1. RETROSCENA DEL RETROSCEMO - LA MERKEL AVEVA DATO IL VIA LIBERA ALLA RICHIESTA DI RENZI DI SOSPENDERE LE REGOLE SUL BAIL IN E DI RICAPITALIZZARE LE BANCHE CON SOLDI PUBBLICI. MA L’ITALIA DOVEVA FARLO SENZA DIRLO. INVECE RENZI, POSSEDUTO DALLA VANAGLORIA, L'HA SBANDIERATO AI QUATTRO VENTI. E ANGELONA L'HA MANDATO A CAGARE
2. A RENZI RACCONTANO DI UN COMPLOTTO DEI POPOLARI EUROPEI PER FARLO CADERE. NULLA DI PIÙ FALSO. LA CANCELLIERA HA TUTTO L’INTERESSE CHE RENZI RIMANGA AL SUO POSTO. ALMENO FINQUANDO NON METTE A POSTO LA LEGGE ELETTORALE. QUELLA ATTUALE RISCHIA DI MANDARE A GRILLO A PALAZZO CHIGI. UN RISCHIO CHE ANGELONA NON SI PUÒ PERMETTERE

Condividi questo articolo


Aspirina per Dagospia

 

renzi merkel hollande renzi merkel hollande

Matteo Renzi sta pagando sulla sua pelle la mancata conoscenza delle regole europee. Soprattutto di quelle non scritte. A Berlino, il premier di Rignano aveva accennato alla Merkel l’idea di sospendere le regole del bail in e di creare un fondo pubblico salvabanche.

 

padoan renzi padoan renzi

La Cancelliera non gli aveva detto no. Al contrario, aveva fatto capire che non si sarebbe opposta. L’Italia faceva il suo fondo e lei avrebbe evitato che la Commissione europea si potesse mettere di traverso. L’intesa presupponeva, però, la totale riservatezza sull’operazione.

 

renzi come merkel e hollande renzi come merkel e hollande

Matteo, invece, cos’ha fatto? In primo luogo lo ha detto a Padoan (ed a chi doveva dirlo?). Ed il ministro dell’Economia, non sicurissimo che il premier avesse capito bene il via libera della Merkel, ha iniziato a far filtrare la notizia del fondo salvabanche sui giornali, così da garantirsi una vena di ufficiosità (ovviamente d’accordo con Palazzo Chigi).

 

Il risultato è che la Merkel di fronte all’ufficiosità del fondo salvabanche italiano non ha potuto far altro che smentire le aperture concesse a quattr’occhi a Berlino: ‘’le regole non si cambiano ogni due anni’’, ha detto ieri a Bruxelles. Ed oggi i titoli bancari soffrono in Borsa proprio per la doccia fredda di informazioni contrapposte e contraddittorie ricevute nel giro di 48 ore.

 

venditore porta a porta VINCINO SU RENZI MERKEL venditore porta a porta VINCINO SU RENZI MERKEL

Renzi è stato preso in contropiede dalla Merkel. O meglio, la Merkel è stata presa in contropiede dall’ignoranza del premier italiano delle regole non scritte europee. Nei corridoi di Bruxelles vince solo chi ha giocato a pallone all’oratorio, che conosce le regole sugli sgambetti e sotterfugi. Proprio il contrario degli insegnamenti degli scout. E Matteo lo è stato.

 

L’inquilino pro tempore di Palazzo Chigi ieri ha balbettato una reazione: è stata la Germania ad essere stata salvata dal deficit eccessivo. Errore. La presidenza di turno italiana (Giulio Tremonti), nel novembre del 2003, impedì l’applicazione delle sanzioni a Francia e Germania, congelando la procedura per deficit eccessivo.

 

In realtà, quel che Matteuccio non può ancora raccontare sono gli scenari apocalittici che gli vengono offerti dagli sherpa per giustificare il loro errore di valutazione sull’atteggiamento della Merkel a Berlino.

 

RENZI MERKEL 5 MAGGIO 2015 VI RENZI MERKEL 5 MAGGIO 2015 VI

Pur di non riconoscere lo sbaglio stanno raccontando al premier di fantasmagorici complotti dei popolari europei per farlo cadere. Nulla di più falso. La Merkel ha tutto l’interesse che Renzi rimanga al suo posto. Almeno finquando non mette a posto la legge elettorale. Quella attuale rischia di mandare a Grillo a Palazzo Chigi. Un rischio che Angelona non si può permettere.  

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO