VIDEO-FLASH! – IL 25 MAGGIO UN GIORNALISTA HA CHIESTO A MACRON SE AVREBBE SCIOLTO IL PARLAMENTO O SE SI SAREBBE DIMESSO IN CASO DI SCONFITTA ALLE EUROPEE. LUI AVEVA RISPOSTO CON SPREZZO, PIÙ PICCATO CHE IRONICO: "MA FIGURARSI! È UN'ELEZIONE EUROPEA, NON UN VOTO SULLA COSTITUZIONE”. DOMENICA 9 GIUGNO, DOPO LA SBERLA RIFILATAGLI DA LE PEN, MACRON HA SCIOLTO L'ASSEMBLEA NAZIONALE. COSA È SUCCESSO PER FARGLI CAMBIARE IDEA?

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di S. Mon. per il “Corriere della Sera”

 

EMMANUEL MACRON IL 25 MAGGIO NEGA DI VOLER SCIOGLIERE IL PARLAMENTO IN CASO DI SCONFITTA ALLE EUROPEE EMMANUEL MACRON IL 25 MAGGIO NEGA DI VOLER SCIOGLIERE IL PARLAMENTO IN CASO DI SCONFITTA ALLE EUROPEE

[…] La scelta di sciogliere l’Assemblea nazionale e andare a elezioni politiche il 30 giugno e il 7 luglio continua a sembrare un azzardo, una scommessa, o addirittura un suicidio politico. Appena il 25 maggio scorso, in visita a Tourcoing, Macron aveva risposto così a chi gli chiedeva se fosse disposto a sciogliere la camera, come chiedeva Marine Le Pen: «Ma figurarsi! Solo se cambiamo la Costituzione! È un’elezione europea, non un voto sulla Costituzione francese».

 

Che cosa è successo in neanche due settimane per fargli cambiare idea? Macron sperava forse che gli ultimi giorni di grande emozione europeista, tra Normandia e Zelensky all’Eliseo, avrebbero ridotto lo scarto tra il favorito Bardella e la sua capolista Valérie Hayer. Non è stato così, anzi, «l’impegno del Presidente è stato positivo per noi, perché i francesi lo hanno votato ancora meno», dice ancora Marine Le Pen. […]

IL DISCORSO ALLA NAZIONE DI EMMANUEL MACRON DOPO LE EUROPEE IL DISCORSO ALLA NAZIONE DI EMMANUEL MACRON DOPO LE EUROPEE brigitte macron con emmanuel - meme by osho brigitte macron con emmanuel - meme by osho

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?