IL PROFETA SCANZI - NEL 2017 IL GIORNALISTA CAREGIVER A “OTTO E MEZZO” PREVEDEVA UN’ECATOMBE PER FRATELLI D’ITALIA DAVANTI A GIORGIA MELONI: “MA SENZA BERLUSCONI DOVE VAI? AL MASSIMO POTRAI ARRIVARE AL 5%” - QUATTRO ANNI DOPO IL PARTITO DELLA “DUCETTA” È IN CIMA AI SONDAGGI, E SUI SOCIAL IL GIORNALISTA DEL “FATTO” VIENE SPERNACCHIATO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

fratelli ditalia spernacchia andrea scanzi fratelli ditalia spernacchia andrea scanzi

Da www.iltempo.it

 

"Ma senza Berlusconi dove vai? Al massimo potrai arrivare al 5%...". A parlare era Andrea Scanzi che, qualche tempo fa, prevedeva sciagure per la compagine politica di Giorgia Meloni. Davanti alle telecamere, la Meloni rispondeva per le rime dicendo: "Ma perché dovrei prendere solo il 5%? Perché?". 

 

Scanzi si faceva forte dei sondaggi e, rivolgendosi alla leader di Fratelli d'Italia, passava all'attacco: "I sondaggi sono chiari, i numeri sono numeri...". Mai profezia fu più sbagliata. Oggi, infatti, le cronache politiche e i sondaggi parlano di Fratelli d'Italia come primo partito e Giorgia Meloni è diventata uno dei politici più popolari d'Italia. Che rivincita!  

andrea scanzi a otto e mezzo 3 andrea scanzi a otto e mezzo 3 fratelli ditalia spernacchia andrea scanzi 2 fratelli ditalia spernacchia andrea scanzi 2 fratelli ditalia spernacchia andrea scanzi 1 fratelli ditalia spernacchia andrea scanzi 1

 

Condividi questo articolo

politica

PREPARATEVI ALLA GUERRIGLIA POLITICA: IL 3 AGOSTO INIZIERA’ IL SEMESTRE BIANCO DI MATTARELLA - I PARTITI, SENZA IL RISCHIO DI VEDER SCIOGLIERE LE CAMERE, POTRANNO DARE FUOCO ALLE POLVERI - NEL MEZZO CI SARANNO LE AMMINISTRATIVE E LE MANOVRE PER IL COLLE, LA FAIDA SALVINI-LETTA, QUELLA TRA RENZI E IL PD, IL M5S DILANIATO E CONTE A TUTTO CAMPO - COME FARA’ DRAGHI A NON FARSI LOGORARE? MINACCIANDO LE DIMISSIONI? - PER BRUNETTA E’ IMPOSSIBILE PERCHE’ “USURARE DRAGHI SIGNIFICHEREBBE LA BANCAROTTA DEL PAESE” - SUPERMARIO VUOLE ANCORA MATTARELLA AL QUIRINALE COME GARANTE DEL SUO LAVORO…

CHI GUIDERA’ LA PROCURA DI MILANO? - PER LA PRIMA VOLTA NON CI SARÀ NESSUNA CANDIDATURA CHE POSSA MANTENERE AL COMANDO LO STESSO GRUPPO DI POTERE - SONO SCOMPARSI DALL'ELENCO DEI CANDIDATI I PROCURATORI DI NAPOLI E CATANZARO, GIOVANNI MELILLO E NICOLA GRATTERI - CI SONO NOVE NOMI IN TUTTO, SEI CON ZERO SPERANZE, TRE IN PISTA DAVVERO: IL PROCURATORE DI FIRENZE MARCELLO VIOLA, QUELLO DI BOLOGNA GIUSEPPE AMATO, E POI MAURIZIO ROMANELLI: CHE DEI TRE È L'UNICO IN SERVIZIO A MILANO, ALLIEVO DI POMARICI E SPATARO…