L'ULTIMO DIEGO D'ITALIA - STASERA ANDRÀ IN ONDA ''L'INTERVISTA'' DI COSTANZO A MARADONA, CON I FILMATI CHE HANNO SEGNATO PER SEMPRE LA STORIA DEL CALCIO - RIVELA IN CHE MOMENTO È NATO IL SOPRANNOME ''PIBE DE ORO'', COSA SIGNIFICA NAPOLI PER LUI, E LA BATTAGLIA CONTRO LA DROGA

-

Condividi questo articolo

Venerdì 27 novembre, in seconda serata,  Canale5 propone l’ultima intervista italiana del Pibe de Oro Diego Armando Maradona, rilasciata a Maurizio Costanzo a “L’Intervista”.

Nel talk one to one l’indimenticabile campione mondiale -il più grande calciatore di tutti i tempi- si confida al giornalista rispondendo in profondità e con sincerità.

Costanzo scava nelle emozioni del suo ospite e al dialogo tra i due si alternato filmati che hanno segnato per sempre la storia del calcio e insieme ripercorrono i momenti più toccanti della vita personale del grande fuoriclasse.

 

Sul soprannome

MAURIZIO COSTANZO E DIEGO ARMANDO MARADONA MAURIZIO COSTANZO E DIEGO ARMANDO MARADONA

“Il nome Pibe de oro nasce durante il periodo in cui ero a Napoli, mi fu dato per tutto quello che sono stato per la città. Andai via da Barcellona perché litigavo con il presidente Núñez, ma non c’erano squadre disposte a comprarmi. Il Napoli fu l’unica che si fece avanti, fu un miracolo portarmi in Italia”.

 

Su Napoli

“Cosa significa Napoli? Il mio cuore. Venivo da una squadra fantastica… ma solo in azzurro ho potuto giocare un campionato intero e fare delle cose che altri non potevano fare”.

 

Sulla droga

“La battaglia più grande che ho combattuto è stata con la droga. È stato l’errore più grande che ho fatto nella mia vita. Io sono fortunato perché oggi ne posso parlare e ne sono uscito in tempo, ma a momenti mi avrebbe ucciso”

 

MAURIZIO COSTANZO E DIEGO ARMANDO MARADONA MAURIZIO COSTANZO E DIEGO ARMANDO MARADONA

Il programma è ideato e scritto da Maurizio Costanzo.

Produce Fascino P.g.t. per Mediaset.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute