine da scrivere che saranno usate per redigere dispacci e documenti con informazioni sensibili o ritenute d’importanza strategica

Condividi questo articolo


Donato Carrisi per il "Corriere della Sera"

Si dice che Edward Snowden, la «talpa» del Datagate che ha inferto un duro colpo al mondo dell'intelligence e alla politica estera americana degli ultimi trent'anni, abbia rivoluzionato la letteratura di spionaggio più di quanto abbia fatto James Bond con ventitré film e decine di romanzi.

macchina da scriveremacchina da scrivere

Al giovanotto sono bastati pochi giorni per mettere in crisi un sistema tecnologico che, di fatto, aveva reso sempre meno affascinante il mestiere delle spie, riducendolo a semplice opera di hackeraggio. Non più costretti a operazioni rocambolesche a rischio della vita, fino a ieri i nuovi 007 imbolsivano davanti allo schermo di un computer tenendo in mano non un Vesper Martini ma un frullato vaniglia e cioccolato. Nell'immaginario collettivo avevano perso appeal e prestigio e, insieme con loro, le tecniche per carpire segreti al nemico di turno.

Il Datagate ha dimostrato quanto sia vulnerabile il mondo virtuale rispetto a quello reale, nascondendo molte più insidie e trabocchetti di quanto si potesse immaginare. Nelle ultime settimane siamo tornati a sistemi da guerra fredda che sembravano essere stati accantonati per sempre, appannaggio di nuove tecnologie.

Per esempio, al Cremlino si sono affrettati a rispolverare le vecchie macchine da scrivere per redigere dispacci e documenti che contengono informazioni sensibili o ritenute d'importanza strategica. Nei piani alti dei ministeri chiave della Difesa e dell'Economia i vecchi arnesi di modernariato, conservati in vetusti magazzini, hanno rivisto la luce rimpiazzando i pc (spesso di fabbricazione americana).

OBAMA PUTIN SPIONAGGIO MONDIALEOBAMA PUTIN SPIONAGGIO MONDIALE

A riferirlo il quotidiano Izvestia , che cita come prova un bando pubblicato sul sito delle aste pubbliche: a quanto pare, le macchine da scrivere recuperate in tutta fretta non sono sufficienti alla bisogna, tanto da costringere il Fso (il servizio delle guardie federali che tutela la sicurezza delle più alte personalità dello Stato) a indire una gara per l'acquisto di 20 nuovi esemplari.

Totale della spesa: 486 mila rubli (approssimativamente, 11.600 euro). Il trafiletto sul sito, poco più di quattro righe in cirillico, avrebbe dovuto passare quasi inosservato, invece ha insospettito gli esperti di intelligence che vi hanno visto il chiaro indizio di un rapido ritorno al passato. I computer non possono garantire un'assoluta sicurezza delle informazioni, ma dopo la rivoluzione innescata prima da Wikileaks e ora da Snowden, il problema della segretezza è tornato di vitale importanza.

OBAMA PUTIN TOP SECRETOBAMA PUTIN TOP SECRET

La minaccia, come sempre in queste faccende, viene dagli «amici» piuttosto che dai nemici: dagli Stati con cui si intrecciano felici e pubbliche alleanze, ma anche dai collaboratori interni che sempre più spesso si rivelano infedeli, a volte per vile denaro ma, incredibilmente, adesso anche per questioni di principio. E, come sanno bene i governi, non c'è niente di peggio di un traditore allevato in casa e mosso da motivi etici e morali. Da Putin e dai suoi al momento non c'è stata alcuna conferma dell'adozione di queste misure cautelative.

snowdensnowden

Ma in simili casi il silenzio vale quanto una risposta. D'altronde, i trascorsi nei servizi segreti del presidente russo sono sufficienti a immaginare quanto il vecchio Vladimir desideri che non accada anche dalle sue parti la fuga di notizie che sta imbarazzando gli Usa. La figuraccia per un ex 007 sarebbe imperdonabile. Ma riteniamo che il ritorno al passato non riguarderà solo gli strumenti dell'intelligence.

hackerhacker

Le macchine da scrivere potrebbero essere solo l'inizio. Forse qualcuno ricomincerà ad addestrare piccioni spia muniti di microcamere per sostituire i droni, oppure si torneranno a nascondere microfoni nelle stilografiche. E gli agenti segreti dovranno tornare sul campo. Ma oggi il loro peggior incubo non è di essere catturati e torturati dal nemico, bensì quello doversi mettere a dieta per indossare uno smoking.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)