RISSA (POCO) OLIMPICA – LA SCELTA DI TOKYO PER IL 2020 RIACCENDE LE SPERANZE DELL’ITALIA PER I GIOCHI DEL 2024 ED È SUBITO DERBY ROMA-MILANO

Siamo un paese ancora sorvegliato speciale che 1 anno e mezzo fa è stato giudicato dall’allora premier Monti “non in grado” di candidarsi ai Giochi – Per il 2024 si candideranno Parigi, Istanbul, una città americana e forse anche Berlino: in Italia siamo a beccarci su chi è la più bella mentre il mondo sorpassa…

Condividi questo articolo


Emanuela Audisio per "La Repubblica"

Ancora prima di giocare l'Italia già litiga sul campo di gara. Per il 2024. Tutto è subito ridotto a un derby calcistico Roma-Milano. In Argentina il mondo dello sport ha deciso a forte maggioranza che Tokyo organizzerà i Giochi Olimpici 2020.

passaggio di consegne enrico letta mario montipassaggio di consegne enrico letta mario monti

Una scelta che mette le Olimpiadi in Oriente e in «mani sicure». Questo rende possibile una candidatura italiana da votare il 2017. E una seconda volta di Roma dopo quella del '60. I Giochi sono una grande possibilità di cambiare Roma, se Roma però riuscirà a cambiare l'Italia. Il suo modo di fare, di pensarsi come paese.

OLIMPIADI DI TOKYO 2020OLIMPIADI DI TOKYO 2020

Dodici ore dopo l'annuncio di una probabile e possibile candidatura, favorita dall'eliminazione di Madrid, l'euforia è già diventata rissa. L'unica cosa che conta è bucare le gomme all'avversaria. Altro che entusiasmo, solidarietà, collaborazione. Altro che euforia. Milano vuole anche lei la torta. Si sente emarginata.

olimpiadi di monacoolimpiadi di monaco

Nemmeno ci si è schiariti le idee che già sussurri e grida parlano di contrasti e divisioni regionali. Nessuno che si confronti mai con il mondo, con logiche internazionali, che guardi al di là del proprio cielo. Dietro ad una città candidata ci deve essere un paese unito, convinto che quella scelta sia la migliore possibile e che non darà solo gloria locale, ma a tutto il sistema e agli uomini e donne che ci hanno lavorato.

Pensate che in Giappone non esistesse un'altra Tokyo che forse voleva le Olimpiadi? Ma non c'è stata nessuna lacerazione pubblica, nessun boicottaggio. Tokyo per dieci anni ha tenuto bloccata un'area commerciale destinata ai Giochi e l'ha difesa contro altri tipi di interventi.

L'Italia grida subito il suo diritto al sogno senza prima consultare i gruppi privati che dovrebbero intervenire (i soldi pubblici non bastano). Siamo un paese ancora sorvegliato speciale, che ogni volta che ha organizzato qualcosa è finito inquisito, e che appena un anno e mezzo fa è stato giudicato dall'allora premier Monti «non in grado» di candidarsi ai Giochi. Non ci hanno bocciato gli altri, cattivi, ma noi stessi. E quell'immagine di paese scaciato e inadatto è sempre la nostra etichetta.

OLIMPIADI, LONDRA, CERIMONIA D'APERTURAOLIMPIADI, LONDRA, CERIMONIA D'APERTURA

Ora invece di riflettere in silenzio sulla possibilità di rialzarci (un po') in piedi, già pensiamo a come azzoppare l'altro. Con superficialità e isterismo. Guardare fuori? Ma per carità. Allora: Parigi si candiderà anche lei per il 2024 (sono i suoi giochi del centenario), Istanbul che aveva stanziato 17 miliardi di euro, continuerà a premere con la sua porta aperta sull'Islam, ci sarà una città americana, forse anche Berlino. E l'Italia a litigare su chi è la più bella mentre il mondo sorpassa.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA