I TIMBRI DELL’INFAMIA - IL MUSEO DI AUSCHWITZ MOSTRA GLI STRUMENTI DI TORTURA CON CUI VENIVANO TATUATI SUL PETTO I PRIGIONIERI, PRIMA CHE LE SS PASSASSERO ALL’AGO SUL BRACCIO, SENZA RISPARMIARE I BAMBINI

Un singolo colpo con le punte di metallo: si perforava la pelle e si colava l’inchiostro nelle ferite, così si formava il tatuaggio. Contrariamente a quello che si crede, Auschwitz fu il solo campo di concentramento dove i tatuaggi identificavano i prigionieri…

Condividi questo articolo


www.dailymail.co.uk

TIMBRI PER TATUARE PRIGIONIERI DI AUSCHWITZTIMBRI PER TATUARE PRIGIONIERI DI AUSCHWITZ

Questi timbri in metallo sono stati usati dalle SS per tatuare i prigionieri del campo di concentramento di Auschwitz. Sembrano degli strumenti di tortura e lo sono stati. Oggi fanno parte della collezione in mostra all'Auschwitz Museum di Oswiecim, in Polonia.

TIMBRI FURONO SOSTITUITI DA AGHITIMBRI FURONO SOSTITUITI DA AGHI

Nel 1940 i primi prigionieri (soprattutto sovietici) avevano un numero di identificazione sulla divisa, ma molti indossavano divise di prigionieri morti e questo creava enorme confusione alle guardie naziste. Meglio imprimere il numero sul petto, a sinistra. Un singolo colpo: si perforava la pelle e si colava l'inchiostro nelle ferite, così si formava il tatuaggio.

SEICENTO BAMBINI SOPRAVVISSUTI AL CAMPO MOSTRANO IL TIMBROSEICENTO BAMBINI SOPRAVVISSUTI AL CAMPO MOSTRANO IL TIMBRO

Presto i nazisti trovarono un metodo più veloce e efficace. Invece del timbro usarono un ago attaccato a un portapenne. Il tatuaggio non era più sul petto ma sul braccio.

Contrariamente a quello che si crede, Auschwitz fu il solo campo di concentramento dove i tatuaggi identificavano i prigionieri. E, se così si può dire, era quasi un segno di fortuna perché chi non veniva tatuato era considerato inadatto al lavoro e giustiziato immediatamente.

Nel 1943 la pratica del tatuaggio riguardava tutti i prigionieri, donne e bambini inclusi. L'unica eccezione era per i prigionieri tedeschi.

LE SS MENGELE HOESS E KRAMERLE SS MENGELE HOESS E KRAMER

 

 

BESSIE MITTELMAN TIMBRATO SUL PETTOBESSIE MITTELMAN TIMBRATO SUL PETTO

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

FARSA ITALIA – NON SAREBBE GIUNTA L’ORA DI FINIRLA CON LA MEGACAZZATA DI BERLUSCONI-QUIRINALE? E’ RISAPUTO DA TUTTI CHE E’ STATO CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA SCONTANDO LA PENA AI SERVIZI SOCIALI E HA UN PROCESSO IN CORSO, RUBY-TER, CON OLGETTINE SCATENATE – QUALCHE ANIMA PIA SALVI IL BANANA SBUCCIATO, OSTAGGIO DI LICIA RONZULLI, DA FIGURE DI MERDA: QUANDO A BRUXELLES HA DETTO “GARANTISCO IO PER MELONI E SALVINI”, IL PRESIDENTE DEL PPE WEBER GLI HA RISO IN FACCIA: “GARANTISCI CHI? QUELLI CHE STANNO CON VOX E LE PEN E VOTANO PER IL MURO ANTI-MIGRANTI DEI POLACCHI?”

CHE BEL CLIMA CHE SI RESPIRA NEL CENTRODESTRA – DOPO L’AUDIO DI SALVINI, GIORGIA MELONI SI MORDE LA LINGUA E MINIMIZZA PER NON ROVINARE L'IMMAGINE DI FINTA ARMONIA CONSEGNATA DAL VERTICE DI COALIZIONE A VILLA ZEFFIRELLI: “NON SARÀ CERTO UN AUDIO, PER LO PIÙ RUBATO IN UNA RIUNIONE INTERNA, A FAR LITIGARE LEGA E FRATELLI D'ITALIA” – A PREOCCUPARE LA “DUCETTA” SONO FORZA ITALIA E LA POLEMICA DEI MINISTRI CONTRO LA “DERIVA SOVRANISTA”: LA PROSPETTIVA È DI RITROVARSI ETERNAMENTE ALL’OPPOSIZIONE…