STUPRO! - LA SANTADECHÉ, IL CUI COMPAGNO MORTIMER SALLUSTI DOVRÀ SCONTARE 14 MESI PER DIFFAMAZIONE, NON CI PENSA DUE VOLTE A QUERELARE “LA STAMPA” PER L’ARTICOLO SULLA SUA CASA MILANESE DA 920 METRI QUADRI - “È COME SE QUALCUNO SI FOSSE INTRODOTTO IN CASA MIA E AVESSE FRUGATO FRA LE MIE COSE. LEGGERE QUELL’ARTICOLO È STATO COME SUBIRE UNO STUPRO”…

Condividi questo articolo


Gabriele Villa per "il Giornale"

«Sono indignata. È come se qualcuno si fosse introdotto in casa mia e avesse frugato fra le mie cose. Leg¬gere quell'articolo sulla Stampa è stato come subire uno stupro, sì una sorta di stupro, mi creda».

SANTANCHE E SALLUSTISANTANCHE E SALLUSTI

Daniela Santanchè è sconcertata, av¬vilita, mentre commenta con le parole più amare il pezzo sulla sua abitazione milanese dove il direttore del Giornale, Alessandro Sallusti, suo compagno, an¬drà a scontare gli arresti domiciliari per l'oramai arcinota vicenda giudizia¬ria che l'ha visto protagonista. Nell'arti¬colo, redatto da Fabio Poletti, si descri¬ve infatti con dovizia di particolari e det¬tagli inediti, l'elegante dimora dell'ex sottosegretario del Pdl. «...Un domici¬lio - si legge tra l'altro - da 920 metri quadri su quattro piani con piscina coperta rivestita in madreperla, letto king size e pareti interne istoriate da una poesia di Verlaine che gira di loca¬le in locale...».

Una descrizione che, sia pure enfatizza¬ta, Daniela Santan¬chè conferma come veritiera e quindi me¬ritevole della querela che, mediante il suo avvocato, Annamaria Bernardini de Pace, l'esponente Pdl ha sporto contro il diret¬tore della Stampa, Mario Calabresi («L'ho chiamato al telefono e non si è nemmeno degnato di venire a rispon¬dere») e contro l'autore del pezzo sul quotidiano torinese.

daniela santanche alessandro sallusti cortinadaniela santanche alessandro sallusti cortina MARIO CALABRESIMARIO CALABRESI

«Solo ciò che si ru¬ba si nasconde - ¬precisa - e tutto ciò che è in questa casa è frutto del mio lavoro, ci sono regali e ricordi cui tengo, c'è la storia della mia famiglia. L'articolo - si sottolinea nella que¬rela - si pone in gravis¬sima violazione del decreto 196/03 che tu¬tela la privacy, descri¬vendo l'ubicazione e caratteristiche inter¬ne ed esterne dell'abi¬tazione della signora Santanchè, nella qua¬le v¬ive pure il figlio mi¬norenne...

L'ingiusti¬ficabile divulgazione di numerosi dati, di nessuna rilevanza pubblica, rappre-senta potenziale rischio per l'incenti¬vazione alla commissione di ulteriori gravi reati: furto, rapina, stalking , vio¬lenza privata ed altro». Querela dovu¬ta, dunque, secondo Daniela Santan¬chè «soprattutto per tutelare anche mio figlio Lorenzo, non posso accetta¬re che venga messa a rischio anche la sua incolumità».

SANTANCHE SALLUSTI ALLE SFILATE DI MILANO.jpgSANTANCHE SALLUSTI ALLE SFILATE DI MILANO.jpg

In ogni caso, una que¬rela civile e non penale come ha tenuto a precisare al Giornale la stessa Santan¬chè «perché l'ultima cosa che voglio è che, per un articolo su un giornale, a qualche altro giudice venga in mente di mandare in galera un altro giornali¬sta».

Quindi ancora una battuta: «Inac¬cettabile nell'articolo anche quel chia¬ro intento di ferire, indugiando sul fat¬to che il direttore del Giornale, un gior¬nalista e un uomo già privato della li¬bertà, andrà a scontare i domiciliari nella casa della Santanchè. Questa ca¬sa è la casa in cui noi già viviamo non è la casa di uno o dell'altra. È la nostra ca¬sa. Trovo persino che ci sia un certo ma¬schilismo nel sottolineare questo det¬taglio insignificante e inopportuno».

 

 

Condividi questo articolo

politica

OSCAR DI MONTIGNY SI RITIRA! NON SARÀ LUI IL CANDIDATO DEL CENTRODESTRA PER MILANO. UFFICIALMENTE, DICE DI AVER “REGISTRATO CHE NON C’ERA TOTALE CONVERGENZA" SUL SUO NOME. MA IL VERO MOTIVO DELLA RINUNCIA È CHE I SONDAGGI RISERVATI, CIOÈ QUELLI VERI, LO DANNO TERZO DIETRO A GIANLUIGI PARAGONE - BERLUSCONI AVEVA GIÀ AFFOSSATO IL SUO NOME. DA BUON VENDITORE DI PENTOLE E SOGNI, IL CAV AVEVA TROVATO IL SUO PUNTO DEBOLE: IL COGNOME DIFFICILE. SENZA CONSIDERARE CHE SILVIO VUOLE UN POLITICO (LUPI?)

MARTA DA QUIRINALE! - CHI SARÀ IL SUCCESSORE DI SERGIO MATTARELLA, STRADECISO A TORNARE A CASA? A OGGI IL CANDIDATO CON PIU' CHANCE, E CHE PUÒ VANTARE UN APPOGGIO PIÙ O MENO TRASVERSALE, È IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA MARTA CARTABIA - MA LA SUA FUTURA INVESTITURA DA “QUIRINABILE” È LEGATA A UN ''SE'': SE RIUSCIRA' NEL MIRACOLO DI FAR APPROVARE, ENTRO LA FINE DEL MESE IN CONSIGLIO DEI MINISTRI, LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA EVITANDO LE TRAPPOLE DEI SUOI OPPOSITORI CONTE-BONAFEDE…