"MI SENTIREI MEGLIO SE FOSSIMO COME IN ITALIA" - PRIMA DI LASCIARE LA CANCELLERIA, ANGELONA MERKEL METTE IN LOCKDOWN I NO VAX, LANCIA LA VACCINAZIONE OBBLIGATORIA DA FEBBRAIO E SOPRATTUTTO, LODA L'ITALIA PER LA GESTIONE DELLA PANDEMIA – GRAMELLINI: “IL SUO ELOGIO NON È ESTESO ALL'INTERO SCIBILE ITALICO E SARÀ STATO CONDIZIONATO DAL PRESTIGIO DI DRAGHI, MA RESTA IL FATTO CHE QUESTO SGANGHERATO PAESE SE L'È CAVATA MEGLIO DI QUASI TUTTI, NONOSTANTE ABBIA LA CLASSE POLITICA CHE HA E NONOSTANTE GLI ITALIANI SIANO..."

-

Condividi questo articolo


 

 

angela merkel starnutisce 3 angela merkel starnutisce 3

1 - “MI SENTIREI MEGLIO SE FOSSIMO IN UNA SITUAZIONE COME QUELLA DELL’ITALIA” - TOCCATEVI: ANGELA MERKEL LODA IL NOSTRO PAESE PER LA GESTIONE DELLA PANDEMIA E ANNUNCIA UN LOCKDOWN PER I NON VACCINATI –  “LA SITUAZIONE È SERIA E IL CARICO DELLE STRUTTURE È IN PARTE GIÀ AI LIMITI”

https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/ldquo-mi-sentirei-meglio-se-fossimo-situazione-come-quella-291572.htm

mario draghi angela merkel mario draghi angela merkel

 

2 - IL MANTRA DI ANGELA

Massimo Gramellini per il "Corriere della Sera"

 

«Mi sentirei meglio se fossimo come in Italia». Come ha detto, signora Merkel? «Mi sentirei meglio se fossimo come in Italia». Potrebbe ripeterlo tre o quattrocento volte, così lo memorizzo? Lo memorizzo e lo registro, per riascoltarlo quando faccio una coda, quando prendo una buca e in genere nei momenti tristi, per esempio questo: ho appena letto che restiamo saldamente in testa alla classifica europea degli evasori (e degli impositori) fiscali e preferirei che in Italia non fossimo come in Italia.

ultimo discorso di angela merkel al bundestag 2 ultimo discorso di angela merkel al bundestag 2

 

Invece lei ci indica ai tedeschi come modello da seguire. Certo, il suo elogio non è esteso all'intero scibile italico, ma si riferisce soltanto alla gestione della pandemia. Certo, il suo giudizio benevolo sarà stato condizionato dal prestigio personale di Draghi, anche se ormai si ha quasi paura a dirlo perché si passa immediatamente per lecchini.

 

marcia contro le restrizioni anti coroanvirus a berlino 38 marcia contro le restrizioni anti coroanvirus a berlino 38

Resta il fatto che questo sgangherato Paese, il primo in Europa a essere travolto dal Covid, se l'è cavata meglio di quasi tutti, nonostante abbia la classe politica che ha e nonostante gli italiani siano quello che sono. Però siamo anche più prudenti e meno arroganti di tanti popoli vicini e lontani che hanno sottovalutato il virus e forse hanno sottovalutato anche noi.

 

Fino a quando arriva la leader più importante d'Europa, all'ultima settimana del suo quasi ventennale potere, e dice che cosa ha detto esattamente, signora Merkel? «Mi sentirei meglio se fossimo come in Italia». Grazie, mi sento già meglio.

 

angela merkel angela merkel

3 - MERKEL METTE IN LOCKDOWN I NO VAX E LANCIA LA VACCINAZIONE OBBLIGATORIA

Uski Audino per "la Stampa"

 

«L'origine della nostra situazione attuale può essere descritta facilmente: i cittadini non si fanno vaccinare abbastanza». Parola di Olaf Scholz, il cancelliere designato che l'8 dicembre prossimo prenderà il testimone del governo tedesco in un momento per nulla facile.

negazionisti del coronavirus a berlino 9 negazionisti del coronavirus a berlino 9

 

«La situazione purtroppo è seria», ha dichiarato ancora una volta Angela Merkel, dall'alto del suo inarrivabile understatement, al termine dell'incontro Stato federale-regioni. E con un'incidenza del contagio ancora troppo alta rispetto all'urto sul sistema sanitario nazionale (tre volte quella italiana), la soluzione non sembra che essere una: limitare la presenza nella vita pubblica di quei 12 milioni che rifiutano il vaccino e dichiarare un «lockdown dei non vaccinati».

angela merkel alla tomba del milite ignoto di mosca angela merkel alla tomba del milite ignoto di mosca

 

«Se avessimo qui un'incidenza come in Italia, intorno ai 150 nuovi contagi a settimana, mi sentirei più felice», ha detto Merkel, ma purtroppo la situazione va affrontata per quella che è.

 

«Organizzeremo attività culturali e di svago in tutta la Germania solo per coloro che sono stati vaccinati e curati», ha proseguito la cancelliera uscente, annunciando una serie di misure che introducono limitazioni valide in primis per i non immunizzati, ma non solo.

 

coronavirus scuola germania 8 coronavirus scuola germania 8

Anche vaccinati e guariti subiranno restrizioni nelle regioni dove la diffusione del Covid supera un certo limite. A partire da un'incidenza del virus oltre i 350 nuovi contagi settimanali su 100.000 abitanti verranno chiuse le discoteche e i locali notturni. Dunque Berlino, con un'incidenza oltre 361, si prepara al lockdown della movida.

 

A prescindere invece dalla diffusione dei contagi verrà estesa a tutti i Laender la regola dell'ingresso consentito solo a vaccinati e guariti nei luoghi pubblici e di ritrovo (ristoranti, locali, teatri, cinema e palestre), agli eventi e nel commercio al dettaglio, tranne alimentari e farmacie. Le scuole rimarranno aperte ma anche i più piccoli dovranno indossare la mascherina.

 

mario draghi angela merkel mario draghi angela merkel

I non vaccinati invece si vedranno costretti a limitare i contatti: si potrà incontrare solo un nucleo famigliare più due persone di nuclei diversi. Le feste dovranno avere un tetto al numero dei partecipanti - anche se si tratta di guariti o vaccinati. Funzionerà? La decisione finale sull'obbligo di vaccino sarà presa dal Bundestag e dovrebbe entrare in vigore a partire da febbraio.

 

La cancelliera uscente, interrogata sul suo cambio di opinione rispetto al vaccino obbligatorio, prima rifiutato e ora consigliato, ha dato una risposta semplice ma articolata: «Avevamo sperato in un'accoglienza volontaria più alta», non pensavamo «che la variante Delta sarebbe stata così aggressiva» e credevamo che «un'immunità di gregge si sarebbe raggiunta con una quota di popolazione vaccinata più bassa».

ursula von der leyen, emmanuel macron, charles michel, angela merkel e mario draghi al g7 2 ursula von der leyen, emmanuel macron, charles michel, angela merkel e mario draghi al g7 2

 

C'era un tempo infatti - nemmeno sei mesi fa - in cui in Germania si pensava che con il 70% di copertura vaccinale tutto sarebbe rimasto sotto controllo. Ora i vaccinati con due dosi sono il 68,7% (57,1 milioni), quelli con la prima il 71,6% eppure il sistema sanitario è a un passo dal collasso. Sorprese di un giovane virus sconosciuto. Intanto, secondo l'ultimo sondaggio per Ard, i tedeschi sono sempre più favorevoli all'obbligo di immunizzazione: il 71% è a favore, mentre un mese fa era solo il 64%.

angela merkel mario draghi. 5 angela merkel mario draghi. 5

 

Condividi questo articolo

politica

POSTA! - CARO DAGO, CHISSÀ SE DOPO L'AVVISO DI GARANZIA AL LORO BENEFATTORE GRILLO, I GRILLINI E TRAVAGLIO SI SCOPRIRANNO "GARANTISTI". NON MI STUPIREI SE INIZIASSERO A PENSARE DI VOTARE BERLUSCONI… - DI FRONTE AGLI IPOCRITI, AI CALCOLATORI, AI FURBASTRI CHE SI ACQUATTANO COME CONIGLI NELLA TANA DEI MESSAGGI CRIPTICI, DELLE ALLUSIONI, DEI TATTICISMI, ECC. ECC. UNO COME BERLUSCONI CHE (PIACCIA O MENO) ROMPE GLI SCHEMI ED ESCE ALLO SCOPERTO ALLA LUCE DEL SOLE APPARE UN LEONE…

 

“CHI È POSITIVO AL COVID DEVE POTER VOTARE”. DA FRATELLI D’ITALIA AI 5 STELLE, SALE IL PRESSING PER FAR VOTARE I GRANDI ELETTORI CONTAGIATI: LE AUTORITÀ SANITARIE POSSONO AUTORIZZARE GLI SPOSTAMENTI DA UN DOMICILIO A UN ALTRO, CON MEZZI SPECIALI PER GARANTIRE LA MASSIMA TUTELA – I DEM CHIUDONO: “NON CI SONO LE CONDIZIONI” – ESCLUSO IL VOTO A DISTANZA, PROPOSTO UN COVID HOTEL DAVANTI A MONTECITORIO PER VOTARE POI NEL CORTILE DELLA CAMERA. ATTUALMENTE I POSITIVI TRA CAMERA E SENATO SONO UNA QUARANTINA…

DATE TUTTO IL CANONE ALLA RAI E NESSUNO ROMPERÀ PIÙ LE PALLE - L'AD DELLA TV PUBBLICA, CARLO FUORTES, È ANDATO A PROTESTARE IN SENATO PERCHÉ LA RAI PERCEPISCE SOLO L'86% DEI 90 EURO CHE NOI PAGHIAMO: "SE NELLE CASSE ARRIVASSE L'INTERO CANONE MOLTI DEI DISCORSI CHE STIAMO FACENDO NON SAREBBERO FATTI E IL RICAVO SAREBBE SUFFICIENTE PER GESTIRE L'AZIENDA" - OGNI ANNO VENGONO REGISTRATE MENO RISORSE, PARI A 240 MILIONI DI EURO - COI NOSTRI SOLDI FINANZIAMO PURE TV, GIORNALI E RADIO COMMERCIALI LOCALI DI CUI IGNORIAMO L'ESISTENZA...