1. RETROSCENA DEL RETROSCEMO - LA MERKEL AVEVA DATO IL VIA LIBERA ALLA RICHIESTA DI RENZI DI SOSPENDERE LE REGOLE SUL BAIL IN E DI RICAPITALIZZARE LE BANCHE CON SOLDI PUBBLICI. MA L’ITALIA DOVEVA FARLO SENZA DIRLO. INVECE RENZI, POSSEDUTO DALLA VANAGLORIA, L'HA SBANDIERATO AI QUATTRO VENTI. E ANGELONA L'HA MANDATO A CAGARE
2. A RENZI RACCONTANO DI UN COMPLOTTO DEI POPOLARI EUROPEI PER FARLO CADERE. NULLA DI PIÙ FALSO. LA CANCELLIERA HA TUTTO L’INTERESSE CHE RENZI RIMANGA AL SUO POSTO. ALMENO FINQUANDO NON METTE A POSTO LA LEGGE ELETTORALE. QUELLA ATTUALE RISCHIA DI MANDARE A GRILLO A PALAZZO CHIGI. UN RISCHIO CHE ANGELONA NON SI PUÒ PERMETTERE

Condividi questo articolo

Aspirina per Dagospia

 

renzi merkel hollande renzi merkel hollande

Matteo Renzi sta pagando sulla sua pelle la mancata conoscenza delle regole europee. Soprattutto di quelle non scritte. A Berlino, il premier di Rignano aveva accennato alla Merkel l’idea di sospendere le regole del bail in e di creare un fondo pubblico salvabanche.

 

padoan renzi padoan renzi

La Cancelliera non gli aveva detto no. Al contrario, aveva fatto capire che non si sarebbe opposta. L’Italia faceva il suo fondo e lei avrebbe evitato che la Commissione europea si potesse mettere di traverso. L’intesa presupponeva, però, la totale riservatezza sull’operazione.

 

renzi come merkel e hollande renzi come merkel e hollande

Matteo, invece, cos’ha fatto? In primo luogo lo ha detto a Padoan (ed a chi doveva dirlo?). Ed il ministro dell’Economia, non sicurissimo che il premier avesse capito bene il via libera della Merkel, ha iniziato a far filtrare la notizia del fondo salvabanche sui giornali, così da garantirsi una vena di ufficiosità (ovviamente d’accordo con Palazzo Chigi).

 

Il risultato è che la Merkel di fronte all’ufficiosità del fondo salvabanche italiano non ha potuto far altro che smentire le aperture concesse a quattr’occhi a Berlino: ‘’le regole non si cambiano ogni due anni’’, ha detto ieri a Bruxelles. Ed oggi i titoli bancari soffrono in Borsa proprio per la doccia fredda di informazioni contrapposte e contraddittorie ricevute nel giro di 48 ore.

 

venditore porta a porta VINCINO SU RENZI MERKEL venditore porta a porta VINCINO SU RENZI MERKEL

Renzi è stato preso in contropiede dalla Merkel. O meglio, la Merkel è stata presa in contropiede dall’ignoranza del premier italiano delle regole non scritte europee. Nei corridoi di Bruxelles vince solo chi ha giocato a pallone all’oratorio, che conosce le regole sugli sgambetti e sotterfugi. Proprio il contrario degli insegnamenti degli scout. E Matteo lo è stato.

 

L’inquilino pro tempore di Palazzo Chigi ieri ha balbettato una reazione: è stata la Germania ad essere stata salvata dal deficit eccessivo. Errore. La presidenza di turno italiana (Giulio Tremonti), nel novembre del 2003, impedì l’applicazione delle sanzioni a Francia e Germania, congelando la procedura per deficit eccessivo.

 

In realtà, quel che Matteuccio non può ancora raccontare sono gli scenari apocalittici che gli vengono offerti dagli sherpa per giustificare il loro errore di valutazione sull’atteggiamento della Merkel a Berlino.

 

RENZI MERKEL 5 MAGGIO 2015 VI RENZI MERKEL 5 MAGGIO 2015 VI

Pur di non riconoscere lo sbaglio stanno raccontando al premier di fantasmagorici complotti dei popolari europei per farlo cadere. Nulla di più falso. La Merkel ha tutto l’interesse che Renzi rimanga al suo posto. Almeno finquando non mette a posto la legge elettorale. Quella attuale rischia di mandare a Grillo a Palazzo Chigi. Un rischio che Angelona non si può permettere.  

 

Condividi questo articolo

politica

"LA STATO C'E'. NESSUNO SARA' LASCIATO SOLO" - CONTE ANNUNCIA 4,3 MILIARDI AI COMUNI E 400 MILIONI PER FORNIRE GENERI ALIMENTARI AI CITTADINI IN DIFFICOLTÀ - "LA RIPRESA DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE? DALL’INIZIO DELLA PROSSIMA SETTIMANA CI CONFRONTEREMO CON IL COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO E VALUTEREMO - LA SOSPENSIONE DELLE LEZIONI PROSEGUIRA’ DOPO IL 3 APRILE - 'GIUSEPPI' PARLA DI "COLONI E MEZZADRI" COME NEL MANUALE DI DIRITTO PRIVATO DI SCHLESINGER DA POCO SCOMPARSO. UN TRIBUTO?