VIRGINIA RAGGI E’ ANDATA A VOTARE? NON RISULTA CHE LA SINDACA SI SIA RECATA AL SUO SEGGIO, NEL QUARTIERE DI OTTAVIA - ESPRIMERA' IL SUO VOTO O DISERTERA' IL BALLOTTAGGIO?

-

Condividi questo articolo


Da www.leggo.it

 

virginia raggi roberto gualtieri virginia raggi roberto gualtieri

Che fine ha fatto Virginia Raggi? Un autentico giallo il voto al ballottaggio del sindaco uscente di Roma. A metà pomeriggio, infatti, la Raggi non risulta abbia ancora votato nel suo seggio nel quartiere di Ottavia, dove si era recata anche in occasione del primo turno delle elezioni amministrative di 15 giorni fa.

 

A Roma i due candidati sindaco in lizza, Gualtieri e Michetti, hanno già espletato il loro voto al seggio. Lo stesso ha fatto Carlo Calenda con tanto di foto ironica su Instagram "con aria mesta" dopo che al primo turno non è arrivato al ballottaggio pur conquistando circa il 20% delle preferenze.

 

VIRGINIA RAGGI SCONFITTA ALLE AMMINISTRATIVE - MEME VIRGINIA RAGGI SCONFITTA ALLE AMMINISTRATIVE - MEME

Lo stesso è avvenuto nelle altre città dove si registrano ballottaggi, tipo Torino, dove un altro primo cittadino Cinque Stelle come Chiara Appendino ha votato con tanto di pancione per il suo stato interessante. Della Raggi non ci sono tracce? Si recherà al seggio oppure deciderà di non votare?

virginia raggi 9 virginia raggi 9

 

Condividi questo articolo

politica

QUESTO PONTE S’HA DA FARE! LUCIO CARACCIOLO: “IL PONTE SULLO STRETTO VA FATTO PERCHÉ È UNA PRIORITÀ STRATEGICA PER L'ITALIA (PER QUESTO MOTIVO PROBABILMENTE NON SARÀ MAI FATTO)" - "LO STRETTO DI SICILIA È UNO DEGLI SPAZI PIÙ RILEVANTI AL MONDO. NON MOLTO MENO DELLO STRETTO DI TAIWAN. NEL TRIANGOLO DELLA COMPETIZIONE FRA STATI UNITI, CINA E RUSSIA IL CONTROLLO DI QUESTO BRACCIO DI MARE AL CENTRO DEL MEDITERRANEO È ESSENZIALE. QUALCUNO DIRÀ: È TERRA DI MAFIE. MA LE GRANDI INFRASTRUTTURE SONO IL SEGNO CHE..."

LE MIDTERM SONO STATE UNA DISFATTA PER TRUMP – LA VITTORIA DEL CANDIDATO DEMOCRATICO, RAPHAEL WARNOCK, AL BALLOTTAGGIO IN GEORGIA È UNO SCHIAFFONE IN FACCIA A “THE DONALD”: TUTTI I CANDIDATI CHE HA SPONSORIZZATO LUI HANNO PERSO MALAMENTE ALLE MIDTERM – LA VITTORIA REGALA AI DEM IL 51MO SEGGIO AL SENATO, UNO IN PIÙ RISPETTO A PRIMA DELLE MIDTERM. “SLEEPY JOE”, CHE ESCE RAFFORZATO, GONGOLA E PENSA DI RICANDIDARSI: CON MACRON HA BRINDATO ALLA SUA CAMPAGNA PRESIDENZIALE DEL 2024 (SEMPRE CHE IL PARTITO NON LO CONVINCA A RIPENSARCI)

LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI NORDIO VISTA DA FRANCO COPPI, IL DECANO DEGLI AVVOCATI PENALISTI: “OCCORRE RIVEDERE IL TEMA DEL SEGRETO ISTRUTTORIO NON SOLO NELLA PROSPETTIVA DELLE INTERCETTAZIONI, MA STABILIRNE I LIMITI E LE SANZIONI - SEPARAZIONE DELLE CARRIERE? BISOGNA SEPARARE LE PERSONE INTELLIGENTI DA QUELLE CHE NON LO SONO. AFFRONTIAMO IL TEMA DELL'IMMISSIONE DEI MAGISTRATI IN RUOLO CON FORME CHE GARANTISCANO L'IDONEITÀ AL DI LA DELLE CONOSCENZE GIURIDICHE - C'È DA RIVEDERE L'UDIENZA PRELIMINARE, CHE È UN FALLIMENTO - L’ABUSO D’UFFICIO? REATO AL LIMITE DELLA COSTITUZIONALITÀ”

LOBBY CONTINUA – COME HA RIVELATO DAGOSPIA, LA PROIEZIONE AL TORINO FILM FESTIVAL DEL DOCUMENTARIO DI TONY SACCUCCI SU “LOTTA CONTINUA” HA SCATENATO NON POCHE POLEMICHE. NON SOLO PER LA VISIONE PARZIALE CHE DÀ DEL MOVIMENTO DI ESTREMA SINISTRA (ERRI DE LUCA CONTINUA A DIRE CHE LA MILITANZA “ERA LA COSA GIUSTA”) MA ANCHE PER I TRASCORSI DEL DIRETTORE DEL FESTIVAL, STEVE DELLA CASA. MA D’ALTRONDE, SIAMO ABITUATI: GLI EX DI LOTTA CONTINUA DOPO GLI ANNI DI PIOMBO HANNO MONOPOLIZZATO IL GIORNALISMO, LA POLITICA E LA CULTURA…