TORNA A CASA MATTEO! IL PORTAVOCE DI FORZA ITALIA GIORGIO MULE’: "LE IDEE E L'ANIMO DELLA LEGA È OPPOSTO A QUELLO DEI CINQUE STELLE, IERI SALVINI HA USATO ESPRESSIONI COLORITE MA LUI PER PRIMO SA CHE LA SUA GENTE NON LO SEGUIREBBE SU UN'ALLEANZA CON I GRILLINI DI TIPO ELETTORALE. LA SUA CASA E' IL CENTRODESTRA” – “NO A COTTARELLI, LA PAROLA AGLI ELETTORI"

-

Condividi questo articolo


 

Da Radio Cusano Campus

 

berlusconi salvini berlusconi salvini

Giorgio Mulè è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano.

 

Il portavoce unico dei gruppi parlamentari di Forza Italia sull'attuale situazione politica: "Ora bisognerebbe tornare ad usare un linguaggio più tranquillo. Da troppi giorni si sente parlare di veti, diktat e imposizioni. Salvini? E' un alleato fondamentale del centrodestra, governa con noi da svariati decenni, questa è un'esperienza che non finisce. Il centrodestra dimostra di essere una parte che fa il bene di questo Paese, non si può prescindere dall'alleanza di centrodestra con la Lega e Fratelli D'Italia.

 

GIORGIO MULE GIORGIO MULE

“Salvini lascia intendere che potrebbe presentarsi alle elezioni con i grillini? L'accordo con i Cinque Stelle per la Lega sarebbe uno snaturamento. Già nel contratto di Governo si sono dovuti arrampicare sugli specchi, le idee e l'animo della Lega è opposto a quello dei Cinque Stelle, ieri Salvini ha usato espressioni colorite ma lui per primo sa che la sua gente non lo seguirebbe su un'alleanza con i grillini di tipo elettorale. La casa della Lega è il centrodestra". 

 

BERLUSCONI MATTARELLA BERLUSCONI MATTARELLA

Sulle accuse ricevute dal Presidente della Repubblica: "Nei confronti di Mattarella Berlusconi ha detto parole chiare, giudicando irresponsabile chi chiede un'improbabile messa in stato d'accusa o addirittura l'accusa di alto tradimento nei confronti del Presidente della Repubblica. Si tratta di un'iniziativa avventata, figlia di una reazione scomposta verso un comportamento che è nei poteri del Presidente della Repubblica".

 

COTTARELLI COTTARELLI

Su Berlusconi: "E' pronto a fare campagna elettorale in prima persona, ora può anche tornare in campo da candidato premier. E' prontissimo a guidare sul campo Forza Italia".

 

Su Cottarelli: "E' rispettabile e preparato, però è un tecnico, non è espressione di un Governo politico. Il quinto ce lo siamo risparmiati, sarebbe il quinto bis alla guida del Paese. Onestamente no, non avrà la fiducia di Forza Italia in Parlamento, basta, oggettivamente abbiamo dato, ridiamo la parola agli elettori e torniamo a votare". 

 

Condividi questo articolo

politica

QUINDI, COSA HANNO DECISO AL G7? SPOILER: UN CAZZO, COME AL SOLITO! – TANTE CHIACCHERE E UNA FOTO SENZA GIACCA STILE "CLUB" DI SKY MA POCA CONCRETEZZA: I 7 LEADER HANNO DISCUSSO DELLA GUERRA IN UCRAINA E SOPRATTUTTO DEL TETTO AL PREZZO DEL GAS, VOLUTO DA DRAGHI. “MARIOPIO” È RIUSCITO A FAR INSERIRE NEL COMUNICATO FINALE IL RICONOSCIMENTO DEL PRICE CAP, CHE PERÒ RESTA TUTTO DA IMPLEMENTARE – AMORALE DELLA FAVA: IL SUMMIT È SEMPRE PIÙ MINORITARIO, E AL DI LÀ DELLA FUFFA E DELLE IMMAGINI SIMBOLO, NON RIESCE PIÙ A ESSERE INCISIVO (POSTO CHE LO SIA MAI STATO)

“BERLUSCONI PAGAVA DI PIÙ CHI ERA A CONOSCENZA DI PIÙ COSE, COME KARIMA EL MAHROUG E IRIS BERARDI” – LA MEMORIA DEPOSITATA DAI PM DI MILANO SUL CASO RUBY TER: “BARBARA GUERRA SAPEVA TUTTO DELLA BERARDI, IN RAGIONE DEL LORO RAPPORTO, E MARYSHTELL POLANCO DICEVA DI SAPERE PIÙ DI TUTTE” – “IL PROGRAMMA CORRUTTIVO ERA GIÀ IN ATTO DA 14 GENNAIO 2011, QUANDO VENIVANO RINVENUTI I VERBALI DI SOMMARIE INFORMAZIONI DIFENSIVE”. VERBALI CHE SECONDO GLI INQUIRENTI ERANO FALSI…

GRILLO E I SUOI GRULLI - LO SHOW ROMANO DI BEPPEMAO È STATA LA PROVA VERIFICATA CHE DI ELEVATO, IN MEZZO A QUESTA AMMUCCHIATA DI PIPPAROLI A 5 STELLE, CE N’È UNO SOLO. E CON QUATTRO FRIZZI E LAZZI HA MESSO TERMINE ALLA RICREAZIONE DELL’ASILO MARIUCCIA-CONTE - CARO GIUSEPPE, SI RESTA AL GOVERNO. ANCHE SE NOI USCIAMO, DRAGHI RIMANE IN PIEDI A PALAZZO CHIGI, QUINDI DIVENTIAMO ININFLUENTI, IL PD CI RIPUDIA E CONTEREMO MENO DI QUEL POCO CHE CONTIAMO ADESSO - IL LIMITE AI DUE MANDATI DEVE RESTARE "SENZA DEROGHE". QUAL È IL CRITERIO PER FARE UNA DISTINZIONE: L’ANZIANITÀ, L’AMICIZIA, LA SIMPATIA? - GRILLO A BONAFEDE, ARRIVATO AL SECONDO GIRO DI BOA: “ALFONSO, DAI. TORNERAI A FARE L'AVVOCATO"