SOGNO O SONDAGGIO? – ALT! STEFANO BONACCINI È AVANTI DI 5 PUNTI DI VANTAGGIO SULLA BORGONZONI. IL CANDIDATO DEL PD AL MOMENTO RACCOGLIE IL 45,4% DEI CONSENSI, MENTRE LA PASIONARIA LEGHISTA AL 40,6, NONOSTANTE LA LEGA SIA AMPIAMENTE PRIMO PARTITO – LA MELONI È SEMPRE PIÙ VICINA AL SORPASSO SUI GRILLINI…

-

Condividi questo articolo

Alessandro Camilli per www.blitzquotidiano.it

 

stefano bonaccini stefano bonaccini

Quasi 5 punti di vantaggio per Stefano Bonaccini, nonostante la Lega di Matteo Salvini sia di gran lunga il primo partito, e nonostante la discesa in campo del Movimento5Stelle. A poco meno di due mesi dalle elezioni che sceglieranno il prossimo presidente della regione Emilia-Romagna in programma il prossimo 26 gennaio Izi, istituto indipendente di ricerca guidato da Giacomo Spaini, fotografa le intenzioni di voto degli elettori.

 

SONDAGGI BONACCINI BORGONZONI EMILIA ROMAGNA SONDAGGI BONACCINI BORGONZONI EMILIA ROMAGNA

Una fotografia che vede il candidato del Pd e del centrosinistra Stefano Bonaccini (45.4%) in vantaggio sulla candidata del centrodestra Lucia Bergonzoni (40.6%). Dato importante e niente affatto scontato perché, come la mole di impegni elettorali dimostra, punta molto la Lega di Matteo Salvini su questo voto e poi per l’incognita 5Stelle.

lucia borgonzoni matteo salvini lucia borgonzoni matteo salvini

 

Il partito guidato da Luigi Di Maio ha scelto solo da poco attraverso una consultazione sulla piattaforma Rousseau di partecipare a questa tornata elettorale, e la presenza di un suo candidato era ipotizzabile “mangiasse” voti proprio al candidato dem.

 

stefano bonaccini stefania bondavalli 4 stefano bonaccini stefania bondavalli 4

Nonostante però il candidato grillino sia dato appena sotto il 10% (9.9%), in vantaggio rimane Bonaccini. Sul fronte partiti le intenzioni di voto indicano invece la Lega come primo partito anche in una regione tradizionalmente ‘rossa’ come l’Emilia- Romagna ad un passo dal 30% (29.8%). Secondi, a 5 punti percentuali di distanza, i dem dati al 24.7%. Staccati invece i 5Stelle al 10.9% al di sotto anche delle altre liste pro-Bonaccini accreditate dell’11%. Bene e molto, proprio per le caratteristiche della regione in questione, Fratelli d’Italia, con il partito di Giorgia Meloni non lontano dal 10% (9.4%) che quasi doppia Forza Italia (5.1%). Male invece le liste che appoggiano la Bergonzoni che non riescono a raccogliere più dell1.1%.

 

matteo salvini lucia borgonzoni 1 matteo salvini lucia borgonzoni 1 GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI COME ALEXANDRA GRANT E KEANU REEVES – BY LUGHINO GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI COME ALEXANDRA GRANT E KEANU REEVES – BY LUGHINO

Nota metodologica Popolazione di riferimento: popolazione residente in Emilia-Romagna avente diritto al voto. Campionamento stratificato proporzionale per provincia, sesso e classi di età. 1007 interviste condotte in modalità CATI/CAWI tra il 29/11/2019 e il 02/12/2019. Errore statistico del 3%. (Fonte: Izi).

il confronto tra stefano bonaccini e lucia borgonzoni a cartabianca il confronto tra stefano bonaccini e lucia borgonzoni a cartabianca GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI BY CARLI GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI BY CARLI TOTI MELONI SALVINI TOTI MELONI SALVINI stefano bonaccini 2 stefano bonaccini 2 STEFANO BONACCINI TOGLIE IL SIMBOLO DEL PD DAI MANIFESTI STEFANO BONACCINI TOGLIE IL SIMBOLO DEL PD DAI MANIFESTI stefano bonaccini 4 stefano bonaccini 4

 

Condividi questo articolo

politica

AVERE LA FACCIA COME IL CONTE CASALINO - A FURIA DI SENTIRLO RIPETERE A RETI ED EDICOLE UNIFICATE CHE “LA DELEGA AI SERVIZI È RESPONSABILITÀ DEL PREMIER”, PENSAVAMO CHE IL CAZZARO CON LA POCHETTE, MAI E POI MAI AVREBBE CEDUTO ALLA RICHIESTA DI RENZI E PD DI MOLLARE LA DELEGA. INVECE OGGI SIAMO A BENASSI – UN BEL “MA MI FACCIA IL PIACERE!’’ SE LO MERITA ANCHE TRAVAGLIO: "QUELLA SUI SERVIZI È STATA L’ENNESIMA TEMPESTA NEL BICCHIERE D’ACQUA, UN’ALTRA SCUSA DEI RENZIANI" - PAZIENZA, RAGAZZI, DÀI: PENSAVATE FOSSE UNA PASSEGGIATA, INVECE ERA UNA VIA TRUCIS

SE VOLETE CAPIRE L’ASTIO DI RENZI PER CONTE, BISOGNA FARE UN SALTO NEL TEMPO, AL PRIMO PRANZO TRA I DUE. A META’ DEL 2013, AL RISTORANTE “SANLORENZO”, SI RITROVARONO A TAVOLA RENZI, BOSCHI, CONTE E GUIDO ALPA - ERA LA FASE D’ORO DEL “ROTTAMATORE” E TUTTI VOLEVANO CONOSCERLO, COMPRESO ALPA, CHE A MAGGIO 2014 VIENE NOMINATO CONSIGLIERE DI LEONARDO-FINMECCANICA - ANNI DOPO, RENZI AVREBBE CHIESTO PIÙ VOLTE ALLA BOSCHI DI VEDERE I MESSAGGINI SCAMBIATI CON CONTE, QUANDO ERA SOLO UN PROFESSORE DI DIRITTO. MATTEUCCIO SPERAVA FORSE DI TROVARE IN QUEGLI SMS UNA TRACCIA DI QUALCHE…

“LA RIFORMA PIÙ URGENTE DEL PAESE È QUELLA RELATIVA ALLA RIAPERTURA DEI MANICOMI” - VINCENZO DE LUCA PUNTA IL LANCIAFIAMME  SU PALAZZO MADAMA: “AL SENATO C’ERANO DEI SALTIMBANCHI, DEGLI ACROBATI, DUE GIOVANOTTI CHE SONO ANDATI A FARSI UN GIRO PER ROMA E POI SONO TORNATI A VOTARE ALLO SCADERE DEI TERMINI. LA PRESIDENTE CASELLATI HA DICHIARATO CHIUSE LE VOTAZIONI, POI SOCCHIUSE, POI RIAPERTE. UNO SPETTACOLO MERAVIGLIOSO, SE CI CONFRONTIAMO CON IL CIRQUE DU SOLEIL SIAMO VINCITORI”

POETESSA DEI MIEI STIVALI (FIRMATI) – PERCHÉ HANNO CHIAMATO AMANDA GORMAN ALL’INAUGURAZIONE DI BIDEN? PERCHÉ HA IL CAPPOTTO PRADA, È GIOVANE, BELLA, NERA, FEMMINISTA, FORSE NON ETEROSESSUALE, RAZZISTA AL CONTRARIO E SCRIVE DA CANI? NON ERA PIÙ DEMOCRAT ESTRARRE A SORTE UNA SCOLARA PER LEGGERE UNA POESIA (TANTO UNO VALE UNO)? – PER NATALIA ASPESI, IL FATTO CHE GORMAN SIA “IMPROVVISAMENTE PASSATA DA CENTOMILA A UN MILIONE DI FOLLOWER” NON TESTIMONIA L’IGNORANZA E IL CONFORMISMO DEI SOCIAL BENSÌ “LA FAME DI CULTURA” - VIDEO + GALLERY MODAIOLA DELLE SUE STORIES