TRUFFATI E MAZZIATI - NONOSTANTE GLI ANNUNCI DEL CAZZARO RENZI, LE VITTIME DEL “SALVA BANCHE” RISCHIANO DI RESTARE A SECCO: SOLO UN MIGLIAIO VEDRÀ UN RISARCIMENTO -

I collegi arbitrali definiranno chi rimborsare e quanto, ma non potranno scostarsi da un tetto massimo che andrà definito con i decreti attuativi. Tutto dipende da dove verrà messa l' asticella. Ma non potrà essere troppo alta, considerando che il fondo di solidarietà è stato fissato a 100 milioni di euro… -

Condividi questo articolo


PROTESTE CONTRO BANCA ETRURIA PROTESTE CONTRO BANCA ETRURIA

Antonio Signorini per “il Giornale”

 

I risparmiatori «vittime del salvabanche» hanno due certezze. La prima è che i rimborsi del governo non basteranno. Copriranno parzialmente le perdite di pochi obbligazionisti. A basso reddito, perché così costa meno, non per giustizia sociale. Secondo, loro andranno avanti fino a quando non saranno rimborsati tutti, completamente.

 

Comunque sarà un capodanno mesto per gli obbligazionisti di Banca Marche, Banca Etruria, Cassa di Risparmio di Chieti e Cassa di Risparmio di Ferrara. Martedì hanno visto la conferenza stampa del premier Matteo Renzi, che in teoria si è schierato dalla loro parte. «Chi ha subito un danno perché truffato deve sapere che noi faremo di tutto perché possa riavere i suoi soldi». Ma dietro quel «di tutto» ci sono i tanti ostacoli a un risarcimento totale. Intanto quello macroscopico segnalato ieri dal Corsera, del tetto massimo ai rimborsi previsto dalla legge di stabilità.

PROTESTE CONTRO BANCA ETRURIA PROTESTE CONTRO BANCA ETRURIA

 

I collegi arbitrali definiranno chi rimborsare e quanto, ma non potranno scostarsi da un tetto massimo che andrà definito con i decreti attuativi. Tutto dipende da dove verrà messa l' asticella. Ma non potrà essere troppo alta, considerando che il fondo di solidarietà è stato fissato a 100 milioni di euro.

 

Per questo i risparmiatori si stanno dando da fare in autonomia e cercano soluzioni.

PROTESTE CONTRO BANCA ETRURIA PROTESTE CONTRO BANCA ETRURIA

L' ultima il fondo di garanzia della Consob. L' Aduc, associazione di consumatori, ha proposto di riattivarlo. I risparmiatori si stanno attrezzando per eventuali cause civili.

La maggior parte di noi, spiega un correntista, ha svuotato i conti correnti, ma non li ha chiusi, proprio in vista delle cause. Ma c' è una controindicazione. Alla fine potrebbero ritrovarsi a pagare l' imposta di bollo sul conto titoli. Una beffa ulteriore.

 

I comitati e le associazioni consumeristiche puntano ad allargare il più possibile la platea dei risparmiatori da risarcire. Ma secondo le stime del governo diffuse prima di natale i casi più esposti, quelli sui quali si concentrerà la Camera arbitrale dell' Anac di Raffaele Cantone sono 1.010.

fotomontaggi maria elena boschi e banca etruria 11 fotomontaggi maria elena boschi e banca etruria 11

 

I decreti arriveranno il prossimo anno e non nei primi mesi. Giustificazione ufficiale: studiare bene le competenze delle diverse autorità coinvolte e non creare sovrapposizioni tra l' Anticorruzione, Bankitalia e Consob. Ma il sospetto che si cerchi di fare calmare le acque è forte.

 

Si sa che saranno privilegiati i redditi medio-bassi e si terrà conto di quante cedole sono state incassate. Quanti altri investimenti ci sono nel conto titoli. Poi, ci sono i casi di truffa vera e propria, che fanno storia a sé. Ma anche in questo caso senza certezze. Allo stato, spiegano ancora degli ex obbligazionisti, non sappiamo se in questi casi sarà comunque necessario rivolgersi alla giustizia civile o se saranno gli arbitri a farsene carico.

BANCA ETRURIA BANCA ETRURIA

Il problema fondamentale resta a chi andrà il conto, visto che il governo non può, le nuove banche si sono sfilate e le vecchie sono state svuotate del loro patrimonio.

 

Condividi questo articolo

politica

DUTERTE VUOLE PILOTARE LA SUCCESSIONE: HA SCELTO COME "EREDE" IL FIGLIO DELL’EX DITTATORE MARCOS, MA DOVRÀ VEDERSELA CON PACQUIAO - IL PARTITO FEDERALE FILIPPINO HA ANNUNCIATO COME SUO CANDIDATO ALLA PRESIDENZA FERDINAND "BONGBONG" MARCOS, FIGLIO DELL'EX DITTATORE CACCIATO A FUROR DI POPOLO NEL 1986 DOPO 20 ANNI DI REGIME SANGUINARIO - DUTERTE VORREBBE LUI COME PRESIDENTE E SUA FIGLIA NELLA VESTE DI VICE - SI PREPARA A SFIDARLI IL CAMPIONE DI BOXE MANNY PACQUIAO, AMATISSIMO DAL POPOLO...