PUTIN CHIAMA, ERDOGAN RISPONDE! - IL “SULTANO” TURCO PRENDE POSIZIONE CONTRO L’ADESIONE DI FINLANDIA E SVEZIA NELLA NATO: “NON ABBIAMO UN’OPINIONE POSITIVA, OSPITANO TERRORISTI DEL PKK. NON VOGLIAMO CHE SI RIPETA LO STESSO ERRORE COMMESSO CON L’ADESIONE DELLA GRECIA” - CHE COINCIDENZA: QUALCHE ORA FA L’AGENZIA DI STAMPA DEL CREMLINO AVEVA LANCIATO L’INTERVISTA A UN POLITOLOGO TURCO CHE INVITAVA IL PRESIDENTE A METTERE IL VETO…

-

Condividi questo articolo


PUTIN ERDOGAN PUTIN ERDOGAN

(ANSA) - L'adesione di Finlandia e Svezia alla Nato sarebbe un "errore" come quello dell'ingresso della Grecia nell'Alleanza Atlantica: lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Il leader turco ha detto ai giornalisti che "non vuole che si ripeta lo stesso errore commesso con l'adesione della Grecia", accusando Stoccolma ed Helsinki "di ospitare terroristi del Pkk", il Partito dei Lavoratori del Kurdistan. "Non abbiamo un'opinione positiva", ha insistito Erdogan.

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

JENS STOLTENBERG SANNA MARIN JENS STOLTENBERG SANNA MARIN sanna marin 11 sanna marin 11

 

erdogan putin erdogan putin putin erdogan putin erdogan

magdalena andersson sanna marin magdalena andersson sanna marin

 

 

Condividi questo articolo

politica

POSTA! - CARO DAGO, MA COM’È CHE, CON L’AVVICINARSI DELLE ELEZIONI, REPORT ET SIMILIA ESCONO CON INCREDIBILI SCOOP (SU FATTI DI 30 ANNI FA!) SU “FASCISTI”, “ESTREMISTI DI DESTRA”, STRAGI, SERVIZI SEGRETI (POI COSÌ SEGRETISSIMI NON SEMBRANO, VISTO CHE LI “BUCANO” TUTTI), “DEPISTAGGI” E VIA ANDANDO? AH, SAPERLO! - VAIOLO DELLE SCIMMIE, IL VIROLOGO MASSIMO GALLI TENTA LA "BURIONATA" ("IN ITALIA IL COVID NON CIRCOLA. IL RISCHIO È ZERO") : "LA MALATTIA RESTERÀ UN FENOMENO CONTENUTO"...

LA SEDIA VUOTA DI PALERMO GRIDA VENDETTA - IL CANDIDATO SINDACO DEL CENTRODESTRA ROBERTO LAGALLA DISERTA LE CELEBRAZIONI PER I 30 ANNI DALLA STRAGE DI CAPACI CONTRO "LE FEROCI PAROLE" DI PIF E MARIA FALCONE – I DUE SI ERANO CHIESTI: È POSSIBILE CHE, A 30 ANNI DA CAPACI E VIA D'AMELIO, UN CANDIDATO SINDACO (ROBERTO LAGALLA) DEBBA ESSERE LA RISULTANTE POLITICA DI UN "LODO" CHE HA VISTO COME SUOI ARCHITETTI CUFFARO E DELL'UTRI, ENTRAMBI CONDANNATI IN VIA DEFINITIVA E REDUCI DALL'AVER SCONTATO PENE DETENTIVE PER REATI DI MAFIA?