I TEDESCHI CI VOGLIONO RIFILARE UN DOPPIO WÜRSTELONE – IL SUPERFALCO JENS WEIDMANN SARÀ RINNOVATO PER ALTRI 8 ANNI ALLA BUNDESBANK, MA QUESTO NON PREGIUDICA LA SUA CORSA PER LA GUIDA DELLA BCE – DRAGHI A NOVEMBRE TORNERÀ A ROMA, E GLI STATI EUROPEI SONO IN GUERRA PER IL SUO SUCCESSORE. LA MERKEL VUOLE CHIUDERE LA CARRIERA IN BELLEZZA E FARE L’EN PLEIN TEDESCO CON WEIDMANN A FRANCOFORTE E WEBER ALLA COMMISSIONE EUROPEA, MA SE A MAGGIO I SOVRANISTI FANNO IL BOTTO...

-

Condividi questo articolo


Marco Antonellis per Dagospia

 

anche jens weidmann ha i suoi momenti gordon gekko anche jens weidmann ha i suoi momenti gordon gekko

La buona notizia è che il mandato di Jens Weidmann alla presidenza della Bundesbank verrà rinnovato per altri 8 anni. "Il governo federale conta di proporre il prolungamento di Weidmann alla guida della Bundesbank", ha reso noto il ministero delle Finanze. La cattiva notizia è che il rinnovo al vertice della Bundesbank non pregiudica affatto la sua candidatura alla guida della Bce, quando Mario Draghi tornerà a Roma, a novembre. Insomma, restano comunque alte le possibilità di ritrovarsi a capo della Bce il super falco tedesco che non ha mai nascosto le sue critiche all'italiano Mario Draghi e alla sua politica monetaria.

 

DRAGHI MERKEL DRAGHI MERKEL

Con Weidmann a capo della Bce i falchi del Nord Europa prenderebbero il sopravvento. Non per niente i paesi dell'Europa meridionale sono tutti contrari, a cominciare da Italia e Spagna. Le diplomazie, riservatamente, si stanno già muovendo. "La presidenza della Bce si intreccia con quella della Commissione Europea che vede anche in questo caso la Germania protagonista" rivelano fonti diplomatiche "e la Germania sarà costretta a scegliere: puntare sulla Bce oppure sulla Commissione del dopo Juncker".

 

manfred weber manfred weber

Anche se Angela Merkel sogna l'en plein per chiudere in bellezza la sua carriera politica. "Non sarà facile trovare un successore di Mario Draghi alla guida della Bce. Molto dipenderà da come andranno le elezioni di fine maggio, se ci sarà o meno l'ondata populista. Il mandato alla guida della Bce scade il 31 Ottobre e questo sarà un momento cruciale per il futuro di tutta l'Europa" fanno notare le medesime fonti.

 

merkel con manfred weber merkel con manfred weber

Intanto, i governi europei, in via del tutto informale e riservata (e senza nemmeno aspettare i risultati delle prossime elezioni) stanno già facendo circolare i nomi a loro graditi. Tra i favoriti per la successione di Mario Draghi spiccano Cristine Lagarde del Fondo Monetario Internazionale, Olli Rehn Governatore della Banca Centrale finlandese, Philip Lane Governatore della Banca Centrale d’Irlanda, Francois Villeroy Governatore della Banca Centrale francese, Benoit Coeure componente del consiglio direttivo della Bce, Erkii Liikanene ex Governatore della Banca Centrale della Finlandia oltre naturalmente a Jens Weidmann Governatore della Bundesbank. Questi i nomi più quotati negli ambienti diplomatici di Bruxelles. Con Angela Merkel che, anche in questo caso, non ha intenzione di uscire sconfitta.

jens weidmann 5 jens weidmann 5 jens weidmann 4 jens weidmann 4

 

Condividi questo articolo

politica

IL VOTO DEI CATTOLICI VAL BENE UNA MESSA – MACRON DOPO LA FIRMA DEL TRATTATO DEL QUIRINALE È CORSO DA PAPA FRANCESCO: IL TOYBOY DELL’ELISEO HA UN DISPERATO BISOGNO DEL CONSENSO DEI CATTOLICI FRANCESI, CONSIDERATI L’AGO DELLA BILANCIA NELLE ELEZIONI PRESIDENZIALI DEL PROSSIMO ANNO – MACRON È PREOCCUPATO CHE ZEMMOUR E LE PEN FACCIANO FILOTTO TRA GLI ELETTORI TRADIZIONALISTI. NON È UN CASO CHE NEL COLLOQUIO SI SIA PARLATO DI COME SALVARE L’EUROPA DALLE SPINTE DEI PARTITI SOVRANISTI… - VIDEO

TE C’HANNO MAI MANDATO? – CONTE FA CADERE ANCHE L’ULTIMO TABÙ DEI CINQUE STELLE: IL LIMITE DEI DUE MANDATI! QUALE CHE SIA LA DEROGA, IN MOLTI RIMARRANNO SCONTENTI: CON IL TAGLIO DEI PARLAMENTARI E IL CONSENSO AL LUMICINO, AL PROSSIMO GIRO RISCHIANO DI ESSERE ELETTI UNA SETTANTINA DI PARLAMENTARI. CONSIDERANDO I BIG INTOCCABILI E I NOMI ESTERNI "MADE IN GIUSEPPI”, AI PEONES RIMARRANNO UNA MANCIATA DI POSTI. SE COSÌ STANNO LE COSE,  FARANNO DI TUTTO PER RIMANERE INCOLLATI ALLA POLTRONA E NON FAR FINIRE LA LEGISLATURA ANZITEMPO (E IL VOTO PER IL QUIRINALE SARÀ UN LIBERI TUTTI…)

SALVINI COI PENULTIMATUM È MEJO DI CONTE – IL “CAPITONE” CONTINUA A MINACCIARE DI STACCARE LA SPINA AL GOVERNO (MA NON LO FARÀ): “CI DANNEGGIA, PER LA LEGA È UN DISASTRO” – “DRAGHI PORTI A CASA LA MANOVRA, COMINCI A METTERE A TERRA IL PNRR POI MEGLIO ANDARE A VOTARE”. MA GRAN PARTE DEL SUO PARTITO NON È D’ACCORDO, ANZI, VORREBBE STARE CON DRAGHI ANCHE DOPO IL 2023 (CHIEDERE A GIORGETTI) – LE BORDATE A LAMORGESE: “QUANDO ARRIVA LA VARIANTE AFRICANA E INTANTO SBARCANO 500 MIGRANTI CHE ARRIVANO DAL CONTINENTE AFRICANO IO QUALCHE INTERROGATIVO ME LO PONGO”