E ADESSO VEDIAMO SE I TIFOSI SANNO GESTIRE LE SOCIETA’ DI CALCIO - AL VIA ALLA CAMERA L’ESAME DELLA PROPOSTA DI LEGGE CHE MIRA A PROMUOVERE L’AZIONARIATO POPOLARE NEI CLUB PROFESSIONISTI – COME FUNZIONA IL MODELLO DELLA PARTECIPAZIONE DIFFUSA IN GERMANIA E IN SPAGNA: I CASI BAYERN MONACO, REAL E BARCELLONA (CHE ATTUALMENTE E’ STRA-INDEBITATO)

-

Condividi questo articolo


barcellona barcellona

(ANSA) L'Aula della Camera ha iniziato l'esame della proposta di legge che mira a promuovere l'azionariato popolare nelle società sportive professioniste di calcio. In precedenza si era svolta in Aula la discussione generale sulla pdl sul conflitto di interessi.

 

L’AZIONARIATO IN SPAGNA

Da ecodibergamo.it

 

Alla fine degli anni ’80 tutti i club iberici sono associazioni senza scopo di lucro e la maggior parte di loro grava in condizioni economiche disastrose; si rende necessario un intervento del governo che emana la “Ley del Deporte 10/1990” che istituisce la cosiddetta “SAD”, Sociedad Autonoma Deportes, di fatto una società che ha come unico oggetto sociale la gestione sportiva del club.

 

Notevoli le differenze con la Bundesliga perché in questo caso la scelta è molto più netta: o si rimane con una conduzione di tipo cooperativistico (1 socio = 1 voto) oppure si apre definitivamente agli investimenti privati con unica condizione che l’acquisizione dei diritti di voto superiore al 25% debba essere approvata dal Consejo Nacional Deportes, oltre al fatto che chi possiede una quota superiore al 5% non può detenerne nessun altra in qualsiasi differente società...

BAYERN MONACO 33 BAYERN MONACO 33

 

Il legislatore concesse la possibilità di rimanere società senza scopo di lucro solo ai club che all’epoca potevano vantare almeno 5 anni o più con risultati economici positivi: rispettavano questa condizione solo Real Madrid, Barcellona, Athletic Bilbao e Osasuna che a tutt’oggi risultano governate dall’azionariato popolare. Il modello risulta sostenibile e vincente solo quando la partecipazione dei soci è largamente diffusa, vi sono forti tradizioni storiche ed il club attira in modo continuativo l’attenzione dei grandi sponsor, esattamente quello che succede in Germania con Bayern Monaco e Borussia Dortmund.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)