LA SCISSIONE IN FORZA ITALIA È SOLO QUESTIONE DI TEMPO. BASTA GUARDARE ALLA SICILIA E ALLA LOMBARDIA – NELL'ISOLA IL PARTITO DI BERLUSCONI DI FATTO SI È GIA’ DIVISO IN DUE: DA UNA PARTE SCHIFANI E I SUOI CHE GUARDANO ALLA MELONI. DALL'ALTRA IL VICERE' MICCICHÉ CHE SI SENTE FUORI DAL CENTRODESTRA – ANCHE A ROMA LA SPACCATURA TRA I “GOVERNISTI” E “RONZULLIANI” È GIA' INIZIATA. UN PROCESSO CHE PUÒ ESSERE ACCELERATO DAL FATTORE MORATTI IN LOMBARDIA…

-

Condividi questo articolo


Giovanni Pizzo per www.blitzquotidiano.it

 

silvio berlusconi renato schifani silvio berlusconi renato schifani

L’ultimo imperatore romano fu Augustolo. Ai giorni nostri, con meno fasto, il declino del partito che rappresenta il PPE in Italia va avanti da un pezzo. Forza Italia perdeva pezzi da anni, per abbandono o per cambio di casacche. Ma in politica ci vogliono dei passaggi formali, che simboleggiano, certificano le fratture. La scissione di Alfano, che si portò dietro il neo governatore siciliano Schifani, avvenne in un momento di calo politico di Berlusconi, che però era ancora il capo del centrodestra, avendo in mano il partito di maggiore consenso di quell’area politica.

 

miccichè schifani miccichè schifani

Oggi sembra passata un era geologica. Forza Italia è il più piccolo partito del centrodestra, ha un leader pressoché arrivato agli ultimi suoi giorni politici. E la galassia che aveva costruito in trent’anni si disfà. In Sicilia, sempre laboratorio, anche se in questo caso di dissolvimento, una volta la sua roccaforte, non esiste più Forza Italia. Ce ne sono due, con lo stesso nome, in un paradosso pirandelliano da uno, nessuno e centomila. La terra del Kaos sta sperimentando quello che accadrà a livello nazionale.

 

LETIZIA MORATTI LETIZIA MORATTI

Una parte di Forza Italia sta diventando una costola della destra meloniana, più per sopravvivenza di ceti che per adesione ideologico -culturale al sovranismo. Un’altra parte, com’è successo prima del voto con la Carfagna e la Gelmini, si è divaricata mantenendo una posizione critica. In Sicilia tutto questo ha avuto i crismi dell’ufficialità politica. Sono nati due gruppi parlamentari. Forza Italia 1, non è una metafora ma il verbale d’aula, capitanata da un fedele dell’attuale Presidente Schifani, molto sensibile al potere romano della Meloni.

 

licia ronzulli silvio berlusconi licia ronzulli silvio berlusconi

E Forza Italia 2 al comando dell’eterno viceré berlusconiano Gianfranco Miccichè, che ha dichiarato di sentirsi escluso dalla maggioranza di centrodestra. In Parlamento nazionale questa crasi tra governisti e critici non è accaduta, vuoi perché il sistema parlamentare può gestire più facilmente i sussidi interni, vuoi perché i regolamenti delle Camere non agevolano, per i numeri necessari, la composizione di diversi gruppi parlamentari.

 

Il futuro sembra evidente. La forza centrifuga della politica farà sì che le distinte posizioni verranno attratte verso destra e verso il centro dello schieramento politico. Dove attende sornione Matteo Renzi, che con il Cavaliere si toglie solo quarant’anni.

SILVIO BERLUSCONI E LICIA RONZULLI SILVIO BERLUSCONI E LICIA RONZULLI

 

È questione di tempo e di finanziarie, il momento topico in cui i parlamenti si denotano nel chi sta con chi. L’entrata in campo e il risultato della Moratti sarà dirimente per definire questi processi. Da Palermo a Milano.

renato schifani 9 renato schifani 9 CARLO CALENDA LETIZIA MORATTI CARLO CALENDA LETIZIA MORATTI mariastella gelmini letizia moratti mariastella gelmini letizia moratti renato schifani renato schifani

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT – GIORGIA MELONI HA DECISO DI TAGLIARE DEFINITIVAMENTE LE VECCHIE RADICI (EURO-SCETTICISMO E SOVRANISMO): STA TRATTANDO UN’ALLEANZA TRA IL SUO GRUPPO ECR, CONSERVATORI E RIFORMISTI, E IL PPE IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE DEL 2024 – A NEGOZIARE CON BRUXELLES CI PENSA IL MINISTRO DEGLI ESTERI, ANTONIO TAJANI, GRANDE AMICO DEL PRESIDENTE DEL PPE MANFRED WEBER (BERLUSCONI, CHE SOGNAVA DI TRAGHETTARE GLI EX MISSINI NEL SALOTTO DEMOCRATICO EUROPEO, E' STATO SCAVALCATO) - NUOVO RAPPORTO TRA GIORGIA E URSULA CHE SOGNA LA RICONFERMA COME PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE – L’OSTACOLO POLACCO E I SOCIALISTI FIACCATI DAL QATARGATE

SAPETE QUAL ERA IL MITO DI GIORGIA MELONI AI TEMPI DEL LICEO? MICHAEL JACKSON -  A “UN GIORNO DA PECORA” LE RIVELAZIONI DI UNA EX COMPAGNA DEL LICEO DELLA DUCETTA: “IL SUO BRANO PREFERITO ‘MAN IN THE MIRROR’. A 16 ANNI, ANDAMMO A UN SUO CONCERTO A ROMA. PRIMA PROVAMMO A VEDERLO SOTTO L’HOTEL IN CUI SOGGIORNAVA, LEI ERA EMOZIONATISSIMA – A SCUOLA LA CHIAMAVAMO PER COGNOME, ‘LA MELONI’. ERA L’UNICA CHE DOVEVA LAVORARE PER AIUTARE A CASA. MA ERA UNA SECCHIONA “AVEVA LA MEDIA DEL 9”

“PURTROPPO SONO STATO SCELTO PER RIMANERE. NON CAPISCO IL MOTIVO DELLA MIA VITA" - NEL GIORNO DELLA MEMORIA PARLA IL SOPRAVVISSUTO ALLA SHOAH SAMI MODIANO: "QUANDO ERO PRIGIONIERO A BIRKENAU DIVERSE VOLTE SAREI DOVUTO ENTRARE NELLE CAMERE A GAS E PER UN MOTIVO O L'ALTRO NON SONO ENTRATO. HO PROVATO UN SENSO DI COLPA, MI DICEVO: MA COME, HAI LASCIATO TUTTI DALL'ALTRA PARTE E SEI RIMASTO QUI?" - IL RICORDO DELLA SUA VISITA A BIRKENAU E LO STRAZIANTE DOCUMENTARIO DI WALTER VELTRONI “TUTTO DAVANTI A QUESTI OCCHI" (VIDEO)