I TIMBRI DELL’INFAMIA - IL MUSEO DI AUSCHWITZ MOSTRA GLI STRUMENTI DI TORTURA CON CUI VENIVANO TATUATI SUL PETTO I PRIGIONIERI, PRIMA CHE LE SS PASSASSERO ALL’AGO SUL BRACCIO, SENZA RISPARMIARE I BAMBINI

Un singolo colpo con le punte di metallo: si perforava la pelle e si colava l’inchiostro nelle ferite, così si formava il tatuaggio. Contrariamente a quello che si crede, Auschwitz fu il solo campo di concentramento dove i tatuaggi identificavano i prigionieri…

Condividi questo articolo

www.dailymail.co.uk

TIMBRI PER TATUARE PRIGIONIERI DI AUSCHWITZTIMBRI PER TATUARE PRIGIONIERI DI AUSCHWITZ

Questi timbri in metallo sono stati usati dalle SS per tatuare i prigionieri del campo di concentramento di Auschwitz. Sembrano degli strumenti di tortura e lo sono stati. Oggi fanno parte della collezione in mostra all'Auschwitz Museum di Oswiecim, in Polonia.

TIMBRI FURONO SOSTITUITI DA AGHITIMBRI FURONO SOSTITUITI DA AGHI

Nel 1940 i primi prigionieri (soprattutto sovietici) avevano un numero di identificazione sulla divisa, ma molti indossavano divise di prigionieri morti e questo creava enorme confusione alle guardie naziste. Meglio imprimere il numero sul petto, a sinistra. Un singolo colpo: si perforava la pelle e si colava l'inchiostro nelle ferite, così si formava il tatuaggio.

SEICENTO BAMBINI SOPRAVVISSUTI AL CAMPO MOSTRANO IL TIMBROSEICENTO BAMBINI SOPRAVVISSUTI AL CAMPO MOSTRANO IL TIMBRO

Presto i nazisti trovarono un metodo più veloce e efficace. Invece del timbro usarono un ago attaccato a un portapenne. Il tatuaggio non era più sul petto ma sul braccio.

Contrariamente a quello che si crede, Auschwitz fu il solo campo di concentramento dove i tatuaggi identificavano i prigionieri. E, se così si può dire, era quasi un segno di fortuna perché chi non veniva tatuato era considerato inadatto al lavoro e giustiziato immediatamente.

Nel 1943 la pratica del tatuaggio riguardava tutti i prigionieri, donne e bambini inclusi. L'unica eccezione era per i prigionieri tedeschi.

LE SS MENGELE HOESS E KRAMERLE SS MENGELE HOESS E KRAMER

 

 

BESSIE MITTELMAN TIMBRATO SUL PETTOBESSIE MITTELMAN TIMBRATO SUL PETTO

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”