L’EX AVVOCATO DEL POPOLO NON ACCETTA DI FINIRE NELLA “SERIE B” DEI LEADER – CONTE HA RIFIUTATO L’OFFERTA DI BRUNO VESPA, CHE L’AVEVA INVITATO A UN CONFRONTO CON MATTEO SALVINI A “PORTA A PORTA”. PEPPINIELLO NON ACCETTA DI ESSERE MESSO NELLA SECONDA FILA DEI POLITICI, CON IL “CAPITONE” IN CADUTA LIBERA. LA POCHETTE DI VOLTURARA SOGNAVA IL CONFRONTO CON LA MELONI, MA VESPA SA CHE “DETTA GIORGIA” SI È SCELTA COME AVVERSARIA L’INNOCUA ELLY…

-

Condividi questo articolo


DAGONOTA

matteo salvini giuseppe conte matteo salvini giuseppe conte

Giuseppe Conte ha gentilmente declinato l’invito di Bruno Vespa a un confronto tv con Matteo Salvini, da ospitare a “Porta a Porta”, che nelle intenzioni del giornalista dovrebbe seguire a quello tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein, previsto per il 23 maggio.

 

Paura del “Capitone”? Macché: Peppiniello non vuole andare nel salotto di “Bru-neo” perché non vuole essere relegato tra i leaderini di serie B. Giuseppe Conte non accetta di essere messo in seconda fila rispetto alla sinistrata multigender Elly.

 

giorgia meloni bruno vespa cinque minuti giorgia meloni bruno vespa cinque minuti

L’ex avvocato del popolo desiderava con tutta la pochette di essere chiamato come contendente per il confronto con Giorgia Meloni. Ma Vespa, fedele a “detta Giorgia”, sa bene che la Melona ha scelto come avversaria prediletta l’innocua Schlein.

 

Europee, Bruno Vespa invita Salvini e Conte a un duello tv, il leader della Lega ha già accettato

Estratto dell’articolo di Annalisa Cangemi per www.fanpage.it

 

ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI

Oltre al duello tv tra la presidente del Consiglio Giorgia Meloni e la segretaria del Pd Elly Schlein in vista del voto delle elezioni europee dell'8 e 9 giugno, un altro appuntamento elettorale televisivo potrebbe ravvivare la campagna elettorale: un confronto tra il leader del M5s Giuseppe Conte e il segretario della Lega Matteo Salvini potrebbe svolgersi a ‘Porta a porta', il programma serale di Bruno Vespa, che va in onda su Rai1.

 

Il faccia a faccia tra la presidente del Consiglio e la segretaria del Pd è stato congiuntamente annunciato dai rispettivi staff, e intanto l'invito per Conte e Salvini è già partito della redazione di ‘Porta a porta', con le stesse modalità di messa in onda, spiega la trasmissione.

 

giuseppe conte matteo salvini giuseppe conte matteo salvini

Il primo a rispondere all'invito è stato Matteo Salvini […]: "Matteo Salvini è pronto a confrontarsi con Giuseppe Conte, accettando l'invito di Bruno Vespa, e ha già espresso una preferenza sulle date proposte dalla trasmissione", ha fatto sapere la Lega.

 

CONTE SCHLEIN CONTE SCHLEIN giuseppe conte elly schlein foto di bacco (2) giuseppe conte elly schlein foto di bacco (2)

Lo staff dell'ex premier Giuseppe Conte invece non ha ancora dato una risposta, e non si sa ancora se intenda partecipare alla trasmissione. […

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?

DAGOREPORT - COSÌ COME IL SESSO È LA PARODIA DEL DELITTO, LA “MILANESIANA”, RASSEGNA “IDEATA E DIRETTA DA ELISABETTA SGARBI” (SORELLA DI), È LA PARODIA DELLA CULTURA GLAMOUR, CHIC, RADICAL-COLTA, AMICHETTISTICA DEL NOSTRO PAESE - OGNI ANNO UN TEMA (QUEST’ANNO “TIMIDEZZA”), UNA PAROLA COSÌ OMNICOMPRENSIVA CHE CI CACCI DENTRO QUEL CHE TI PARE, DAL NOBEL ALL’AMICO, DAL GIORNALISTA UTILE PER LA RECENSIONE ALLO SCRITTORE INUTILE: OVVIAMENTE, PRIMUS NON INTER PARES SUO FRATELLO VITTORIONE - LEI SCEGLIE, LEI FA, PRESENTA, OBBLIGA GLI SPETTATORI, ANCHE SE HANNO PAGATO IL BIGLIETTO, AD ASCOLTARE LA SUA BAND EXTRALISCIO: “È INUTILE CHE FISCHIATE…” – L'EVENTO NON BASTA: CI AGGIUNGE I SUOI FILM. E SU TUTTE LE LOCANDINE DELLE SERATE (TUTTE), LA METÀ SINISTRA È OCCUPATA DALLA FOTO (SEMPRE LA STESSA) DELLA SGARBI; POI, IN PICCOLO, I NOMI DEGLI OSPITI...