SE UNA REGOLA C’È, NON LA CHIEDERE AI GRILLINI – MATTIA FELTRI SI FA BEFFE DELLA SCARSA COERENZA DEL M5S: “LE REGOLE SONO REGOLE. PRENDETE CHIARA APPENDINO. CONDANNATA IN PRIMO GRADO E I CONDANNATI NON POSSONO CANDIDARSI. AH NO, È CAMBIATO, LA REGOLA È SCOMPARSA. POI C'È CASALINO. I SUBORDINATI NON POSSONO CANDIDARSI. AH NO, LA REGOLA È SCOMPARSA” – “MA GUARDA UN PO', PURE DI BATTISTA PUÒ CANDIDARSI VABBÈ RAGAZZI, FATEMI CONTROLLARE EH NO, CARTA CANTA, LA REGOLA DEI DUE MANDATI È RIMASTA. MI DISPIACE, MA LE REGOLE SONO REGOLE…”

-

Condividi questo articolo


Mattia Feltri per “La Stampa”

 

GIUSEPPE CONTE BEPPE GRILLO GIUSEPPE CONTE BEPPE GRILLO

Eh ragazzi, mi dispiace ma le regole sono regole.

 

E quella dei due mandati, ha ragione Beppe Grillo, proprio non può essere toccata sennò svanisce quel poco d'anima che vi resta.

 

Cari Roberto Fico e Alfonso Bonafede e Paola Taverna, e tutti gli altri, due mandati li avete già fatti. Adieu. Le regole sono regole. E poi mica solo voi.

 

Prendete Chiara Appendino. Condannata in primo grado e i condannati non possono candidarsi.

 

CHIARA APPENDINO GIUSEPPE CONTE CHIARA APPENDINO GIUSEPPE CONTE

Ne va della nostra onestà, e il regolamento lo dice chiaro, leggete qua Ah no, è cambiato dice che un condannato in primo grado per reato colposo e non doloso in realtà può candidarsi.

 

Ma guarda un po', Appendino può candidarsi Vabbè, un'eccezione, perché poi c'è anche Rocco Casalino.

 

Ha svolto lavoro subordinato per il Movimento e i subordinati non possono candidarsi.

 

MATTIA FELTRI MATTIA FELTRI

 

 

Ne va della nostra trasparenza, e il regolamento lo dice chiaro, leggete qua Ah no, è cambiato la regola è proprio scomparsa dev' essere successo stanotte. Ma guarda un po', anche Casalino può candidarsi...

 

Vabbè, un'altra eccezione, perché poi c'è Alessandro Di Battista, e qui non si scappa.

 

Il regolamento dice che per candidarsi col Movimento bisogna essere iscritti da almeno sei mesi e Di Battista non è iscritto da un sacco di tempo.

 

conte casalino conte casalino

 

 

 

Mica possiamo imbarcare il primo che passa, spiace per Alessandro, ma il regolamento lo dice chiaro, leggete qua Ah no, è cambiato...anche questa regola è scomparsa dev' essere successo mentre eravamo al bar.

 

Ma guarda un po', pure Di Battista può candidarsi Vabbè ragazzi, fatemi controllare eh no, carta canta, la regola dei due mandati è rimasta. Mi dispiace, ma le regole sono regole.

BEPPE GRILLO E ALESSANDRO DI BATTISTA BEPPE GRILLO E ALESSANDRO DI BATTISTA

GIUSEPPE CONTE ROCCO CASALINO E IL TAVOLINO MEME GIUSEPPE CONTE ROCCO CASALINO E IL TAVOLINO MEME Rocco Casalino Rocco Casalino rocco casalino e giuseppe conte rocco casalino e giuseppe conte ROCCO CASALINO AL MARE ROCCO CASALINO AL MARE

GRILLO DI BATTISTA GRILLO DI BATTISTA beppe grillo luigi di maio alessandro di battista virginia raggi beppe grillo luigi di maio alessandro di battista virginia raggi

CHIARA APPENDINO DOPO L ASSOLUZIONE NEL PROCESSO REAM CHIARA APPENDINO DOPO L ASSOLUZIONE NEL PROCESSO REAM

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE