E’ MORTO A 91 ANNI GERARDO BIANCO, STORICO ESPONENTE DELLA DEMOCRAZIA CRISTIANA - PIÙ VOLTE ELETTO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI, È STATO PRESIDENTE DEL GRUPPO PARLAMENTARE DELLA DEMOCRAZIA CRISTIANA, SEGRETARIO E POI PRESIDENTE DEL PARTITO POPOLARE ITALIANO, PARLAMENTARE EUROPEO, DIRETTORE DEL QUOTIDIANO “IL POPOLO” – INSIEME A CIRIACO DE MITA, NICOLA MANCINO, GIUSEPPE GARGANI, SALVERINO DE VITO E BIAGIO AGNES FECE PARTE DI QUELLA CHE FU RIBATTEZZATA “IRPINIA CONNECTION”

-

Condividi questo articolo


gerardo bianco gerardo bianco

MORTO GERARDO BIANCO

(ANSA) - ROMA, 01 DIC - Gerardo Bianco, esponente storico della Democrazia cristiana, è morto stamane a Roma.

 

GERARDO BIANCO

Da www.treccani.it

 

Uomo politico italiano (n. Guardia Lombardi 1931). Più volte eletto alla Camera dei deputati, è stato presidente del gruppo parlamentare della Democrazia cristiana, segretario e poi presidente del Partito popolare italiano, parlamentare europeo, direttore del quotidiano Il Popolo e fondatore del Movimento per l'Europa.

GERARDO BIANCO GERARDO BIANCO

 

VITA E ATTIVITÀ

Deputato della Democrazia cristiana dal 1968 al 1994, fu presidente del gruppo parlamentare (1979-83), vicepresidente della Camera dei deputati (1987-90) e ministro della Pubblica Istruzione (luglio 1990 - marzo 1991). Dopo aver presieduto nuovamente il gruppo della DC alla Camera (1992-94), in seguito alla frantumazione della stessa DC nel gennaio 1994 aderì al Partito popolare italiano (PPI).

 

gerardo bianco gerardo bianco

Nel marzo 1995 fu eletto dal Consiglio nazionale segretario del PPI in sostituzione di R. Buttiglione, alla cui proposta di alleanza con le forze di centro-destra si era opposto. Nei mesi successivi B. promosse l'inserimento del partito all'interno dello schieramento di centro-sinistra (l'Ulivo), vincitore nelle elezioni politiche dell'aprile 1996. Nel gennaio 1997 ha lasciato la segreteria del PPI ed è stato nominato presidente del partito, carica che ha ricoperto fino all'ottobre 2000.

GERARDO BIANCO GERARDO BIANCO

 

Parlamentare europeo dal giugno 1994 al giugno 1999, ha diretto il quotidiano Il Popolo, organo del PPI, nell'agosto 1995 e dall'ottobre 1999 all'aprile 2000. Nel maggio 2001 è stato rieletto deputato. Nel 2002 è stato uno dei principali rappresentanti della corrente contraria alla continuazione dell'attività politica all'interno della Margherita, lista con cui il Partito popolare si è presentato alle elezioni politiche del 2001.

 

Nel 2004 ha fondato il Movimento per l'Europa, che si proponeva di ridare un'autonoma presenza organizzata ai cattolici democratici in Italia. Dal 2006 al 2008 è stato rieletto deputato nella lista dell'Ulivo. Latinista, è stato condirettore della Enciclopedia oraziana presso l'Istituto della Enciclopedia Italiana.

GERARDO BIANCO GERARDO BIANCO

 

Condividi questo articolo

politica

“LETIZIA MORATTI? UNA RICCA SIGNORA, ANNOIATA E IN CERCA DI UNA POLTRONA, COSTRETTA A COMPORTARSI COME UNA QUALSIASI SCIACALLA – LICIA RONZULLI CHE TEME IL PREVISTO TONFO DI FORZA ITALIA ALLE REGIONALI LOMBARDE SIA L'INIZIO DELLA SUA FINE POLITICA E SPARA CANNONATE SU LADY MESTIZIA: “PROVO TRISTEZZA PER LA SIGNORA MORATTI. GALLINA CHE CANTA HA FATTO L'UOVO…” -  “KISS ME LICIA” SMENTISCE LA RICOSTRUZIONE DI “REPUBBLICA” SECONDO CUI BERLUSCONI AVREBBE PREFERITO APPOGGIARE LA CANDIDATA DEL TERZO POLO ALLE REGIONALI...

COME VOLEVASI DIMOSTRARE, IL MOTORE FRANCO-TEDESCO È RIPARTITO, E L’ITALIA STA A GUARDARE. È QUESTO IL VERO GUAIO DI GIORGIA MELONI (ALTRO CHE COSPITO E DONZELLI)  – I MINISTRI DELL’ECONOMIA DI PARIGI E BERLINO, LE MAIRE E HABECK, VOLANO A WASHINGTON PER “DIFENDERE” GLI INTERESSI DELL’UE IN RISPOSTA ALLE NORME SUGLI AIUTI DI STATO AMERICANI. I DUE PARLERANNO A NOME DI BRUXELLES DA UNA POSIZIONE DI FORZA, E LA MELONI, CHE AVEVA CHIESTO INUTILMENTE UN FONDO SOVRANO A URSULA E SCHOLZ, RESTA ALL’ANGOLO A RACCATTARE LE BRICIOLE… - IL DAGOREPORT