TIRA UNA BELLA ARIA SUL QUIRINALE: ENRICO LETTA, GIUSEPPE CONTE E ROBERTO SPERANZA HANNO DISERTATO L’INCONTRO PROPOSTO DA MATTEO SALVINI, DOPO LA FORZATURA SULLA CASELLATI- I TRE LEADER SONO STATI RIUNITI PER TRE ORE NELLA SEDE DEL GRUPPO PD ALLA CAMERA…

-

Condividi questo articolo


GIUSEPPE CONTE CON ENRICO LETTA GIUSEPPE CONTE CON ENRICO LETTA

(ANSA) - Nessun incontro di maggioranza. I leader di Pd, M5s e Leu, Enrico Letta, Giuseppe Conte e Roberto Speranza hanno disertato l'incontro proposto da Matteo Salvini. I tre leader di censtrosinistra sono stati riuniti per circa tre ore nella sede del gruppo Pd alla Camera. L'incontro si è da poco concluso.

LETTA SPERANZA LETTA SPERANZA ROBERTO SPERANZA ENRICO LETTA ROBERTO SPERANZA ENRICO LETTA enrico letta e giuseppe conte 2 enrico letta e giuseppe conte 2 giuseppe conte enrico letta giuseppe conte enrico letta enrico letta e giuseppe conte 1 enrico letta e giuseppe conte 1 letta arriva a casa di conte letta arriva a casa di conte lo stesso tweet di conte letta e speranza sul quirinale lo stesso tweet di conte letta e speranza sul quirinale

 

Condividi questo articolo

politica

RENZI E ASSOCIATI - NEL 2016 MATTEUCCIO VOLEVA COPIARE LA STRATEGIA SOCIAL DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE PER VINCERE IL REFERENDUM COSTITUZIONALE! PECCATO CHE IL PIANO DEI SUOI CONSULENTI FOSSE, DICIAMO COSÌ, UN PO’ SUPERFICIALE: NON INCLUDEVA INSTAGRAM E LA FERRAGNI, MA PIETRO TARICONE (MORTO NEL 2010) - LA “TASK FORCE” AVEVA SCHEDATO I PROFILI DEGLI INFLUENCER CHE POTESSERO ESSERE UTILI ALLA CAUSA: IN QUOTA BONONE C'ERANO DILETTA LEOTTA, GIULIA E LELLIS E MIRIAM LEONE. TUTTI SOGGETTI ESTRANEI AL MONDO DELLA COMUNICAZIONE,  TRANNE UNO MARCO TRAVAGLIO (INCREDIBILE, MA VERO!)

DRAGHI SI È ROTTO IL CAZZO! - IL CDM CONVOCATO A SORPRESA DA “MARIOPIO” E DURATO APPENA 10 MINUTI: IL TEMPO CHE SERVIVA AL PREMIER PER RIMETTERE IN RIGA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA - C’È LA GUERRA IN UCRAINA, L’INFLAZIONE CHE GALOPPA, IL GAS CHE MANCA, E QUESTI SI METTONO A FARE LE FISIME METTENDO A RISCHIO I 200 MILIARDI DELL’EUROPA? ORA BASTA! AL CENTRO DELLA RIUNIONE C’ERA SOPRATTUTTO LA RIFORMA DELLA CONCORRENZA, E LO SBLOCCO DELLE CONCESSIONI AI BALNEARI. IL “GRANDE GESUITA” STA VALUTANDO L’OPPORTUNITÀ DI BLINDARE CON LA FIDUCIA IL PROVVEDIMENTO, CHE COMUNQUE VA CHIUSO ENTRO MAGGIO. ALTRIMENTI, ARRIVEDERCI E GRAZIE…

BOOM! DRAGHI CONVOCA A SORPRESA UN CONSIGLIO DEI MINISTRI CON ALL’ORDINE DEL GIORNO “COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE”. TRADOTTO: UN AVVERTIMENTO DI “MARIOPIO” AI PARTITI, CHE UN GIORNO SÌ E L’ALTRO PURE STREPITANO, SI AGITANO, MINACCIANO DI FAR CADERE IL GOVERNO - IL PREMIER SI È ROTTO LE PALLE: I 200 MILIARDI DEL PNRR SONO A RISCHIO E LUI RISCHIA DI PERDERCI LA FACCIA - L’EX PRESIDENTE DELLA BCE FARÀ UN ULTIMATUM ALLE FORZE DI MAGGIORANZA, DEL TIPO: COSÌ NON SI VA AVANTI. SE NON VI FA COME DICO IO, ME NE TORNO AI GIARDINETTI DI CITTÀ DELLA PIEVE. SARÀ L’ULTIMO AVVERTIMENTO?