LA QUIETE PRIMA DELLA TEMPESTA – MASSIMO FRANCO E LA PRESUNTA STABILITÀ DELLA MAGGIORANZA: “NON È CHIARO CHE COSA POTRÀ ACCADERE SE LA LEGA ESCE ULTERIORMENTE RIDIMENSIONATA NEL VOTO LOCALE A NORD. NÉ CHE EFFETTO AVRÀ IL CONFLITTO CHE STA LACERANDO FORZA ITALIA” – “POI CI SONO QUELLI CHE SI CANDIDANO A SFRUTTARE LA CRISI ALTRUI: CALENDA E CONTE. MA SI TRATTA DI MANOVRE FONDATE SU CALCOLI TUTTI DA VERIFICARE NEL MEDIO PERIODO…”

-

Condividi questo articolo


Massimo Franco per il “Corriere della Sera”

 

CALENDA MELONI CALENDA MELONI

La diffidenza con la quale i berlusconiani aspettano il prossimo colloquio tra Giorgia Meloni e Carlo Calenda è significativa. Quando il vicepresidente della Camera, Giorgio Mulè, di FI, evoca il «cavallo di Troia», additando un leader di Azione pronto a entrare di nascosto nel campo del governo, parla alla premier.

 

Le dice di non fidarsi. E tradisce la preoccupazione di una porzione della maggioranza, che si sente debole e esposta alle incursioni avversarie. Calenda non fa nulla per attenuare questa impressione. Vede «uno smottamento politico» di qui a marzo. E si candida a sfruttarlo a proprio vantaggio. Ma il tema riguarda forse più le opposizioni che la coalizione di Meloni: almeno nel breve periodo.

 

berlusconi meloni salvini alle consultazioni berlusconi meloni salvini alle consultazioni

La prima incognita, forse la maggiore, è il congresso del Pd in programma tra febbraio e marzo. Pochi prevedono che il partito di Enrico Letta ne riemergerà più unito. Anzi, molti cominciano a pensare che sancirà una divisione in più tronconi, chiunque sia il o la leader.

 

Basta registrare l'aggressività di un asse Azione-Iv che già si smarca dalla definizione di centrosinistra. E si candida a rifugio degli scontenti di ogni schieramento. E, sul fronte opposto, l'attivismo spregiudicato di Giuseppe Conte e di un M5S che tende a dettare condizioni al Pd anche in Lombardia, dove ha percentuali basse.

 

GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI CONFERENZA STAMPA MANOVRA GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI CONFERENZA STAMPA MANOVRA

Ma l'area dell'incertezza potrebbe allargarsi alla destra, se le elezioni regionali dovessero accentuare lo scarto tra i numeri di FdI e quelli di Lega e FI. Non tanto da far vacillare il governo, ma abbastanza per acuire le tensioni interne. Per questo, in apparenza il 25 settembre ha stabilizzato la situazione.

 

C'è una maggioranza politica chiara che ha vinto. E c'é una nebulosa sconfitta che promette di sfrangiarsi ulteriormente. Dietro questo simulacro di stabilità, tuttavia, si moltiplicano i segnali che mostrano un sistema in evoluzione; ed equilibri che si stanno ancora assestando, senza avere trovato un assetto definitivo.

 

GIUSEPPE CONTE ENRICO LETTA MEME GIUSEPPE CONTE ENRICO LETTA MEME

Non è chiaro che cosa potrà accadere se la Lega esce ulteriormente ridimensionata nel voto locale a Nord. Né che effetto avrà il conflitto che sta lacerando Forza Italia. Al momento, unica beneficiaria di questa incertezza trasversale appare la premier con il suo partito, che cresce nei sondaggi: sebbene la concentrazione delle decisioni a Palazzo Chigi e la gravità dei problemi alla lunga possano mostrarne i limiti.

 

Poi ci sono quelli che si candidano a sfruttare la crisi altrui: Calenda e Conte. Ma si tratta di manovre fondate su calcoli tutti da verificare nel medio periodo: la volatilità elettorale è un problema comune. Sono i primi passi della traversata nel deserto di chi, dopo avere perso il potere, non sa né come né quando lo riavrà.

calenda letta calenda letta silvio berlusconi e matteo salvini si guardano mentre giorgia meloni parla di unanimita' nella coalizione silvio berlusconi e matteo salvini si guardano mentre giorgia meloni parla di unanimita' nella coalizione meloni berlusconi salvini al quirinale meloni berlusconi salvini al quirinale CONTE LETTA CONTE LETTA

 

Condividi questo articolo

politica

GLI EFFETTI DELLA GUERRA MELONI-RAMPELLI NON PREOCCUPANO FRANCESCO ROCCA, CANDIDATO ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE LAZIO, CHE SI SENTE LA VITTORIA IN TASCA - COME DAGO-RIVELATO RAMPELLI, COMMISSARIATO DA DONNA GIORGIA, PUNTA A “CONTROLLARE” ALMENO 5-6 CONSIGLIERI NEL LAZIO PER AVERE LA GOLDEN SHARE SULLA PROSSIMA AMMINISTRAZIONE DI CENTRODESTRA. IL CANDIDATO GOVERNATORE È PIÙ TRANQUILLO. “FARANNO A GARA A SFIDARSI SULLE PREFERENZE E FARANNO GUADAGNARE VOTI ALLA COALIZIONE” – LA GRANA AUTONOMIA (CHE NON PIACE A ROCCA)…

DAGOREPORT – GIORGIA MELONI HA DECISO DI TAGLIARE DEFINITIVAMENTE LE VECCHIE RADICI (EURO-SCETTICISMO E SOVRANISMO): STA TRATTANDO UN’ALLEANZA TRA IL SUO GRUPPO ECR, CONSERVATORI E RIFORMISTI, E IL PPE IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE DEL 2024 – A NEGOZIARE CON BRUXELLES CI PENSA IL MINISTRO DEGLI ESTERI, ANTONIO TAJANI, GRANDE AMICO DEL PRESIDENTE DEL PPE MANFRED WEBER (BERLUSCONI, CHE SOGNAVA DI TRAGHETTARE GLI EX MISSINI NEL SALOTTO DEMOCRATICO EUROPEO, E' STATO SCAVALCATO) - NUOVO RAPPORTO TRA GIORGIA E URSULA CHE SOGNA LA RICONFERMA COME PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE – L’OSTACOLO POLACCO E I SOCIALISTI FIACCATI DAL QATARGATE

SAPETE QUAL ERA IL MITO DI GIORGIA MELONI AI TEMPI DEL LICEO? MICHAEL JACKSON -  A “UN GIORNO DA PECORA” LE RIVELAZIONI DI UNA EX COMPAGNA DEL LICEO DELLA DUCETTA: “IL SUO BRANO PREFERITO ‘MAN IN THE MIRROR’. A 16 ANNI, ANDAMMO A UN SUO CONCERTO A ROMA. PRIMA PROVAMMO A VEDERLO SOTTO L’HOTEL IN CUI SOGGIORNAVA, LEI ERA EMOZIONATISSIMA – A SCUOLA LA CHIAMAVAMO PER COGNOME, ‘LA MELONI’. ERA L’UNICA CHE DOVEVA LAVORARE PER AIUTARE A CASA. MA ERA UNA SECCHIONA “AVEVA LA MEDIA DEL 9”